• Hardware
  • Posted
  • Hits: 2668

Intel Ivy Bridge i7-3770K testato con un'altra pasta termica

Due giorni fa, grazie a PCWatch, abbamo visto come l'efficienza della pasta termica utilizata tra die ed HIS, nei processori Intel Ivy Bridge, non sia particolamente elevata.

Un ulteriore test giunge dal forum di PCEva, dove è stata sostituita la TIM Intel, ovvero la Star DRG33, con una più performante e nota Noctua NH-T1.

nt-h1



Abbiamo già evidenziato nella nostra recensione, come dopo una certa soglia di frequenza, i processori Ivy Bridge scaldino molto, limitandone le potenzialità in overclock con sistemi dissipativi convenzionali. Vediamo dunque se anche i risultati ottenuti da PCEva evidenziano che tale problema derivi proprio dalla TIM adottata da Intel.

La configurazione è così composta: Intel i7-3770K, Noctua NH-D14, MSI Z77A-GD65, G.Skil  F3-14900CL9D-8GBSR, Plextor PX-128M2P, MSI 6570 ed Enermax Revolution 85+ 1050W.
Il sistema è stato testato alla frequenza di 4,4 GHz e con Vcore di 1,160 V, con il software stress-test Prime95.

DRG33-run

Con la pasta termica di serie, in poco tempo sono state raggiunte temperature molto elevate, fno a 91°C e si è presto verificato una BSOD.

nt-h1-run
 
Utilizzando invece la pasta termica Noctua NH-T1, la temperatura massima raggiunta è stata di 71°C (ben 20°C in meno) e non si è manifestata alcuna schermata blu.

pastebench

In quest'ultimo grafico, sono state confrontate altre paste termiche e, dove indicato, anche con il dissipatore a diretto contatto con il die.

È indubbiamente vantaggioso rimuovere l'IHS e sostituire la pasta termica presente con una più prestante, ma la pratica andrà inevitabilmente a far decadere la garanzia sul processore.

Andrea Fanfani
Redazione XtremeHardware