PNY GTX 660: Kepler all'attacco della fascia media

Tags: nvidiaoverclockgigabytegeforcegddr53GBgtx 660 ti
Box GTX660 500La proposta che analizzeremo in questa recensione è dotata dell'ormai famoso chip grafico prodotto da NVIDIA, Kepler ma in versione più ridotto. In questa scheda grafica del noto produttore PNY il chip costruito con tecnologia a 28nm, con  sigla GK 106, è attuamente equipaggiato sia dalla GeForce GTX 660 sia dalla GeForce GTX 650 Ti. La differenza tra i due prodotti essenzialmente risiede in tre fattori: la presenza di un numero diverso di CUDA Cores, un'ampiezza di banda passante differente dovuta ad un controller di memoria meno sofisticato per il secondo modello e frequenze operative inferiori per la GTX 650 Ti.
 

 

 

 

PNY Electronics fu fondata nel 1985 a New York; inizialmente si dedicò alla sola vendita di chip di memoria. Nel 1997, l’azienda, per dare maggior risalto alla sua espansione, cambiò nome in PNY Technologies. Ad oggi è considerata uno dei fornitori principali, a livello mondiale, di moduli di memoria, memorie Flash e soluzioni grafiche dedicate al mercato non solo dei videogiocatori più esigenti, ma anche dei professionisti, grazie ai suoi prodotti basati sulla serie Quadro di NVIDIA.

L’azienda è in continuo sviluppo e, con i suoi oltre 450 dipendenti, mira a migliorare sempre più la sua immagine e a renderla innovativa dal punto di vista tecnologico. Non sono accettati compromessi, i suoi prodotti infatti sono sottoposti a rigorosi controlli, al fine di garantirne l’assoluta qualità. La sede principale PNY Technologies si trova a Parsippany, nel New Jersey, vanta una certificazione ISO-9001 con strutture commerciali e produttive sparse in tutto il mondo, dall’America del Nord, all’America Latina, Canada, Europa e Asia. Nei prossimi anni si prevedono espansioni anche in India e Australia. Tutti i suoi prodotti sono sottoposti a un controllo rigoroso da parte degli ingegneri, al fine di garantire un alto livello qualitativo dei propri prodotti. Uno dei punti di forza di PNY è la formazione di un team all’avanguardia pronto a elaborare nuove soluzioni tecniche adatte per ogni segmento di mercato.

 PNY MakeLifeSimple Logo Outline.preview

PNY attualmente fornisce una vasta gamma di prodotti:

SOLUZIONI DI MEMORIA: I prodotti di memoria di PNY costituiscono attualmente la quota principale di tutte le vendite al dettaglio negli Stati Uniti. I moduli di aggiornamento della memoria di PNY sono compatibili con Apple, Compaq, DELL, Gateway, HP, IBM e oltre 5.000 tipi di sistemi desktop, notebook, stampanti e server. Grazie a prodotti di semplice installazione e con una compatibilità garantita al 100%, PNY è considerata fornitore completo di prodotti di memoria di qualità in tutto il mondo.

 

SCHEDE GRAFICHE: Unendo la competenza in prodotti di memoria ad alta velocità alla leadership nel mercato del canale, le schede grafiche consumer PNY Verto GeForce™ rappresentano attualmente la gamma più completa di schede grafiche NVIDIA per PC disponibili nel mercato al dettaglio da un unico fornitore. Con diverse schede con bus AGP (Accelerated Graphic Port) e numerose schede compatibili PCI (Peripheral Component Interconnect) , la linea Verto contiene una soluzione grafica ideale per praticamente qualunque applicazione, configurazione o budget.


LE SCHEDE GRAFICHE NVIDIA QUADRO™ DI PNY rappresentano la famiglia più potente e sofisticata di schede ad alte prestazioni disponibili alla comunità di grafici professionali. Questi prodotti sono progettati per ottimizzare produttività e creatività in un ambiente workstation 2D/3D, fornendo così agli utenti capacità grafiche illimitate e funzionalità multi-monitor. Le tecnologie offerte con l'ampia gamma di hardware PNY per grafica 2D e 3D comprendono la rivoluzionaria tecnologia multi-display NVIDIA nView™, l'avanzata programmabilità Cg che dà vita a una nuova classe di applicazioni OpenGL® e DirectX® per il rendering in tempo reale, progettazione di qualità certificata dall'intero spettro di applicazioni CAD e DCC.


FLASH MEDIA: PNY commercializza un'ampia gamma di prodotti Flash Media di qualità tra cui schede SecureDigital™ cards, MicroSDTM, MMC PLUSTM, MMC MobileTM e accessori che forniscono prestazioni affidabili per una serie di applicazioni digitali per professionisti e dilettanti. Compatibili con praticamente tutte le fotocamere digitali, i lettori MP3, i dispositivi palmari e altri prodotti di elettronica di consumo attualmente più diffusi, i prodotti Flash Media di PNY sono disponibili in una vasta gamma di capacità e offrono memorizzazione e trasferimento rapidi e semplici di immagini, musica o di dati di grandi dimensioni.

 

La versione sviluppata da PNY ricalca in maniera molto fedele la reference board di NVIDIA, infatti l'unica differenza che notiamo tra questa versione e quella del noto produttore di Sunnyvale risiede solo in un diverso adesivo posto sul sistema dissipante. Tutte le altre caratteristiche rimangono fedeli alle specifiche NVIDIA.

