ASUS GTX 780 TI DCII OC, GK110 a piena potenza

Indice articoli

ASUS GTX 780 Ti DCII OC, analisi in dettaglio

 

Dopo aver visto il nostro video unboxing andiamo ad analizzare nel dettaglio la scheda fornitaci da Asus. Non si può cominciare ad analizzare questa scheda se non partendo dal dissipatore dual slot custom montato sulla stessa. Precisiamo immediatamente che la cover che copre il radiatore in alluminio non è in plastica ma in metallo ed inoltre non presenta gli sticker preapplicati di fabbrica. Saremo noi a scegliere quali dei due in bundle attaccare sulla cover, in base alla colorazione del nostro sistema. La cover serve inoltre a sorreggere le due ventole da 90mm che hanno il compito di raffreddare il radiatore sottostante. Come vediamo dalle foto, le ventole sono di tipologia diversa l’una dall’altra, infatti quella più vicina al bracket l’abbiamo vista per la prima volta sulla Asus GTX 670 Mini. La ventola in questione è sviluppata da CoolTech e come possiamo vedere dal video sottostante ha un’efficacia maggiore rispetto alle ventole tradizionali.

Il radiatore in alluminio presenta 5 heatpipes in rame nichelate, elemento caratterizzante di questo dissipatore made in Asus in quanto sono a diretto contatto col chip della GPU e da questo infatti deriva il nome DirectCU. Queste heatpipes sono di diametro differente tra loro, infatti la superiore è da 10mm, mentre per quanto riguarda quelle inferiori due sono da 8mm e due da 6mm (posizionate esternamente). Per quanto riguarda la sezione di alimentazione VRM, essa è composta da 10 fasi Super Alloy Power gestite da un controller digitale DIGI+ proprietario di Asus. La dissipazione di questi elementi è affidata a un piccolo dissipatore in alluminio passivo, che come vedremo più avanti non permette un’efficace dissipazione del calore. Purtroppo le memorie non sono dissipate e sono lasciate nude e crude.

 DSC01903-49  DSC01912-50  DSC01915-51  DSC01919-52  DSC01923-53  DSC01970-67

Nella parte superiore la scheda presenta: i due connettori di alimentazione da 8pin, una staffa in metallo di colore nero per impedire al PCB di flettere sotto il peso del dissipatore, la scritta DirectCU II in rilievoed i connettori per lo SLI che ci permettono di collegare fino a 4 schede in parallelo.

 DSC01932-55  DSC01939-56  DSC01941-57  DSC01943-58  DSC01949-59  DSC01951-60  DSC01956-61

Girando la scheda mettiamo in mostra il bellissimo backplate in alluminio spazzolato di colore nero che equipaggia questo prodotto. Nella parte centrale come possiamo vedere sono stampate in colore bianco il  logo ASUS e il nome del dissipatore che monta questa scheda video: l’ormai celebre DirectCU II. Come in tutte le schede video Asus custom, i connettori di alimentazione presentano posteriormente dei LED che ci segnalano il corretto inserimento dei cavi della PSU. Contrariamente a quanto visto sulla Poseidon non è presente il bollino di garanzia su una delle viti posteriori, quindi potremmo cambiare pasta termica, montare un dissipatore aftermarket e addirittura un waterblock senza perdere la garanzia. La GTX 780 Ti DCII OC ha alcune parti del PCB posteriore esposte in modo da permettere di accedere a punti di controllo e gestione del voltaggio, situati nella parte finale della scheda. Inoltre notiamo che il PCB è fuori dimensioni standard, in quanto è molto più alto rispetto al PCB reference, quindi oltre a verificare che entri nel nostro case in lunghezza sarà prudente verificarlo anche in altezza, specialmente se vi accingete ad assemblare una Steam box dalle dimensioni contenute.

 DSC01960-62  DSC01961-63  DSC01964-64  DSC01965-65  DSC01969-66  DSC01986-69

La parte inferiore della scheda presenta le 4 heatpipes in rame nichelate e possiamo notare che le memorie sono raffreddate dal corpo principale del radiatore in alluminio.

 DSC01930-54

Per quanto riguarda le uscite video, disponiamo di due prese DVI (DVI-D e DVI-I), una HDMI e una DisplayPort.

DSC01979-68