ASUS ROG STRIX RTX 2060 OC: fascia media, prestazioni elevate

STRIX RTX 2060 OC 03Quest'oggi andiamo ad analizzare da vicino le caratteristiche tecniche e le performance di una scheda video facente parte della famiglia Republic Of Gamers di Asus; la ASUS ROG STRIX RTX 2060 OC.

 

ROG

ASUSTek Computer Inc. è una compagnia taiwanese fondata nel 1989 da Ted Hsu, TH Tung, Wayne Hsieh e MT Liao che è riuscita sin da subito a farsi apprezzare nel mercato delle schede madri grazie a prodotti di eccellente qualità e dall'utilizzo di soluzioni innovative. Con il passare degli anni è riuscita ad entrare anche nel mercato delle schede video dove ha riscosso notevole successo attraverso moltissimi riconoscimenti in tutto il mondo e una community sempre più grande e unita.

Attualmente è un vero punto di riferimento per qualsiasi settore desktop anche grazie alla sua serie "estrema" Republic Of Gamers (ROG) che, come suggerisce il nome, è dedicata ai gamers più esigenti ma soprattutto agli overclockers.

La ASUS ROG STRIX RTX 2060 OC è dunque una scheda di fascia medio-alta dotata di GPU Nvidia GeForce RTX 2060 avente 1920 CUDA Core, 6GB di memoria RAM GDDR6 operante alla frequenza di 7000MHz (che diventano 14000) ed avente un memory bandwitch pari a 192-bit.

Dotata di 10,8 miliardi di transistor (processo produttivo a 12nm) differisce dalla versione reference oltre che nell'aspetto anche nelle frequenze di funzionamento (ovviamente); la RTX 2060 reference opera ad una frequenza di boost pari a 1680MHz (per quanto riguarda il core della GPU) mentre nella STRIX RTX 2060 OC abbiamo la modalità predefinita (gaming profile) impostata a 1830MHz con possibilità di switchare tramite GPU Tweak II alla modalità "OC Profile" che porta la frequenza di funzionamento a 1860MHz.

ASUS ROG STRIX RTX 2060 OC: fascia media, prestazioni elevate

All'atto pratico questa differenza è pressocché nulla, ma il balzo dalle frequenze standard fa guadagnare qualche frame nei giochi, come vedremo successivamente.

thumb STRIX RTX 2060 OC feaures 02

Dotata di un PCB e di una colorazione completamente nerala STRIX RTX 2060 OC tiene a bada i bollenti spiriti grazie ad un sistema di raffreddamento studiato nei minimi dettagli.
La scheda è infatti dotata di ben 3 ventole da 80mm di tipo "Wing Blade" certificate IPX5 che rimangono ferme se la temperatura rilevata è inferiore ai 55° C; questa tecnologia viene chiamata da ASUS "0db" ed è attiva se impostiamo il BIOS della scheda su "Quiet".
Questo modello è infatti dotato di dual BIOS, selezionabile tramite un piccolo switch presente sul PCB; le modalità disponibili sono appunto la "Quiet" che ferma le ventole e la "Performance" che garantisce una ventilazione costante della scheda.
In entrambi i casi comunque le frequenze di funzionamento rimangono le medesime.

STRIX RTX 2060 OC feaures 03

thumb STRIX RTX 2060 OC feaures 04

Il grosso dissipatore in alluminio è costruito con tecnologia MaxContact che consiste in una "lappatura" a specchio della superficie che va a contatto con la GPU che ha lo scopo di evitare la formazione di piccole "sacche" d'aria che vanno ad interferire sullo scambio termico e di conseguenza aumentare le temperature in fase di funzionamento.