 


PNY GeForce GTX 660: Kepler GK106

 

La GeForce GTX 660 è una delle due schede video della famiglia Kepler che sono basate sul chip grafico NVIDIA GK106; vanta l'adozione della più moderna tecnologia a 28nm già vista negli altri modelli ed adottata anche da AMD per produrre i suoi chip grafici.

La superficie complessiva è di 221 mm2 con un numero di transistor pari a 2.54 Miliardi; queste due caratteristiche rendono il chip molto più piccolo e complesso rispetto al modello GK 104 che è adottato in altre schede di fascia superiore.

 

img003-diagramma architettura 660

 

GK106 nella versione completa dispone di 5 unità SMX contenenti 960 CUDA cores (192 Cuda Core x 5 SMX), 80 unità di texture e 24 ROPs; mentre nel modello adottato dalla GeForce GTX 650 Ti sono state apportate alcune modifiche per adattarlo meglio alla sua fascia di prezzo.

Nella versione completa, NVIDIA ha deciso di dotare il chip di un controller di memoria da 192bit grazie alla presenza di tre controller di memoria a 64bit presenti nel chip grafico. Il numero di ROPs invece è pari a 24 per la GTX 660.

A differenza del modello GeForce GTX 650 Ti, il GK106 nella versione completa dispone della tecnologia Turbo Boost per il core grafico. La frequenza del Base Clock è pari a 980 MHz, mentre il Boost Clock è pari a 1.033 MHz.

La GeForce GTX 660 è dotata di memorie di tipo GDDR5 in un quantitavo pari a 2GB con una frequenza pari a 6.008 MHz, vale a dire la stessa frequenza operativa dei modelli superiori, ma ovviamente uniti ad un bus da 192bit fanno in modo che la bandwidth totale sia pari a 144.19 Gbps la stessa del modello GeForce GTX 660 Ti.

Il consumo dichiarato per questa scheda è poco sotto al modello GeForce GTX 660 Ti, infatti il TDP passa da 150W a 140W per via della modifiche apportate al chip grafico GK 106 rispetto al chip GK 104 adottato dalla scheda suddetta. A prima vista i 10Watts in meno ottenuti da questa scheda potrebbe sembrare che siano uno scarto minimo, ma in effetti se guardiamo attentamente la disabilitazione di 2 SMX rispetto alla GTX 660 Ti incide in misura minore rispetto all'incremento delle frequenze operative che sono superiori rispetto al modello superiore. Ad ogni modo questo risparmio di ben 10 Watts si traduce nell'adozione di un solo connettore ausiliare PCI-Express a 6pin, anzichè dei due presenti nella GTX 660 Ti. Il connettore PCI-Express x16 presenti nelle schede madri sono in grado di erogare soltanto 75W, mentre il connettore ausiliare permette di ottenerne altri 75W. Appare evidente che però i margini di overclock sono abbastanza ridotti proprio a causa della ridotta potenza in ingresso.Ricordiamo infine che il termine TDP non è da intendersi come consumo complessivo della VGA, ma ci restituisce un'idea su quello che può essere la differenza di consumo tra un modello ed un altro e sul tipo di dissipatore necessario per raffreddare in maniera corretta l'intera GPU. Pertanto ci potremmo aspettare anche un buon margine di overclock rispetto a quello teorico di soli 10W.

 

Sotto potete osservare la tabella comparativa dei modelli di GeForce serie 6 equipaggiati con il chip grafico Kepler:

 

tabella kepler

 

 


PNY GTX 660: Confezione e Bundle 

 

Passiamo ad analizzare la scheda prodotta da PNY:

 

PNY GTX 660 2 

La scheda grafica prodotta da PNY è racchiusa all'interno di una scatola principale, molto semplice nella realizzazione, ma nel complesso molto curata nei piccoli dettagli. La parte frontale, ma del resto anche la parte posteriore della confezione, si presenta con uno sfondo interamente nero. Tutte le serigrafie sono fatte in colore oro, molto belle da leggere e vedere. Il frontale presenta in alto il logo PNY, immediatamente sotto ed al centro della scatola troviamo la scritta XLR8 Performance Edition ed accanto un adesivo con le principali caratteristiche della scheda, ossia il modello della scheda che in questo caso è GeForce GTX 660, il quantitativo di memoria pari a 2GB GDDR5, l'interfaccia di interconnessione alle scheda madre PCI-Express di terza generazione e le uscite video che in questo modello sono rappresentate da un doppio connettore DVI-I, una porta HDMI e una DisplayPort. Nella parte bassa del frontale abbiamo un adesivo che indica "Free Pandaren Monk Pet Coupon".

PNY GTX_660_3 PNY GTX_660_5

PNY GTX_660_6

 

La parte posteriore della scatola è ancora più semplice, infatti l'intero sfondo è sempre di colore nero come il frontale ed in basso oltre al logo PNY troviamo alcune scritte che riguardano i termini di garanzia del produttore. Il laterale della scatola non presenta particolare cambiamenti rispetto al resto, fatta eccezione per una striscia verde, che ci ricorda che si tratta di un prodotto GeForce GTX 660; nella stessa parte sono indicati i requisiti minimi del sistema per un'installazione corretta. La parte superiore della scatola presente semplicemente due diciture, la prima indica il nome del produttore PNY mentre la seconda indica la scritta GeForce.

