• SSD
  • Posted
  • Hits: 8830

OCZ Trion 100 480GB

Indice articoli

Il Controller

Come avrete notato dalle precedenti immagini, anche lo chassis del Trion 100 è privo di viti. OCZ per il Trion ha utilizzato un assemblaggio, visto anche nel Patriot Ignite (QUI recensito), privo di viti per tenere in sede il PCB e le due parti dello chassis. Nel dettaglio, dunque, troviamo un classico sistema ad incastro che permette di risparmiare ulteriormente sull’assemblaggio dello stesso ma senza sacrificare la qualità complessiva del prodotto.

Inoltre, si può notare come per l’OCZ Trion 100 non sia presente il classico sigillo di garanzia. -Ciò non vuole comunque dire che potrete aprirlo senza problemi, ma solo che non è presente il classico sigillo. Ovviamente se aprirete l’SSD e farete danni sicuramente il drive non potrà essere riconosciuto in garanzia.

Per potervi mostrare il PCB e la relativa componentistica dell’OCZ Trion 100, ci siamo muniti di piccoli Tools in plastica, gli stessi per aprire gli smartphone o tablet, e con tre semplici mosse abbiamo sganciato i fermi delle due parti dello chassis in modo da poter accedere all’interno del drive.

 

Ocz-Trion-100-Controller-1

 

Rimosso il coperchio principale, abbiamo proceduto ad estrarre anche il PCB con lo stesso metodo.

 

Ocz-Trion-100-Controller-2

 

Avremo dunque e finalmente il PCB dinanzi a noi. Il PCB impiegato per l’OCZ Trion 100 è identico per dimensioni a quello visto nel Patriot Ignite, infatti le dimensioni sono dimezzate rispetto ad un PCB Full Size ma non per questo manca di componenti di qualità.

 

Ocz-Trion-100-Controller-5

 

Possiamo inoltre notare come la componentistica sia presente solo nel lato superiore del PCB una vostra estratto lo stesso dallo chassis.

 

Ocz-Trion-100-Controller-3  Ocz-Trion-100-Controller-4

 

Procedendo ad analizzare il PCB e la componentistica possiamo vedere come il PCB sia interamente di colore blu e siano presente solo il controller, i quattro moduli NAND TLC ed il moduli DRAM.

 

Ocz-Trion-100-Controller-9

 

In posizione centrale e ruotato di circa 45 gradi troviamo il controller e cuore fondamentale di questo SSD. Nel dettaglio è presente un controller di produzione Toshiba modello TC58 e siglato TC58NC1000GSB-00 codename Alisham (come rilevato dal programma SSD-Z). Non sono presenti pad termici quindi deduciamo che tale controller non scaldi molto e quindi non abbia bisogno di una dissipazione aggiuntiva. Ricordiamo che tale controller era stato presentato già al Computex 2015 insieme all'introduzione delle NAND TLC sempre di produzione Toshiba a 19nm.

 

Ocz-Trion-100-Controller-6

 

Proseguendo l'analisi troviamo a lato destro del controller i quattro moduli NAND TLC di produzione Toshiba a 19nm che lavorano in perfetta sinergia con tale controller. A differenza di altri SSD ove erano presenti diversi problemi con NAND 2D TLC, vedasi Samsung 840 EVO che a seguire sono stati fixati, con il Trion 100 non sussistono più in quanto Toshiba ed OCZ hanno lavorato duramente anche lato firmware. Il lavoro svolto è stato eccellente grazie anche all'impiego della tecnologia Toshiba QSBC (Quadruple Swing-By Code) supportata agevolmente dal controller Toshiba TC58. Per dirla in poche parole tale tecnologia esegue un controllo ECC (Error Correction Code), come per le memorie Server, sulle NAND a prevenire eventuali errori o corruzioni dei dati con il tempo. Nel dettaglio troviamo comunque quattro moduli NAND di tipo TLC a 19nm siglati TH58TETOUDKBAEF. 

 

Ocz-Trion-100-Controller-8

 

A completare il Trion 100 sotto il punto di vista prestazionale è il chip DRAM Cache di produzione Nanya siglato NT5CC256M16DP-D1 da 512MB. 

 

Ocz-Trion-100-Controller-7

 

Nel complesso l'OCZ Trion 100 adotta una componentistica di valida qualità prestazionale seppure le NAND TLC a 19nm hanno ''bisogno'' della funzione SLC Mode per sopperire alle scarse prestazioni in scrittura delle NAND di questo tipo (vedasi benchmark a disco quasi pieno con Anvil). Nel complesso però Toshiba ed OCZ hanno fatto un ottimo lavoro.