Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'legge'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • XtremeHardware
    • Concorsi
    • Notizie dal Web
    • Recensioni e Articoli
  • Annunci del forum
    • Annunci dallo staff
    • Presentazione nuovi utenti
  • Hardware
    • CPU & Overclock
    • GPU & Overclock
    • Schede Madri & RAM
    • Alimentatori
    • Reti e Modem
    • Case
    • Retrocomputing
  • Periferiche Hardware
    • Audio e HiFi
    • Gaming e non solo
    • Monitor
    • Periferiche di memorizzazione
    • Periferiche varie
  • SOS veloce
    • Problemi Software o Driver
    • Problemi Hardware
    • Consigli per gli acquisti
  • Xtreme Overclock
    • XtremeHardware-OC-Team
    • Xtreme Overclocking Help
  • Small Form Factor (SFF Mini-itx, HTPC, NAS, Nettop)
    • SFF: Guide, Consigli e Configurazioni
    • SFF: CPU, Mainborad, VGA, Accessori
    • SFF: Chassis, PSU, Cooler, Nettop
  • Cooling
    • Air Cooling
    • Water Cooling
    • Extreme cooling...
  • Modding e galleria
    • Modding
    • Bitspower - Supporto Ufficiale
    • Galleria PC Utenti
  • Mondo Mobile
    • Navigatori Satellitari
    • Notebook
    • Tablet
    • Smartphones
    • Lettori mp3/mp4 e Navigatori Satellitari
  • Elettronica e Programmazione
    • Programmazione
    • Elettronica e sistemi embedded
    • Nuove tecnologie
    • Bitcoin e altre criptovalute
  • Software
    • Software per Windows
    • Linux & MAC
  • Multimedia
    • Fotografia, Fotoritocco e grafica
    • Video, Videocamere e Video-editing
    • TV e lettori multimediali
  • Giochi & Console
    • PC Games
    • Console
  • Mercatino
    • Vendita Hardware
    • Vendita Cooling
    • Vendita Varie
    • Acquisto Hardware
    • Acquisto Cooling
    • Acquisto Varie
  • 4 chiacchiere...
    • Piazzetta
    • Musica, cinema e sport