 

PNY GTX_660_7 PNY GTX_660_8 

PNY GTX 660 9

Una volta aperta la scatola, possiamo osservare all'interno di essa la disposizione interna del bundle e della scheda video. Quest'ultima è protetta da un involucro antistatico e da una confezione con le classiche bolle d'aria che proteggono la scheda durante i trasporti. Il bundle possiamo dire che è essenziale. Troviamo prima di tutto il classico DVD con driver e tools, e il manuale per l'installazione rapida.

 

 PNY GTX 660 10 

Il bundle comprende un DVD con driver e software, e un adattotore da molex a PCI-Express 6pin. Queste cavo va usato solo nel caso in cui il PSU che alimenterà la scheda sia sprovvisto di connettori a 6pin PCI-E. Viene fornito per ultimo un uleriore accessorio, ossia un adattatore da DVI a VGA che verrà utilizzato qualora l'utente non è fornito di un monitor con ingresso digitale DVI.  

PNY GTX_660_14 PNY GTX_660_15

PNY GTX_660_17


 

PNY GTX 660 2GB: Scheda e Specifiche


PNY GTX 660 18
Togliamo dalla sua confezione orignale la scheda prodotta da PNY e ne analizziamo le caratteristiche nel dettaglio: 

 

PNY GTX 660 12

 

PNY GTX_660_19 PNY GTX_660_20 

 

Dall'analisi esteriore non si può non notare la sua costruzione del tutto simile al modello reference NVIDIA, fatta eccezione per l'adesivo personalizzato posto sopra il sistema di dissipazione che mette in risalto il modello GeForce GTX 660, il quantitativo di memoria 2.048 MB, il marchio PNY ed infine la sigla XLR8 Performance Edition. Nel sistema dissipante racchiuso all'interno di una cover in PVC nera spicca la ventola posta in maniera tangenziale. Questa ha un diametro di 80mm e soffia l'aria fredda sul corpo dissipante che provvede al raffreddamento della GPU. L'aria calda attraversa l'intera cover e fuoriesce dalla parte sinistra della scheda attraverso delle feritorie che sono ricavate in prossimità delle uscite video. In questo modo c'è il vantaggio di non far ristagnare l'aria calda all'interno degli chassis dove può essere installata la VGA. Questo vantaggio è ancora più palpabile non appena siamo in presenza di cabinet non troppo grandi e non ben areati.

 PNY GTX 660 13
 PNY GTX_660_23 PNY GTX_660_25
PNY GTX_660_28 PNY GTX_660_29
 
 
 
Alla stessa maniera della reference boad NVIDIA, la VGA occupa soltanto due slot PCI quando viene alloggiata dentro un cabinet. 
Guardando le specifiche della scheda GeForce GTX 660, notiamo che il TDP massimo dichiarato è di 140 Watt, ossia 30 Watt in più rispetto al modello GTX 650 Ti e soli 10 Watt in meno rispetto al modello GTX 660 Ti che vanta una potenza elaborativa superiore. Motivo per cui la scheda necessita per funzionare correttamente di un connettore PCI-Express aggiuntivo a 6 pin. Inoltre la VGA supporta la tecnologia SLi di NVIDIA che permette nel nostro caso di collegare fino a 2 schede dello stesso tipo per un sistema 2-Way SLi.
 
PNY GTX 660 27
 
I chip per la memoria sono prodotti da Samsung e riportano la sigla K4G20325FD-FC03, questi particolari chip di tipo GDDR5 sono stati impostati dal costruttore a lavorare ad una frequenza di 1.500 MHz, ossia ben 6.000 MHz effettivi.
Potete osservare nella tabella sottostante le differenze tra questa versione e quella reference di NVIDIA:
 
pny gtx 660

  

La scheda è equipaggiata con un chip grafico GK 106 costruito con tecnologia a 28nm, la cui architettura è il noto Kepler ma in versione più ridotto. Come si può vedere dalla tabella sopra, il modello reference ricalca in maniera perfetta le caratteristiche tecniche della reference board di NVIDIA. La GPU è costituita da 2.54 Miliardi di Transistor con una superficie del die di 221 mm2. Il core Clock base è di 980 MHz, mentre il Boost Clock è pari a 1.033 MHz. In questa versione del chip Kpler troviamo 5 SMX che conferiscono alla GPU la presenza di 960 CUDA Core, 80 Texture Units e 24 ROPs. La scheda dispone di 2.048MB di memoria VRAM di tipo GDDR5 che sono abbinati ad un controller a 192 bit. La memoria viaggia ad una frequenza effettiva di 6.008 MHz che uniti al controller a 192 bit sono in grado di assicurare al chip grafico una bandwidth di 144.19 Gbps.

PNY GTX_660_22PNY GTX_660_24

Sono inoltre presenti: un'uscita DVI Dual-link, una DVI-D, una HDMI ed una DisplayPort. Rimangono ovviamente invariate le altre caratteristiche tecniche rispetto al modello reference NVIDIA.
 