STRIX RTX 2060 OC feaures 01

Come per tutti gli altri prodotti della famiglia ROG anche la STRIX RTX 2060 OC è dotata di LED RGB che permettono la completa personalizzazione di colori e giochi di colore tramite il software AURA SYNC; è inoltre presente un pulsante fisico sul PCB che consente di disabiliare i LED.

explorer LJZTNyBW5Y

CARATTERISTICHE

Riportiamo di seguito la tabella inerente le caratteristiche tecniche del prodotto, ricordando che tali informazioni sono consultabili presso il sito internet del produttore: 

https://www.asus.com/it/ROG-Republic-Of-Gamers/ROG-STRIX-RTX2060-O6G-GAMING/specifications/

thumb STRIX RTX 2060 OC feaures 06


Analizziamo ora le nuove tecnologie messe a disposizione da Nvidia per queste nuove schede grafiche RTX 2000. Per spiegare le nuove tecnologie apportate da Nvidia per le sue nuove schede GeForce, vi proponiamo questi due fantastici video che illustrano una delle principali caratteristiche delle schede RTX 2000, ossia il Ray-Tracing:

 

Riassumendo le principali novità introdotte con la serie RTX 2000, abbiamo:

NVIDIA Ray-Tracing

Il Ray tracing, che per lungo tempo è stato utilizzato per il rendering non-realtime, fornisce un’illuminazione realistica grazie alla simulazione del comportamento fisico della luce. Il Ray tracing calcola il colore dei pixel tracciando il percorso che la luce percorrerebbe se viaggiasse dall’occhio dello spettatore verso la scena virtuale 3D. In questo percorso la luce potrebbe riflettersi da un oggetto ad un altro, provocando riflessi realistici, essere bloccata da un oggetto, generando ombre, o passare attraverso oggetti trasparenti o semi-trasparenti, causando rifrazione, tutto questo in real-time. Tutte queste interazioni sono combinate per produrre il colore finale del pixel che è mostrato a video.

Nvidia DLSS

Il DLSS (Deep Learning Super Sampling) è la nuova tecnologia RTX che usa la potenza del deep learning e dell'IA per addestrare la GPU al rendering di immagini nitide, con esecuzioni fino a 2 volte più veloci rispetto alle GPU di precedente generazione, utilizzando tecniche anti-alias convenzionali.

Nvidia NVLINK

Questo nuovo connettore va a sostituire il glorioso SLI, per garantire una maggiora banda passante tra le due schede video, così da supportare display 4K HDR con refresh rate di 144 Hz e risoluzioni ancora più alte, ad esempio quella 8K.


La ROG STRIX RTX 2060 OC viene venduta all'interno di una confezione molto colorata, esattamente come per le soluzioni di fascia più alta analizzate precedentemente.
Sul fontale trova posto una immagine del prodotto con il modello scritto a caratteri cubitali mentre sul retro possiamo trovare tutte le informazioni relative alle feature e caratteristiche tecniche del prodotto stesso.

STRIX RTX 2060 OC 01 STRIX RTX 2060 OC 02

All'interno della confezione troviamo una seconda custodia in cartone riportante la scritta "STRIX"; aperta questa ci troviamo di fronte all'imbottitura che previene urti e protegge il prodotto.

STRIX RTX 2060 OC 18

STRIX RTX 2060 OC 20


Il bundle è composto da:

  • La ASUS ROG STRIX RTX 2060 OC;
  • Un DVD contenente software, driver e manuali;
  • Un quick setup guide;
  • Due fascette in velcro.

STRIX RTX 2060 OC 19b

Esteticamente la scheda ricorda in tutto e per tutto  le altre versioni STRIX da noi testate.
Come già accennato in precedenza il layout è customizzato e la scheda si presenta  in una veste total black.
La scocca del dissipatore ha forme aggressi ed è interamente in plastica (realizzarla in metallo sarebbe complesso e sicuramente dispendioso) ed è caratterizzata dalla presenza delle tre ventole Wing Blade da 80mm che vanno a coprire il generoso dissipatore "MaxContact".

STRIX RTX 2060 OC 08 

STRIX RTX 2060 OC 10 STRIX RTX 2060 OC 09

Si possono notare feritoie che lasciano spazio ai LED che danno un tocco di colore in fase di funzionamento.
Osservando la scheda di taglio si nota la scritta a caratteri cubitali "GEFORCE RTX" e "Republic Of Gamers" che, in fase di funzionamento, si ullumina secondo le nostre scelte.
Sempre qui trovano posto i connettori dell'alimentazione 8+6 Pin e 

STRIX RTX 2060 OC 13

STRIX RTX 2060 OC 14

 Notiamo infine la presenza del connettore NVLINK per collegare due schede in parallelo e lo switch del BIOS in grado di farci passare dalla modalità "Quiet" a quella "Performance" e viceversa.