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Scheda Madre


Processore


Ram


Scheda Video


Case


Notebook


Occupazione


Interessi


Città


Biografia


Homepage


Icq


Aim


Yahoo


Msn


Skype


Facebook username

Found 7 results

  1. Interessante ed esemplare vicenda del blogger Massimo Russo: Bisogna essere dotati di pazienza e cocciutaggine, ma si può. Apple, se si è disposti a insistere e a non darsi per vinti, alla fine riconosce il diritto del consumatore a ricevere assistenza in garanzia anche dopo i primi 12 mesi dall’acquisto propri prodotti. Anche se non si è pagato il sovrapprezzo per la garanzia aggiuntiva. E senza il bisogno di imbarcarsi in lunghe e pesanti vertenze giudiziarie. E’ successo a me. Ecco come. Premessa A tutti i legionari Apple: a priori non sono né pro né contro la mela. Sto scrivendo con un notebook Dell, la classe media dei pc per definizione. Ma in famiglia usiamo 4 iPod, 2 iPad, un Macbook, e ho acquistato il primo Mac da tavolo nel 1990. Riconosco il genio di Steve Jobs e l’eccellenza di molti prodotti Apple. Ma non mi piace la prepotenza che la casa spesso mostra nei confronti delle altre aziende e dei suoi clienti (come quando, unilateralmente, firma le e-mail del proprio centro assistenza con questa frase: “È rigorosamente vietato distribuire, ritrasmettere, copiare o divulgare il contenuto della trasmissione sopra menzionata”). L’antefatto La querelle è nota. Il codice del consumo (articoli 132 e 133) prevede che la durata legale della garanzia sia di 24 mesi, i primi 12 coperti dal fabbricante, i secondi dal distributore. Apple, a meno che non si sia acquistato un piano di garanzia che comporta un sovrapprezzo, riconosce solo il primo anno. Su questo il Centro ricerca tutela consumatori utenti di Trento ha denunciato la Apple per prassi commerciale sleale e l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust) ha aperto un’inchiesta. Il fatto Il 2 agosto metà dello schermo del mio iPad ha smesso di funzionare. Nella parte inferiore le immagini erano le solite, in quella superiore si scomponevano in una miriade di linee colorate. Un effetto lisergico e anche piacevole, se non fosse che all’improvviso l’attrezzo era divenuto inservibile. Nulla da fare. L’avevo comprato a metà giugno del 2010, quattordici mesi prima, dunque secondo Apple fuori garanzia, secondo la legge italana sotto garanzia del distributore. E nel mio caso il negoziante era proprio Apple, visto che la vendita era avvenuta online sul sito della casa. Fiducioso, ho compilato il moduo online e poi ho inviato il fax richiesto dalle istruzioni chiedendo assistenza. Il primo rifiuto Il 12 agosto ho ricevuto questa e-mail. “Gentile cliente Apple, Numero di serie prodotto: GB0244D4ETU Codice di riparazione: 236663751 La ringraziamo per avere inviato il fax con la prova d’acquisto del suo prodotto ad Apple. Dopo avere controllato la prova d’acquisto, la data associata al suo prodotto Apple e’ stata aggiornata. Con effetto immediato, la data di acquisto del prodotto nei nostri sistemi e’ aggiornata al: 15/06/2010. Secondo questa data, il prodotto non è più coperto da garanzia. Se desidera procedere con la riparazione, le spese saranno a suo carico. Abbiamo annullato la sua richiesta di assistenza”. Le telefonate Da questo momento in poi ogni altro tentativo di contatto via e-mail non ha funzionato. Anzi, non sono nemmeno più riuscito a compilare un nuovo modulo di richiesta assistenza. Ai primi di settembre ho deciso di provare al telefono. Il 9 una gentile signorina di nome Elena mi ha chiesto di compiere una serie di lunghe e noiose procedure (backup della macchina, ripristino, etc…) che avevo già tentato per conto mio. Nulla di fatto. Il 12 ho riprovato, ho parlato con un altro gentile signore che, sulle prime ha detto che l’iPad era senz’altro caduto (falso) e che la garanzia non copriva gli urti. Poi (rumore di unghie che scivolando grattano sul vetro) che in ogni caso era stato sottoposto a condizioni di calore o umidità eccessive (certo l’agosto romano è qualcosa, ma quest’anno poi nemmeno troppo). E infine che comunque era fuori dai termini temporali di garanzia. Di fronte alle mie insistenze infine mi veniva indicato un centro assistenza autorizzato in Prati, a Roma, dove avrei potuto portare la macchina per una diagnosi. Il centro assistenza Gentilissimi. Di più, comprensivi.”Ha ragione, abbiamo lo stesso problema