 

PNY GTX 660: Sistema di prova e metodologia dei test


Abbiamo testato la schede grafica PNY GeForce GTX 660 2GB sul seguente sistema di prova:configurazione sistema

 

 

Queste le applicazioni interessate, suddivise in due tipologie differenti:

Benchmark Sintetici:

  • 3D Mark Vantage - DX10
  • 3D Mark 2011 - DX11
  • Unigine Heaven Benchmark V 3.0 - DX11
  • PLA - Benchmark - DX11
  • ComputeMark - DX11
  • TessMark - DX11
  • SpecviewPerfect 11



Giochi:

  • Crysis Warhead - DX10
  • Hard Reset - DX9
  • Batman Arkham City - DX11
  • Battlefield 3 -DX11
  • Crysis 2 - DX11
  • DirT3 - DX11
  • Aliens vs Predator - DX11
  • Metro 2033 - DX11
  • Shogun 2 - DX11
  • SniperElite V2 - DX11

I test sono stati eseguiti sulla piattaforma descritta nella precedente tabella, utilizzando come Sistema Operativo Microsoft Windows 7 x64, il processore inoltre è stato portato a 4 GHz per garantire una comparativa più precisa con le altre schede video testate in precedenza dalla redazione, per evitare colli di bottiglia derivanti dalla CPU e variazioni di frequenza dovute a una diversa gestione del Turbo Boost.
 
 gpu-z
 
I test sono stati eseguiti utilizzando i driver ForceWare 306.97 disponibili sul sito ufficiale NVIDIA. Non abbiamo utilizzato gli ultimi driver beta che NVIDIA ha rilasciato in quanto non perfettamente stabili.
  
 

 


3D Mark Vantage

 

Benchmark sintetico sviluppato da Futuremark, richiede obbligatoriamente la presenza nel sistema di una scheda video con supporto alle API DirectX 10 e di un sistema operativo Windows Vista e 7. Il benchmark si compone di 6 distinti test: 4 incentrati sulla GPU e 2 sulla CPU. I test si eseguono scegliendo tra 4 preset configurati da Futuremark, caratterizzati da un livello di carico di lavoro differente, così da meglio riprodurre lo scenario tipico di utilizzo del proprio sistema a seconda del tipo di configurazione Hardware in uso. Il software consente di impostare la configurazione Entry, Performance, High e Extreme. I test sono stati fatti solo nella modalità Entry, Performance e High.
3d mark vantage

La scheda di PNY si pone esattamente sotto la GeForce GTX 580 e la AMD HD 7870 2GB, anche se il distacco tra questa schede è davvero minimo.  

 


 3D Mark 2011


Ultimo benchmark prodotto da Futuremark, che richiede la presenza nel sistema di una scheda video con supporto alle API DirectX 11. La software house sviluppatrice afferma che i test sulla tessellation, l'illuminazione volumetrica e altri effetti usati nei giochi moderni rendono il benchmark moderno e indicativo sulle prestazioni “reali” delle schede video. 3DMark 11 Advanced Edition permette di impostare tre modalità di benchmark in DX11, Performance, High e Extreme. Il primo test, basato sullo scenario Deep Sea, non applica la tessellation ma fa uso di un sistema d'illuminazione e ombre marcato. Il secondo test, nuovamente fondato su Deep Sea, applica un livello di tessellation medio e riduce, anche in questo caso a livello intermedio, l'illuminazione. Il terzo test grafico, basato sullo scenario High Temple, ha un livello di tessellation medio e illuminazione ridotta. Il benchmark non sfrutta la tecnologia PhysX di NVIDIA.

3d mark 2011
Meglio il comportamente con l'ultima versione del 3D Mark che riesce a far sopravanzare la VGA poco sopra la HD 7870.
 


UnigineHeaven 3.0

 

Unigine ha presentato l’ultima versione del suo benchmark DirectX 11 nei giorni scorsi, che permette agli utenti di provare la propria scheda video con le nuove librerie grafiche. Basato su motore Unigine, Heaven supporta schede video DirectX 11, DX 10, 9, OpenGL e il 3D Vision Surround di NVIDIA.Il benchmark è stato testato in DX11 e con tessellation su Extreme.

unigine 3
In questo benchmark è sempre un testa a testa con la AMD Radeon HD 7870 che riesce ad essere appena più veloce; ma le differenze sono davvero impercettibili.


PLA

 

Passion Leads Army, è uno shooter in prma persona sviluppato da una software house cinese in collaborazione con NVIDIA. L'engine è basato sul noto motore grafico Unreal Engine 3.

pla benchmark

Ottimo risultato per la scheda video GeForce GTX 660 di PNY, che fa segnare un risultato immediatamente sopra la Radeon HD7870 di AMD e non troppo distante dalla GTX 660 Ti.

 
 

Compute Mark

 

E' il primo benchmark che misura la capacità computazionale degli shaders in ambiente windows in DX 11 delle nuove VGA. E' il primo benchmark only DX11.
 computemark
Nel calcolo computazionale si nota come la scheda di PNY sia a metà strada tra la Radeon HD 7870 e HD7850, anche se più vicina a quest'ultima.



TessMark

 

TessMark è un benchmark che sfrutta l’hardware tessellation implementato con le API OpenGL 4 e presente nelle recenti schede video sia NVIDIA sia AMD. L’applicazione permette di selezionare quattro livelli di tessellation: moderate, normal, extreme, insane. I nostri test sono stati eseguiti impostando il livello di tessellation su Insane (X64),applicando i filtri MSAA 4x ed infine impostando il Map set su 3.
tessmark
Ottimo risultato per la PNY GTX 660 che questa volta sopraavanza in maniera decisa la HD 7870 di AMD. In questo test tutte le VGA NVIDIA si comportano in maniera egregia.
 

Specviewperf 11

 

Questo Applicativo Benchmark sfrutta i motori grafici di applicativi professionali come CAD e DCC. Il test fornisce un quadro generale sulle prestazioni delle attuali schede grafiche fornendo una valutazione sul reale comportamento in un dato benchmark.  La valutazione avviene tramite la visualizzazione di Demo interattive in cui si va a simulare spostamenti o interazione con i modelli tridimensionali.  Questo software ci fornirà i dati in un sistema di grafici per  singoli test e globale.