STRIX RTX 2060 OC 17

Nella zona inferiore trova ovviamente posto il connettore PCI-E 3.0 coperto dall'apposita protezione mentre nella parte opposta ai connettori scorgiamo due connettori PWM ed uno RGB al quale collegare una striscia led.

STRIX RTX 2060 OC 11

Nel comparto connessioni scorgiamo due porte DisplayPort 1.4 e due porte HDMI 2.0b; manca la porta USB Type-C presente nelle schede precedentemente analizzate che consente l'utilizzo di visori VR.

STRIX RTX 2060 OC 16

Sul retro trova posto una bella lastra in alluminio verniciato che lascia posto al logo ROG che si illumina secondo le nostre preferenze.

 STRIX RTX 2060 OC 06

STRIX RTX 2060 OC 07

 

thumb STRIX RTX 2060 OC feaures 05 


Come già anticipato in apertura la STRIX RTX 2060 OC è di default impostata per lavorare ad una frequenza pari a 1830MHz (in Boost) per quanto concerne il core della GPU e 7000MHz (14000MHz) per quanto riguarda le memorie GDDR6, contro i 1680MHz (sempre in Boost) della versione reference.

T4kZiKn0Kw

Tramite il GPU Tweak II, software incluso nel DVD presente all'interno della confezione o scaricabile direttamente dal sito Asus, scopriamo che questo profilo prende il nome di "Gaming"; accanto ad esso notiamo la presenza del profilo "OC" che spinge il GPU Core ad una frequenza di 1860Mhz, ovvero 30Mhz in più.

NQeRqe07rL

Utilizzando la visualizzazione avanzata notiamo però come la scheda calcoli automaticamente una curva che va a modificare la frequenza di funzionamento della GPU portandola fino ad un massimo di 2010MHz.

bSKwjLPiO0

Effettivamente effettuando i test abbiamo raggiunto picchi di 1960/1965MHz circa.

Abbiamo provato a tirare un po' la frequenza della GPU riuscendo a chiudere alcuni test alla frequenza di 1920Mhz facendo registrare un miglioramento di pochi frame in generale (in media 2/3fps di differenza).

c4JJ7FD308

f1oc

Oltre questa soglia abbiamo iniziato a rilevare problemi di funzionamento a causa o di un esemplare non fortunatissimo o per aver effettivamente raggiunto la soglia della scheda che già di suo è piuttosto tirata.

TEMPERATURE

Abbiamo rilevato le temperature lanciando come test l'UNIGINE 2 Superposition Benchmark; prima del lancio, in IDLE, la scheda ha fatto registrare una temperatura di 35° (modalità 0db attiva quindi con ventole spente come di default), a fine test il picco rilevato era pari a 66° con un carico del 99%.

temp 


Abbiamo testato la scheda oggetto della review odierna con il seguente sistema di prova per quanto riguarda i benchmark e i giochi:

config

 

Di segito i test effettuati:

Test sintetici:

  • 3DMark;
  • UNIGINE 2 Superposition Benchmark;
  • SPECviewperf 13;

Giochi DirectX 11:

  • Batman Arkham City;
  • Battlefield 1;
  • Crysis 3;
  • Metro last Light;

Giochi DirectX 12:

  • Shadow Of Tomb Raider;
  • Battlefield 1;
  • Battlefield 5;
  • The Division 2;
  • Forza Horizon 4;
  • World Of Warcraft;
  • F1 2019;

Tutti i test gaming sono stati effettuati utilizzando 3 diverse risoluzioni:

  • 1920x1080;
  • 2560x1440;
  • 3440x1440 (21:9);

Abbiamo confrontato i risultati della ASUS ROG STRIX RTX 2060 OC con quelli della versione reference.
Riportiamo di seguito i risultati dei test specificando che le impostazioni e la metodologia è iundicata nel sottotitolo del grafico stesso.

