ASUS ROG Strix X399-E Gaming - La scelta equilibrata per la fascia HEDT di AMD

Tags: amdmainboardASUS ROG Strix X399-E GamingAMD Ryzen Threadripper 1950X

ROG Strix X399 E Gaming 8

Con ASUS ci siamo lasciati alla recensione della ASUS ROG Maximus X Hero (QUI) con chipset Z370. Quest’oggi alziamo il tiro e lo facciamo con la proposta AMD di fascia Enthusiast con il modello ASUS ROG Strix X399-E Gaming. Il suddetto modello è dotato del nuovo e recente socket TR4 di AMD che potrà facilmente alloggiare le CPU della serie Ryzen Threadripper quali il 1950X (che testeremo assieme) o il 1920X. Il modello ROG Strix X399-E Gaming su carta promette davvero bene grazie alle numerose caratteristiche dei vari comparti come doppio slot M.2, supporto SLI/CrossFireX, ben 128 GB di RAM DDR4 supportabile e molto altro ancora. Scopriamo assieme come si comporterà in questa recensione.

ROGLogo neroSotto il marchio ROG da sempre ASUS propone prodotti con un obiettivo ben preciso: qualità e performance senza compromessi. Nulla è lasciato al caso, la completezza di features sia hardware che software permette di controllare e spingere senza limiti componenti quali processore, RAM e VGA. Del resto possiamo menzionare la famosa frase “la potenza è nulla senza il controllo” ed ASUS nel corso del tempo ne ha fatto una missione assieme alla piena soddisfazione dei suoi clienti. La progettazione dell’hardware non è mai lasciata al caso, sia come disposizione degli slot di espansione che come pulsanti, switch ed interruttori, che sono di facile ed immediata raggiungibilità.

Del resto chi sceglie di acquistare questa serie di schede madri lo fa perché vuole il massimo sia in termini di controllo che di capacità di sfruttamento dell’hardware. Per ampliare il suo portfolio di soluzioni dedicate ai videogiocatori, ASUS ha introdotto anche la serie Pro Gaming, rinunciando alle più costose features come ad esempio la predisposizione all’overclock, per offrire prodotti che strizzano l’occhio al videogiocatore medio, con un occhio di riguardo al portafoglio.

Ultima ma non da meno la serie STRIX, partita con il primo modello su PCH X99 e ora approdata, oltre alle schede video e periferiche da gaming, al nuovo PCH Z270. Diversi modelli sono stati introdotti.

ASUS logo ISOI black


In questo paragrafo come di consueto analizzeremo velocemente le caratteristiche di cui si compongono le diverse schede madri. Oggi è il turno della ASUS ROG Strix X399-E Gaming; vediamo quali sono le principali caratteristiche che la compongono.

ASUS AURA

Caratteristica standard delle ASUS serie ROG è sicuramente l’illuminazione RGB ASUS AURA tramite il quale avremo modo di gestire l’illuminazione della scheda scegliendo tra i 16,8 mln di colori. Il sistema AURA di ASUS è attualmente quello più completo e maggiormente supportato anche da altri brand per quanto concerne l’illuminazione RGB.

AURA

Header RGB per Strisce a LED

La ASUS ROG Strix X399-E Gaming è dotata di doppio Header per le strisce a LED e in più uno per gestire strisce con LED controllabili singolarmente dunque cosiddetti Addressable. In questo modo potrete completare la vostra Build con l’illuminazione e gli effetti che desiderate.

AURA0

RAM DDR4 fino a 3600 MHz

Con la ASUS ROG Strix X399-E Gaming avremo la possibilità di spingere o supportare nativamente moduli RAM DDR4 fino a 3600 MHz. Rispetto alla controparte Intel le schede madri AMD offrono frequenze massime inferiori ma valide comunque da avere un valido incremento prestazionale.

DDR4 OC

SupremeFX

Comparto Audio affidato sempre all’ASUS SupremeFX. Un set di soluzioni Hardware atte a migliorare l’esperienza di riproduzione. Su base Realtek ALC1220 troviamo anche condensatori Nichicon, integrati di protezione e molto altro ancora.

SupremeFX

ASUS  2x2 WiFi MU-MIMO

La ASUS ROG Strix X399-E Gaming ci viene in contro anche lato connettività fornendo due ingressi per antenne con tecnologia MU-MIMO per massimizzare il Transfer Rate su più connessioni con le due bande 2.4 GHz e 5 GHz.