I test che vengono eseguiti sono i seguenti:

  • Catia - Dassault Systèmes
  • Ensight - CEI
  • Lightwave - Newtek
  • Maya - Autodesk
  • ProEngineer - Creo Parametric
  • SolidWork - Dassault Systèmes
  • TeamCenter Visualization Mockup - Siemens
  • Siemens NX

specviewperf1

specviewperf2
specviewperf3
specviewperf4

 

Anche se le prestazioni sono variabili a seconda dell'applicativo scelto, in via generale le soluzioni AMD riescono ad avere la meglio sulle soluzioni NVIDIA.

 


CrysisWarhead

 

CrysisWarhead è un videogioco sparatutto in prima persona di fantascienza, rilasciato nell'autunno 2008 in Italia. È l'espansione stand-alone di Crysis, sviluppato dalla Crytek di Budapest e pubblicato dalla Electronic Arts. Il gioco è ambientato in una storia parallela del primo episodio, e vedrà il giocatore vestire i panni del sergente Michael 'Psycho' Sykes, ex membro delle SAS inglesi, anche se la trama sarà quasi completamente diversa, dato che nel primo episodio Nomad lo incontra raramente. Come è intuibile dal nome, Psycho è un tipo completamente diverso da Nomad; mentre quest'ultimo è infatti dedito al sotterfugio, Psycho è un tipo d'azione, e avrà quindi un arsenale maggiore, oltre a veicoli personalizzati . Va infine detto che CrysisWarhead non fa parte della trilogia della serie, dato che il secondo episodio verrà sviluppato più avanti.

crysis warhead
crysis warhead aa4x


Esaminiamo adesso il primo gioco della nostra suite di test; in questo caso notiamo come ancora una volta le prestazioni sono poco sotto la Radeon HD 7870 e superiori alla HD 7850.

 

Hard Reset

 

Hard Reset è uno sparatutto in prima persona esclusivo per piattaforma PC, sviluppato da The Flying Wild Hog e pubblicato da Valve Corporation e 1C company nel settembre 2011. Hard reset si presenta come un FPS vecchia scuolasome Quake ed Unreal, con una campagna single player e caratterizzato per l'assenza del multiplayer. Il gioco è stato lanciato sul mercato con uno dei tratti caratteristici dei giochi indipendenti: il costo ridotto. Il titolo è la prima produzione della compagnia The Flying Wild Hog.
hard reset

 Nel secondo game da noi esaminiato, invece notiamo un leggero miglioramento sulla Radeon HD 7870, ma la differenza in questo caso è ancora una volta minima.
 


Dirt3

 

Dirt 3 è un gioco di rally della serie Colin McRae Rally, sviluppato e pubblicato da Codemasters. Il marchio "Colin McRae"è stato rimosso da tutte le versioni di questo capitolo. Il gameplayimpegna il giocatore in una serie di gare che gli faranno guadagnare punti reputazione per attirare l'interesse degli sponsor, che lo ricompenseranno con nuovi veicoli messi a disposizione.

dirt3
dirt3 aa4x
dirt3 aa8x
Passiamo adesso al primo gioco della nostra lista che fa uso delle librerie Microsoft DirectX in versione 11. Inizialmente notiamo come la GTX 660 sia più vicina alla Radeon HD 7870, ma man mano che i filtri AntiAliasing aumentino, la scheda tende a perdere terreno nel confronto con la rivale AMD per avvicinarsi alla Radeon HD 7850.

 


 


Aliens vs predator

 

Alien vs Predator (AvP) è un videogioco sparatutto in prima persona sviluppato da parte di RebellionDevelopments, già autori di altri due titoli dedicati al franchise. Il gioco è stato pubblicato da SEGA. Il gioco propone al giocatore di interpretare una delle tre razze disponibili, ognuna con caratteristiche proprie: Marine, Predator e Alien. l'Alien ha visione grandangolare e può cadere da altezze indicibili senza il minimo danno ma, soprattutto, può camminare (e correre) sulle pareti e ciò cambia sensibilmente il modo in cui affrontare i quadri. All'inizio non è facile muoversi con scioltezza e rapidità passando da una parete verticale ad un soffitto come se nulla fosse; dopo pochi minuti iniziamo "a prenderci gusto"...Ecco un marine, un colpo di artigli in corsa ed il marine è morto. Facile. Ecco un altro marine, ci vede, gli corriamo incontro, ha il lanciafiamme. Bruciamo assieme. Ed ora il Predator.

 AvP

AvP aa4x af16x

In questo gioco, notiamo che la scheda GeForce GTX 660 non presenta particolari problemi, nel primo caso senza l'ausilio di filtri miglioramento immagine, il test ci restituisce un punteggio a metà strada tra la Radeon HD 7870 e HD 7850. Nel secondo caso invece non appena si spingono i filtri AntiAliasing su 4x e Anisotropico a 16x, vediamo che la scheda perde un pò di terreno rispetto al primo caso e si avvicina alla Radeon GD7850.
 