Benchmark sintetici

3dmark

unigine2

specview13

DirectX11

batman

bf1dx11

crysis3

metro

DirectX 12

tombr

bf1dx12

bfv

thedivision2

fh4

wow

f1

Dai risultati ottenuti si evince come le performance della versione STRIX Overcloccata siano superiori rispetto alla reference di circa un 6/7% che all'atto pratico si traducono in 3/4 frame in più a risoluzioni più elevate.
In generale possiamo tranquillamente dire che questa scheda permette di giocare a quasiasi titolo ad oggi presente sul mercato senza temere rallentamenti anche a risoluzioni molto elevate.
Notiamo un abbassamento delle performance con alcuni titoli più recenti (The Division 2, Shadow Of Tomb Raider) e con Crysis 3 (notoriamente "pesante") a risoluzioni elevate; in questo caso possiamo optare per una riduzione del dettaglio (che per i nostri test sono sempre al massimo) pe godere ugualmente di una ottima esperienza di gioco.


Oro HD new

Prestazioni 4,5 stelle   

La STRIX RTX 2060 OC regala buone performance praticamente a tutte le risoluzioni anche a dettagli alti/altissimi.
Notiamo qualche flessione nei giochi più recenti ma nulla da far gridare allo sacndalo. Performance ottime in questa fascia di prezzo.

Overclock  4 stelle   copia  

Dare questo voto risulta complicato, se da una parte non riusciamo a discostarci molto dalla frequenza di partenza è anche vero che questa versione nasce già overcloccata e si spinge già qualche centinaio di MHz oltre le frequenze reference. In Full Load si raggiungono i 2000MHz che non è affatto male!

Qualità  4,5 stelle Sempre l’ottima qualità a cui Asus ci ha abituato da alcuni anni, infatti presenta un ottimo dissipatore, un bel backplate ed è prodotta con un particolare processo produttivo (tecnologia Auto-Extreme) che garantisce una maggiore qualità del prodotto finale. 
Prezzo  4 stelle E' possibile acquistare questo modello spendendo circa 450€ su Amazon; non male rispetto alle performance registrate....
Complessivo  4,5 stelle  

Scrivere le conclusioni per un prodotto della famiglia ROG di Asus è tanto semplice quanto complicato, si rischia sempre di cadere nel banale e nel ripetitivo.
Purtroppo, o per fortuna, però l'azienda ci ha abituato a prodotti di fascia altissima che regalano ottime performance e qualità costruttiva eccellente in ogni soluzione.
Dunque ci troviamo nuovamente a scrivere, come fatto per gli scorsi modelli testati, che questa scheda è assolutamente valida, grazie alla qualità dei materiali con cui è stata costruita, alle linee accattivanti ed alle sue caratteristiche tecniche.

Posizionata nella fascia media del mercato con un prezzo che si aggira intorno ai 450€ questa STRIX RTX 2060 OC permette di giocare a tutti i titoli più recenti senza grossi problemi anche a risoluzioni più alte.
Solo in qualche circostanza scendiamo sotto i 50FPS (The Division 2) e vicino ai 40 (Crysis 3, Shadow Of Tomb Raider) ma sempre a risoluzioni molto elevate e con impostazioni al massimo; in questo caso basterà abbassare appena i settaggi in game per recuperare frame preziosi. 

Asus ha a listino anche la sorella maggiore di questa scheda, la versione STRIX RTX 2060 SUPER OC, dotata di 8GB di RAM GDDR6 a 256-bit e 2170 CUDA Cores; questa soluzione viene all'incirca 80€ in più, posizionandosi intorno ai 530€ (su Amazon) e aumentando le performance di circa il 15% rispetto a quella testata da noi.

Dunque le conclusioni sono presto fatte.... se cercate una buona scheda video per giocare senza grossi problemi a tutti i titoli attualmente in commercio anche a risoluzioni più elevate (andando eventualmente a ridurre un pelo i dettagli) e volete spendere meno di 500€ questa ASUS ROG STRIX RTX 2060 OC può esser la scheda che fa per voi.... se potete spendere 80€ in più...date uno sguardo alla versione SUPER!

Pro

  • Ottime prestazioni in relazione al prezzo
  • Silenziosa grazie alla tecnologia 0db
  • Ottima qualità costruttiva
  • Buone performance termiche
  • Ottimo design
  • Aura SYNC

Contro

  • Mancanza porta USB Type-C

Ringraziamo ASUS per il sample fornitoci.

Angelo Ciardiello

(Gianni Marotta)

 

Commenta sul forum