Gigabyte GTX 960 G1 Gaming, Maxwell all’attacco della fascia media

Gigabyte GTX 960 G1 Gaming: specifiche tecniche

Vi mostriamo la famiglia delle schede GeForce GTX di fascia media/alta:

 tabella GTX 960 

Come possiamo vedere dalla tabella, la nostra scheda adotta il nuovo chip GM-206. Abbiamo dunque 1024 CUDA Cores che lavorano a una frequenza di 1241 MHz di base clock e 1304 MHz in Boost clock. Questa scheda possiede quindi un overclock di fabbrica rispettivamente di +114 MHz base clock e di +126 MHz boost clock per il core. Per quanto riguarda le memorie, la Gigabyte GTX 960 G1 Gaming ha una frequenza di 7010 MHz, quindi queste ultime non hanno subito alcun overclock di fabbrica rispetto alla soluzione reference. Inoltre abbiamo a disposizione 32 ROPs e 64 TMU che ci permetteranno di giocare a qualunque gioco senza problemi in Full-HD. Questa scheda possiede 2GB di VRAM GDDR5 di produzione Samsung. Ora la leadership assoluta nella classifica Nvidia spetta alla GTX 980 che ha scalzato dal podio le Titan e la GTX 780 Ti. Titan e Titan Black sono ovviamente destinate al segmento professionale, e sono quindi preferibili per coloro che operano con CAD e programmi di modellazione 3D e non possono permettersi una Quadro. Come possiamo vedere dalla tabella la Gigabyte GTX 960 G1 Gaming ha un sistema di alimentazione diverso rispetto alla soluzione reference, infatti disponiamo di due connettori 6-pin invece che di un solo connettore 6-pin, per poter spremere la scheda anche sotto overclock estremo.

Analizziamo ora le nuove tecnologie messe a disposizione da Nvidia per queste nuove schede grafiche GTX 900. Per spiegare le nuove tecnologie apportate da Nvidia per le sue nuove schede GeForce vi proponiamo questo fantastico video che illustra in maniera veloce ed esaustiva tutte le caratteristiche e le nuove tecnologie della schede GTX 900:

Riassumendo le principali novità introdotte con la serie GTX 900, abbiamo:

  • Multi-Frame Sampled Anti-Aliasing (MFAA)

Si tratta di un nuovo filtro AntiAliasing che grazie ad un algoritmo dinamico nel tempo permette di ridurre notevolmente il costo computazionale rispetto al MultiSample AntiAliasing, garantendo allo stesso tempo una qualità comparabile.

  • Dynamic Super Resolution (DSR)

Anche questa nuova feature è volta al miglioramento della qualità dell’immagine, questa volta non senza un incremento del costo computazionale. La DSR permette infatti di impostare una risoluzione maggiore per il rendering delle immagini rispetto a quella che può essere visualizzata nel vostro monitor. Successivamente le immagini renderizzate nel frame-buffer vengono riscalate per matchare la risoluzione del vostro monitor, permettendo una qualità migliore rispetto al rendering alla risoluzione nativa.

  • Voxel Global Illumination (VXGI)

Questa è forse una delle tecnologie più rivoluzionarie nell’ambito del gaming visto che promette di introdurre le difficili tecniche di rendering realistico tipiche della grafica professionale direttamente nei videogiochi. Generalmente calcolare la luce riflessa ed emessa dagli oggetti nelle scene 3D richiede un tempo di elaborazione molto elevato, rendendone impossibile l’utilizzo nei videogiochi, dove tali calcoli devono essere effettuati in frazioni di secondo. Grazie alla tecnologia VXGI è invece possibile ottenere dei modelli molto realistici, seppur approssimati rispetto ai più onerosi modelli di ray tracing tipici della grafica professionale.

  • HDMI 2.0

Altra novità non specificata nel video è il supporto al nuovo standard HDMI, che grazie an consistente incremento della bandwidth disponibile permette ora flussi 4K a 60Hz, finora possibili solo con la connessione Display Port.