Metro 2033


Metro 2033 è un videogioco d'azione che combina elementi dei survival horror e degli sparatutto in prima persona. il gioco è basato sul romanzo Metro 2033 dello scrittore russo DmitryGlukhovsky. È stato sviluppato da 4A Games in Ucraina e pubblicato nel marzo 2010 per Xbox 360 e Microsoft Windows. Si è nella città di Mosca nell'anno 2033. In seguito ad una catastrofe nucleare, i sopravvissuti sono costretti a vivere nelle metropolitane della capitale russa, organizzati in stazioni simili a città stato. In quest'ultime si respira un'atmosfera opprimente e angosciante. Il buio cela molte insidie, tra le quali la frequente possibilità di imbattersi in mostruose creature che popolano le stazioni. La minaccia principale è rappresentata dai Tetri, definiti come i nuovi homines, "vincitori della battaglia per la sopravvivenza", e destinati ad ereditare la Terra.

metro 2033
metro 2033 aa4x
In questo gioco notiamo che nel primo caso, senza l'ausilio di filtri miglioramento immagine, le prestazioni siano a metà strada tra la Radeon HD 7870 e 7850, mentre nel secondo caso le prestazioni scendono un po' e sono più vicine alla HD 7850.
 


Batman Arkham City


Batman: Arkham City è un videogioco sviluppato da RocksteadyStudios basato sul personaggio dei fumetti di Batman, la cui uscita è avvenuta nel mese ottobre 2011. Il gioco è un mix di vari generi come azione, platform, picchiaduro, investigazione, avventura e stealth, ed è di fatto il sequel di Batman: ArkhamAsylum, uscito nel 2009 e diventato un enorme successo.

batman
batman aa4x
batman aa8x
Ottime prestazioni con Batman Arkham City specialmente fino all'uso del filtro AA4x, mentre notiamo una perdita delle prestazioni quando spingiamo il filtro AA a 8x. Nel primo caso le prestazioni sono superiori alla Radeon HD 7870; mentre nel secondo le prestazioni  sono molto vicine al modello HD 7850. Segnaliamo come invece le prestazioni con il filtro AA8x siano perfino superiori al modello GTX 660 Ti, complice le maggiori frequenze di funzionamento.



Crysis 2


Crysis 2 è uno sparatutto in prima persona sviluppato da Crytek e pubblicato da Electronic Arts per console PlayStation 3, Xbox 360 e PC Microsoft Windows. È il sequel di Crysis e della sua espansione CrysisWarhead, entrambi usciti soltanto per la piattaforma PC. Il rilascio di questo nuovo capitolo è stato nelmarzo 2011.Crysis 2 è ambientato nell'Agosto 2023, 3 anni dopo le vicende del precedente capitolo. Il protagonista è Alcatraz, un marine Statunitense il cui compito è trovare il Dottor Nathan Gould, che ha importanti informazioni sull'epidemia aliena che sta colpendo New York City.Il gioco, pur offrendo un'elevata qualità dell'immagine, è stato sottoposto a critiche nella sua versione per PC per non aver sfruttato le librerie DirectX 11 fin dalla sua uscita (limitandosi alla versione 9). Il 27 giugno sono usciti anche i due aggiornamenti gratuiti per abilitare le DirectX 11 e le texture in alta definizione.

crysis2 central park
crysis2 times square
Crysis 2 vede, a seconda dello scenario esaminato, lo scambio di posizioni tra la HD 7870 e la GTX 660. 


Battlefield 3


Battlefield 3 è uno sparatutto in prima persona sviluppato da DICE e pubblicato da Electronic Arts e da SEGA per il Giappone. È stato pubblicato nel mese di ottobre 2011 per PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows e iOS, invece nel 2013 verrà pubblicato per Wii U. È l'undicesimo capitolo della serie Battlefield e un sequel diretto di Battlefield 2, pubblicato nel 2005.Battlefield 3 è stato vincitore di più di 60 premi, tra cui "Miglior gioco d'azione" e "Miglior multigiocatore online". Gli appassionati del genere conoscono molto bene questo gioco e lo hanno decretato come uno dei migliori sparatutto dle 2011.

battlefield 3
In questo gioco si nota chiaramente come invece la GTX 660 di PNY riesce ad essere a metà strada tra le due Radeon di riferimento. 


Shogun 2


Total War: Shogun 2 è l'ultimo gioco della serie di videogiochi strategici Total War della britannica The Creative Assembly, pubblicato da SEGA. Ambientato nel XVI secolo in Giappone, è il rifacimento del primo capitolo della saga, Shogun: Total War ed è uscito in Italia a marzo 2011. Il gioco è ambientato nell'epoca Sengoku, caratterizzata delle lotte tra i vari clan per il dominio sul Giappone. Il giocatore sceglierà uno fra gli otto clan presenti come fazioni giocabili, ognuno con una posizione e un potere politico e militare differente dall'altro. Come è tipico della serie Total War, anche Shogun 2 è un misto di strategia a turni e battaglie in tempo reale. Il gioco è integrato nella piattaforma Steam, sia per la versione in vendita in scatola che per quella acquistabile online.

shogun 2
Ancora una volta le prestazioni complessive in qeusto gioco sono a metà strada tra le due Radeon HD 7800.

 

Sniper Elite v2

 

Sniper Elite V2 è un videogioco  di tipo Tattico/Sparatutto con visuale in terza persona sviluppato da Rebellion Developments e pubblicato nel maggio del 2012 da 505 games su multipiattaforma: Xbox 360, PlayStation 3 e PC. Il gioco è un remake del primo Sniper Elite risalente al 2005.