ASUS MU MIMO

A seguire trovate le specifiche tecniche della ASUS ROG Strix X399-E Gaming:

specifiche tecniche

specifiche tecniche 1

specifiche tecniche 2

specifiche tecniche 3

Per ulteriori informazioni a caratteristiche o dettagli vi rimandiamo al sito ASUS:

https://www.asus.com/it/Motherboards/ROG-STRIX-X399-E-GAMING/


AMD dopo un lungo periodo di rincorsa nei confronti di Intel sembra essere arrivata ad un punto di svolta (finalmente potremmo dire). Svolta permessa grazie alla nuova architettura Zen definita altamente scalabile e modulabile. Un'architettura nonchè progetto nato da zero grazie al quale AMD non solo è riuscita ad ottenere un valore IPC di oltre il 50% rispetto a tutte le precedenti architetture ma è riuscita a garantire la creazione grazie a macroblocchi Quad Core denominati CCX (CPU Complex) più ''configurazioni''. Ciò ha permesso di avere le attuali CPU Ryzen (molto competitive nel segmento medio/alto) e le CPU HEDT Ryzen Threadripper (derivazione EPYC (Server) e davvero interessanti quando si richiedono Core e Thread). Così facendo AMD è riuscita a fronteggiare in modo sicuramente valido la controparte Intel da sempre ''padrona'' anche in altri segmenti.

L'architettura Zen di AMD si basa su un processo produttivo a 14 nm FinFET ed è affiancata anche dalla architettura SMT (Simultaneous Multithreading). La produzione della serie Zen è affidata a GlobalFoundries.

Alla base di Ryzen Threadripper troviamo il macroblocco Zeppelin Die di Ryzen, un'unità da 8 core e 16 thread composta a sua volta da due CCX interfacciati singolarmente a 512kB di cache L2 e 8MB di cache L3.

All'interno dello Zeppelin Die abbiamo i due CCX collegati tra loro mediante la tecnologia Infinity Fabric. I due CCX dispongono di due canali di accesso alla memoria DRAM di sistema, una banda passante bidirezionale di 102,22 GB/s e memorie con frequenza di DDR4-3200/2667.

AMD Ryzen Threadripper Leveraging Infinity Fabric

 

AMD Ryzen Threadripper Leveraging Infinity Fabric 1

Tornando al discordo di prima AMD può semplicemente aggiungere o disabilitare più die per package per creare chip completamente differenti ma altamente efficienti e prestazionalmente parlando validi. Esempi proprio come Ryzen o RyzenThreadripper o ancora EPYC. 

AMD Ryzen Threadripper Diagramma

Sopra possiamo osservare e comprendere facimente la completezza di connessioni e linee che ci offre una CPU Ryzen Threadripper come il 1950X.

Sotto invece il confronto tra la piattaforma X399 e quella più classica e abbordabile X370 di AMD dove possiamo subito notare le differenze in termini di connettività.

AMD Ryzen Threadripper X399 Vs Ryzen X370

ASUS ROG Strix X399-E Gaming + AMD Ryzen Threadripper 1950X

ROG Strix X399 E Gaming 1

Vi lasciamo anche a quello che è il fantastico, a mio avviso, bundle e confezione della CPU AMD Ryzen Threadripper 1950X.

ROG Strix X399 E Gaming 44 ROG Strix X399 E Gaming 45

Dettaglio Bundle

ROG Strix X399 E Gaming 46 ROG Strix X399 E Gaming 47

Dettaglio Apertura. ''Unlock the Power''.

ROG Strix X399 E Gaming 48

Dettaglio CPU.

ROG Strix X399 E Gaming 49 ROG Strix X399 E Gaming 50


La ASUS ROG Strix X399-E Gaming ci giungerà nella consueta confezione di cartone abbastanza spesso sulla quale troveremo diverse immagini illustrative e le principali caratteristiche.

ROG Strix X399 E Gaming 2 ROG Strix X399 E Gaming 3

La cura per i dettagli si nota sin dalla confezione ed avremo anche in questo caso un'apertura a libro. Questa celerà il contenuto.

ROG Strix X399 E Gaming 4

All’interno troviamo doppio scompartimento. Nel primo la scheda madre e nel secondo il bundle.

