Martedì, Lug 2020

One Week, One Distro: Ubuntu 20.04 Focal Fossa

Indice articoli

prima immagine f28d1

Premessa

Finalmente ci siamo. Con questo articolo prende il via ufficialmente il progetto One Week, One Distro.

Siamo stati a lungo combattuti sulla scelta della prima Distribuzione GNU/Linux da proporre in questa serie ma alla fine ci è sembrato doveroso dare spazio, tra le tante, a quella che più di tutte ha cercato nel corso della sua storia di avvicinare Linux ad un utenza “domestica”. Ovviamente stiamo parlando di Ubuntu, la Distro del momento che recentemente ha fatto parlare di sé sia per il rilascio di una nuova release LTS che per alcune innovazioni coraggiose e controverse.  Ma partiamo dall’inizio…

Un po’ di storia

Correva l’anno 2004 quando Mark Shuttleworth, imprenditore Sudafricano con cittadinanza britannica, decise di mettere insieme un team di programmatori Open Source con l’obiettivo di creare una distribuzione Linux user-friendly incentrata sul concetto di libertà.Mark 02238

Le linee guida prevedevano una base Debian, il desktop Gnome e rilasci di versione periodici. Ad ottobre dello stesso anno la prima versione ufficiale era pronta per essere presentata al mondo con il nome di Ubuntu 4.10 Warty Warthog.

Ubuntu è una bellissima parola africana che da sola riesce a riassumere i concetti di un’intera ideologia e che possiamo, semplificando, tradurre con “umanità verso gli altri”. Per la numerazione si decise di adottare un approccio M.AA e di associargli il nome di un animale accompagnato da un aggettivo allitteranti.

La crescita di Ubuntu è stata inarrestabile nel corso degli anni e ancora oggi è considerata da molti la Distribuzione di riferimento nel mondo GNU/Linux, anche in virtù delle numerose Derivate nate dalle sue solide fondamenta.

 

I ferri del mestiere

Per effettuare i nostri test abbiamo installato Ubuntu 20.04 in dual-boot con Windows 10 su un Laptop HP Envy 15 di qualche annetto fa ma che rientra ampiamente nei requisiti hardware richiesti dalla distribuzione.


 

Prime impressioni

desktop pulito c6b63

Nelle ultime versioni di Ubuntu l’ambiente grafico Gnome, giunto ormai alla versione 3.36.2, ha definitivamente soppiantato Unity, andato in pensione prematuramente ma non senza lasciare in dote la sua eredità. Gnome è stato evidentemente personalizzato da Canonical per assomigliare al suo predecessore e infatti la storica Dock ci appare proprio dove l’avevamo lasciata, a sinistra dello schermo. Quelle grosse icone quadrate in stile tablet ci invogliano quasi a poggiare il dito sul monitor per avviare le applicazioni. In effetti, sotto molti punti di vista, sembra proprio di avere a che fare con un'interfaccia tipicamente Mobile: il pulsante in basso a sinistra (che funziona come il Drawer di Android) drawer 2adf6

e una sorta di tendina delle notifiche posta nella parte alta al centro dello schermo

tendina notifiche d664c

dimostrano quanto sia ancora forte il desiderio del Team di sviluppo di creare un Sistema Operativo che possa offrire lo stesso tipo di esperienza sia su PC che su dispositivi Mobile. Nell’angolo in alto a destra troviamo infine un menù poco invasivo per gestire rapidamente luminosità, suoni, connessioni e spegnimento.

Menù in alto destra

Un desktop essenziale e pulito insomma, decisamente user-friendly ma che richiede comunque un po’ di tempo per essere digerito.

Corsair

Follow us on Instagram

Segui il nostro profilo Instagram

Articoli Correlati