Una novità molto particolare introdotta nel gioco è la X-Ray Kill Cam che si attiva quando il giocatore mette a segno un colpo particolarmente spettacolare. La telecamera segue il proiettile nel corso di un bullet time  mostrando la penetrazione durante il raggiungimento del colpo sul bersaglio nel momento in cui entra nelle carni del nemico, perforando eventualmente ossa e organi interni

sniper 2
Titolo gaming affamato di potenza elaborativa, dove si segnalano prestazioni non particolarmente elevate; in questo caso abbiamo performance sotto la Radeon HD 7850.

 


 

PNY GTX 660: Overclock


La PNY GTX 660 2GB XLR8 non è ovviamente una VGA top gamma, ma è sempre una scheda puramente dedicata ai videogiocatori, anche se non ai più esigenti, che si rivolgeranno ai modelli superiori. Avevamo avanzato qualche perplessisità sulla sola presenza di un connettore PCI-E a 6pin per via del TDP della scheda di 140W che in questo modo riservava solo 10W di margine per overclockarla. Ma vi anticipiamo subito che i risultati sono stati molto soddisfacenti per via dei consumi ridotti della scheda che sono decisamente inferiori al TDP dichiarato.
 
Anche il chip Kepler, GK106, ha in comune con il modello superiore GK 104 la tecnologia Kepler Boost. Come sappiamo essa opera in maniera dinamica a seconda del tipo di carico che la GPU sostiene. Il core della GPU varia la propria frequenza non soltanto in funzione del carico che la GPU subisce, ma anche della temperatura raggiunta e del Power Target.
Sono ormai familiari concetti come GPU Base Clock e Boost Clock; il primo è un valore che possiamo quasi del tutto trascurare nelle nostre analisi; il secondo concetto invece è quello che di più si avvicina al "vecchio" termine Core Clock, ma di fatto non è nemmeno la frequenza massima a cui la GPU può lavorare, ma piuttosto la frequenza minima durante il carico, che la GPU può assumere. Come vedremo meglio infatti la frequenza massima cambia da GPU a GPU e da scheda a scheda; generalmente il valore massimo a cui la GPU può lavorare è molto dinamimo e risulta abbastanza difficile determinarlo con precisione. La frequenza massima di carico, o meglio Max Boost Frequency, ha come valore minimo la frequenza del Boost Clock (nel nostro caso 1.033 MHz) e come valore massimo un multiplo di 13. 
Quindi prendendo come riferimento il nostro caso, da 1.033 MHz avremmo frequenze maggiori sempre multipli di 13 MHz, che dipenderanno dai vari fattori che abbiamo accennato in precedenza, come carico sulla GPU, temperature e Power Target stabilito. Nella scheda di PNY avremo valori (oltre a 1.033 MHz) di 1.046 MHz, 1.059 MHz e così via.
Per capire che frequenza avrà la nostra GPU, abbiamo provato il noto tool di benchmark 3D Mark 2011 con i tre classici preset Xtreme, Performance ed Entry. In realtà a differenza di altri modelli equipaggiati con chip superiori al GTX 660, per tutti i preset abbiamo raggiunto lo stesso Clock massimo.
Di seguito vi mostriamo gli screen effettuati dove tramite GPUz vengono mostrati i Clock massimi raggiunti; ovviamente il Clock potrà essere diverso a seconda del tipo di applicativo 3D in esecuzione:
 
 max core_3d_mark_2011_entry max core_3d_mark_2011_performance
max core_3d_mark_2011_xtreme
 
In tutti e tre i casi, come anticipato, abbiamo riscontrato come chiaramente come la Max Boost Frequency sia pari a 1.097 Mhz con un VDDC di 1.175 V; le memorie invece operano alla loro frequenza standard 1.502 MHz che in modalità GDDR5 sono ben 6.008 MHz effettivi.
Dopo aver esplicitato questo concetto, andiamo nella parte più divertente di questa pagina.
 
Per spremere per bene la nostra VGA ci siamo avvalsi del noto tool MSI Afterburner nella sua ultima versione appena rilascita; Questo tool ci permette di effettuare queste operazioni in tutta sicurezza. Impostiamo questo tool con i seguenti parametri:
  • Core Voltage (mV) +100
  • Power Limit (%) 110
  • Core Clock (MHz) + 125
  • Memory Clock (MHz) + 150
  • Fan Speed (%) 60

In questo modo abbiamo assicurato un buon raffreddamento della scheda uniti ad un pizzico di overvolt, in realtà vediamo che l'overvolt agisce solo sul Vcore minimo e non su quello massimo. Vi mostriamo di seguito una schermata con tutti i parametri da noi modificati nel noto benchmark del game Metro 2033:

overclockovervolt metro2033

Siamo riusciti ad aumentare in maniera stabile, provando anche altre suite di benchmark,  sia le frequenze del core clock sia le frequenze delle memorie GDDR5. Per il core grafico GK 106, il nostro parametro è stato + 125 MHz, abbiamo raggiunto una frequenza massima pari a 1.215 MHz; mentre per le memorie abbiamo impostato con successo una frequenza di 6.302 MHz effettivi. Le temperature, anche sotto altri benchmark, sono state eccellenti e non hanno messo in pericolo il chip grafico. 

PNY GTX 660: Impatto Overclock nei Benchmark

 

Nella pagina precedente abbiamo trovato la frequenza stabile, anche senza alcun overvolt, per la GTX 660 di PNY; abbiamo valutato l'impatto prestazionale nei giochi a seguito dell'ulteriore incremento delle frequenze operative. A tal proposito abbiamo pensato di provarne alcuni per quantificare questo guadagno in termini di fps o punteggio globale:
3d mark 2011 oc
metro 2033 
metro 2033 aa4x 
 Anche il guadagno in termini di Clock non è stato affatto male, le prestazioni sono globalmente aumentare in maniera modesta.