anche noi”, mi ha detto una signorina. “Vedo che il difetto non dipende da un urto e che schermo e scocca sono intatti. Ma non possiamo derogare. Certo, se fosse stata la batteria avremmo potuto chiedere la sostituzione, ma così non so cosa possiamo fare, lei ormai ha dichiarato che si tratta dello schermo. Dobbiamo essere autorizzati alla riparazione in garanzia, e questo può venire solo dalla sede. Lo lasci qui, li chiami e poi ci faccia sapere non appena le hanno dato il via libera”. Un suo collega ha aggiunto: “Non è che può fare della pubblicità negativa vero? Perché a quella sono sensibili, e insomma, se uno protesta minacciando scandalo, alla fine qualcosa ottiene”. “Voglio essere un normale cittadino”, ho risposto loro. “Non il privilegiato che minaccia e porta a casa”. E poi, che anche con Steve Jobs (all’epoca ancora in vita) dovesse finire a “Lei non sa chi sono io”, mi pareva davvero troppo. In fondo esiste una regola. Prevede che la garanzia sia di due anni. E così facile. Basta rispettarla. Sono tornato a casa, con in tasca l’199-120-800. Il numero da chiamare per chiedere che il centro assistenza fosse autorizzato ad assistermi. Un passo indietro Pensavo di essere più vicino al bandolo della matassa. Mi sbagliavo. L’199 mi ha respinto con fermezza. “Noi non possiamo interagire con i centri assistenza, quello è un circuito diverso dalla casa madre. E poi lei è fuori garanzia”. Ho insistito e richiamato, fino a che sono ruscito a ottenere di essere passato all’assistenza di secondo livello. E siamo a fine settembre. Qui una signora di nome Fabiana mi ha detto: “Posso aiutarla, ma lei deve ritirare la macchina dal centro assistenza. Poi, quando ne è di nuovo in possesso, mi ricontatti e riceverà istruzioni”. Un gioco dell’oca Roba da libro di le Carré. Comunque, ormai pronto a tutto, ho deciso di fare come mi aveva detto. Ho recuperato l’iPad e il 4 ottobre ho scritto alla signora Fabiana. Gentile sig.ra Xxxx, come da lei suggerito durante la nostra telefonata della scorsa settimana, ho provveduto a ritirare l’iPad (numero di serie prodotto: GB0244D4ETU) che avevo portato al centro assistenza autorizzato Yyyyy di Roma, dove avevano tra l’altro riscontrato la mancanza di danni sulla scocca o sul display dell’apparecchio. La vicenda dura dal 2 di agosto e ha avuto le seguenti tappe (per brevità le risparmio nomi e date, ma conservo tutti i dettagli e sono certo li potrà appurare lei stessa dal vostro backend): 1. rigetto della richiesta di riparazione in garanzia (garanzia dei primi 12 mesi scaduta da 40 giorni, garanzia del rivenditore NON riconosciuta) 2. primo contatto con il vostro call center (back up e reset completo della macchina, difetto irrisolto) 3. secondo contatto con il vostro call center (invocazione di cause improbabili del guasto come umidità e caldo, infine indicazione di consegna dell’apparecchio al centro Yyyyy) 4. consegna dell’apparecchio all’assistenza, che mi ha sollecitato la chiamata al vostro 199 perché fossero autorizzati a procedere 5. telefonata all’199 6. escalation all’assistenza di II livello (lei) che - contrordine - mi ha consigliato di ritirare la macchina e di chiedere assistenza diretta (cosa che sto facendo con questa mail). Tutto ciò considerato, le chiedo formalmente di provvedere alla riparazione/sostituzione in garanzia da rivenditore (durata di 12 mesi, dopo i 12 mesi assicurati dal produttore, per complessivi 24 mesi), come previsto dagli articoli 132 e 133 del codice del consumo. Le ricordo che ho acquistato l’apparecchio online direttamente da Apple, che dispongo di fattura italiana, e che l’articolo 134 dello stesso codice dichiara non valida qualsiasi clausola contrattuale che possa menomare i diritti del consumatore. A questo punto resto in attesa che vogliate rispettare la legge, smetterla di maltrattare un vostro cliente, e procedere alla riparazione/sostituzione. A meno che non abbiate da suggerire un ennesimo giro di dadi di questo gioco dell’oca, che comincio a trovare piuttosto irritante. Una sola certezza: sono piuttosto cocciuto. Se aspettate che io mi stanchi, posso assicurarvi che non accadrà. Cordiali saluti La sparizione della signora Fabiana Sparita, scomparsa. Non mi ha più risposto. Ho provato a riscriverle, nulla (anche Cupertino ha una sua Siberia?). Fatto sta che il 12 ottobre, esasperato, ho rifatto la trafila telefonica fino al secondo livello (nemmeno un videogame