 


PNY GTX 660: Temperature, Consumi e rumorosità


Abbiamo testato la scheda prodotta da PNY sia in gaming sia con il tool FurMark per testare temperature, consumi e rumore prodotto. Partendo dal rumore prodotto, possiamo affermare che questo dissipatore pur essendo identico al modello reference NVIDIA, garantisce una buona silenziosità. Il rumore però diventa percettibile non appena si spinge sul pedale dellìacceleratore dei RPM. Questo evento difficilmente si potrebbe presentare in situazioni ambientali con temperature molto contenute, ma potrebbe essere realtà nei mesi più caldi dell'anno. In ogni caso il chip grafico GK 106 non scalda tanto e questo garantisce quasi sempre un regime di rotazione del sistema dissipante contenuto.

Passiamo ad analizzare adesso le temperature fatte rilevate dalla scheda nelle varie situazioni da noi esaminate:

 temperature

Le temperature, nonostante il dissipatore sia come quello reference, garantisce buoni risultati, se in idle abbiamo segnato 27°C, in full la situazione diventa più calda; infatti utilizzando i benchmark di alcuni giochi abbiamo toccato un massimo di 61°C che rientrano perfettamente nella norma. Mentre al contrario se utilizziamo il noto programma di stress FurMark registriamo un picco di ben 72°C, anche se possiamo aggiungere in questi termini la ventola non girava ad un regime elevato; questo per garantire una rumorosità più che accettabile.

Passiamo adesso sul frontre consumi:

 

consumi
I consumi si fanno molto interessanti e mettono ancora una volta la bontà del progetto Kepler e della maturità del processo produttivo a 28nm TSMC. La scheda quando è in stato di idle ha fatto registrare un consumo alla presa di corrente domestica di soli 110 Watt rispettivamente 8 Watt e 9 Watt rispetto ai record fatti registrare con la GeForce GTX 650 Ti e GTX 650. Indubbiamente un valore molto basso che permette di tenere in tutta tranquillità il PC acceso diverse ore al giorno senza preoccuparsi troppo dei consumi.

In full load con i giochi invece registriamo un consumo medio di circa di 268 Watt, circa 60 Watt in più rispetto alla GTX 650 Ti. Mentre il consumo sale ancora un po' quando lanciamo il tool FurMark. Sono risultati davvero interessanti che mettono in risalto l'ottimo progetto fatto da NVIDIA. 

 

 


PNY GTX 660: Conclusioni




argento  green



Prestazioni 4 stelle - copia

Le prestazioni come si è potuto notare sono su buoni livelli; generalmente a livello della Radeon HD 7870 ed il alcuni casi poco sotto, ma sempre sopra la HD 7850.

Overclock 4,5 stelle

La propensione all'overclock è ottima, anche se globalmente in termini di guadagno di FPS il risultato non è stato molto ingoraggiante.

 

Qualità 4 stelle - copia

Il design  della scheda ricalca la reference board di NVIDIA in maniera totale. Non avendo un design custom valgono le considerazioni fatte per il modello reference.

Dissipatore     4 stelle

Buono il sistema di dissipazione che fa il suo dovere; non è mai particolarmente rumoroso se non quando si spinge con il numero degli RPM.

Prezzo 3,5 stelle

Il prezzo di questa versione si aggira attorno ai 200/230€ un prezzo molto simile alla Radeon HD 7870

Consumi 4,5 stelle - copia I consumi sono indubbiamente un punto di forza di questa VGA
Complessivo  4,5 stelle - copia  


PNY GTX 660 18

La scheda grafica PNY GTX 660 XLR8 indubbiamente rimane un prodotto valido sotto molti punti di vista. Anche se il design ricalca la refernce board di NVIDIA, non significa che la scheda sfigura rispetto alle altre. Il progetto di NVIDIA è qualitativamente valido, anche dal punto di vista della dissipazione. Infatti cerca il più possibile di conservare un numero di RPM basso per favorire la silenziosità della scheda; come abbiamo visto infatti solo spingendo gli RPM la scheda risulta un po' rumorosa.

Nel complesso le prestazioni sono di buon livello, spesso allineate alla Radeon HD 7870 anche se in alcuni casi possono scendere fino alla HD 7850, ma in altri casi possono anche essere superiori alla stessa HD 7870. Tutto dipende dal titolo scelto che favorisce una o l'altra architettura. Quello che però ci preme di far emergere che ancora una volta NVIDIA ha tirato fuori un chip grafico piccolo, ma molto efficiente, rendendo di fatto l'architettura Kepler molto versatile in tutti gli ambiti. Non a caso colpiscono i consumi davvero contenuti della VGA che il full load in gaming sono appena 30 Watt in più rispetto ad una Radeon HD 6670. In idle la situazione è ancora più rosea. Il prezzo di acquisto si aggira attorno ai 200 euro, un prezzo non del tutto dissimile dalla Radeon HD 7870. Starà al consumatore preferire uno o l'alro modello.

 

 

PRO

  • Silenziosità
  • Efficienza elevata del chip grafico
  • Consumi estremamente ridotti


CONTRO

  • Nulla da segnalare

 



Si ringrazia PNY per la scheda fornitaci in test.
Gianni Marotta