della playstation), fino ad arrivare a Jury. “Fabiana è stata trasferita ad altro incarico”, ha affermato in modo molto professionale, “mi occuperò di lei e risolverò il suo problema”. Jury=Wolf Insomma, Jury come il Wolf di Tarantino. E davvero mi è sembrato, finalmente, di essere vicino alla luce. Con Jury in effetti è cambiato tutto. A una velocità impressionante. Il 14 ottobre un corriere è arrivato e ha impacchettato l’iPad rotto. Il 15 l’iPad è arrivato in Olanda, al centro assistenza Apple. Il 17 hanno deciso di sostituirlo e me l’hanno rispedito. Il 18 il nuovo era a casa mia. Da non credere potesse essere così semplice. Morale, a tutti gli sventurati clienti Apple bistrattati: insistete. E se vi diranno che siete fuori garanzia anche se i due anni dall’acquisto non sono scaduti, rispondete con il nome in codice: “Jury”. Fonte: Kataweb.it - Blog - Cablogrammi » Blog Archive » Apple: come ottenere i due anni di garanzia che spettano per legge
  2. Presa da elaborare.it
  3. l'Onorevole Marco Beltrandi della Rosa nel Pugno.ha presentato un progetto di legge che prevede la legalizzazione della condivisione delle opere digitali coperte da diritto di autore. Tale proposta rappresenterebbe una profanda svolta per la legislatura italiana. Beltrandi sostiene che l'attuale legge è fortemente sbilanciata dalla parte degli editori/produttori. Tale legge infatti rischia di ledere sia il singolo utente(che condivide pochi file musicali) sia la collettivita' che vede leso il diritto al sapere e alla cultura. Il punto di equilibrio risiederebbe nell'introdurre licenze collettive per il web(come gia' è in atto nel nord Europa). Fonte: Azpoint
  4. Forse ci si appresta a raggiungere un nuovo traguardo per la lotta alla difesa della privacy
  5. Roma - L'ordinanza con cui è stato imposto a Telecom di consegnare i nomi di 3600 dei propri utenti che, secondo un discografico tedesco, hanno violato la normativa sul diritto d'autore è al centro di una lettera con cui Fiorello Cortiana, membro del Comitato consultivo sulla Governance di Internet del Ministero dell'Innovazione, sollecita un intervento di verifica da parte del Garante per la privacy. Il timore, infatti, è che le operazioni condotte dal discografico e dai suoi associati siano illegali. Qui di seguito il testo della missiva:
  6. AltroConsumo la nota associazione sui diritti dei consumatori pochi giorni fa ha lanciato una petizione online per la modifica del Decreto Urbani. Altroconsumo non richiede di certo che il P2P illegale diventi legale, ma che vengano approvate delle modifiche sostanziali alla legge "nell'interesse dei diritti dei consumatori e per favorire lo sviluppo di un mercato moderno, efficiente e concorrenziale dei contenuti digitali". Per firmare la petizione: PETIZIONE Per avere piu' informazioni: Coolstreaming IPTV - Broadcast your Tv! Ogni vostro contributo puo' essere determinante!. Se avete un blog o sito riportate questa notizia o inserite i banner che trovate in questa pagina: Coolstreaming IPTV - Broadcast your Tv! Visto che non è spam...RAGA DIFFONDETELA QUANTO PIU' POTETE!
  7. IL GIGANTE dell’elettronica NEC ha sviluppato un chip che può leggere i formati Blu-ray e HD-DVD. Se il chip venisse adottato, significherebbe la fine della guerra tra i due formati e si potrebbe cominciare a comprare serenamente la prossima generazione di lettori DVD. Secondo ArsTechnica, il chip NEC gestisce oltre alla decodifica in streaming anche la logica interna del drive. Secondo i piani, dovrebbe venir associato alle ottiche laser di Ricoh che lavorano in quattro diverse modalità e possono gestire entrambi i formati dei dischi ad alta definizione. A quanto pare i lettori DVD che utilizzeranno il chip saranno un po’ più costosi del normale, ma notevolmente più economici rispetto all’acquisto di due macchine, una Blu-ray e una HD-DVD, non che qualcuno si sarebbe mai sognato di farlo. Naturalmente si presuppone che Sony faccia un passo indietro e fornisca un po’ di licenze per questi lettori a doppio standard. Al momento non ci sono molte indicazioni che l'azienda muoia dalla voglia di farlo. Fonte theinquirer.it NEC realizza un chip che legge Blu-ray e HD-DVD Speriamo che si decidano veramente a fare un lettore unico per i due formati, che poi sarebbe la soluzione più logica per gli utenti finali. Mi sembra di rivivere le stesse vicende dei dvd con i +R e -R Valerio
×
×
  • Create New...