Troveremo dunque:

  • Scheda Madre ASUS ROG Strix X399-E Gaming
  • 4x Cavi SATA 6Gb/s
  • 1x Set di viti per installazione SSD M.2
  • 1x Supporto verticale per SSD M.2
  • 1x SLI HB BRIDGE(2-WAY-M)
  • 1x Q-Connector
  • 1x Set Etichette per cavi ROG 10-in-1
  • 1x Set di fascette in velcro
  • 1x Set Cavi Sensori esterni di Temperatura
  • 1x Cavo di estensione per strisce RGB Addressable
  • 1x cartoncino per Porta
  • 1x Heatsink per SSD M.2
  • 1x DVD
  • Manuale Utente

ROG Strix X399 E Gaming 5 ROG Strix X399 E Gaming 6

Bundle in pieno stile ASUS ROG.


Passiamo ad analizzare la ASUS ROG Strix X399-E Gaming. La scheda madre ASUS ROG Strix X399-E Gaming come è facile intuire/vedere non è nel formato ATX ma bensì E-ATX ovvero Extended ATX; quest'ultimo prevede un formato, per la  larghezza, leggermente superiore. Modelli in formato E-ATX li possiamo trovare anche con la controparte Intel e socket LGA 2066 (X299).  La ASUS ROG Strix X399-E Gaming appartiene alla fascia HEDT di AMD così come i modelli X299 o precedenti a quella Intel. Ritornando velocemente al formato E-ATX possiamo dirvi senza dubbio che tale formato permette di integrare maggior componentistica che si traduce in teoria in maggiori performance complessive. La ASUS ROG Strix X399-E Gaming adotta questo formato anche per avere spazio a sufficienza non solo per il generoso socket AMD TR4 ma anche per i relativi 8 slot di RAM e tutto ciò che vedremo a breve. Il design della ASUS ROG Strix X399-E Gaming è al solito classico elegante ma non senza quel tocco di aggressività caratteristico dei modello della ROG. La colorazione del PCB e di buona parte dei dettagli è grigia. La ASUS ROG Strix X399-E Gaming non fa a meno inoltre di una retroilluminazione di tipo RGB grazie al sistema AURA.

ROG Strix X399 E Gaming 7 ROG Strix X399 E Gaming 8 ROG Strix X399 E Gaming 9

Partiamo dalla zona socket. La ASUS ROG Strix X399-E Gaming ci mostra in tutto il suo splendore il generoso socket AMD TR4 destinato a CPU HEDT AMD quali il Ryzen Threadripper 1920X o il 1950X (che utilizzeremo per testarla). CPU, in questo ultimo caso, da ben 16 Core e 32 Threads.

ROG Strix X399 E Gaming 11

Nella parte alta del socket è possibile osservare un Heatsink in alluminio connesso a sua volta ad un Heatpipe che raggiungerà un corpo lamellare posto nel lato sinistro. Questo corpo lamellare è dotato a sua volta di una ventolina per dissipare il calore. Possiamo osservare ciò solo rimuovendo la cover in plastica che sormonta le porte I/O.

ROG Strix X399 E Gaming 10 ROG Strix X399 E Gaming 27

Rimosso tutto il necessario possiamo osservare la zona di alimentazione della ASUS ROG Strix X399-E Gaming. Questa è composta da 8 fasi di alimentazione gestite da un controller Digi+ ASP1405I. Troviamo anche MOSFET IR3555M, di condensatori 10K Black Metallic e induttori MicroFine in lega metallica.

ROG Strix X399 E Gaming 28

Dettaglio controller.

ROG Strix X399 E Gaming 31

Dettaglio MOSFET.

ROG Strix X399 E Gaming 29

 

Dettaglio retro fasi PCB.

ROG Strix X399 E Gaming 43

Presente anche il primo dei tre Header per strisce a LED (Addressable) nella parte alta.

ROG Strix X399 E Gaming 14

L’alimentazione della ASUS ROG Strix X399-E Gaming è affidata al solito connettore 8 Pin EP più un 4 Pin ausiliario. Nella stessa zona troviamo il connettore ATX 24 pin e due Header (4 Pin) dedicati ad un eventuale pompa di un AIO, alla ventola aggiuntiva di un dissipatore ad aria, e al connettore principale del dissipatore.

ROG Strix X399 E Gaming 12

Poco più sotto troviamo il connettore USB 3.1 e il connettore per installare un SSD M.2 in posizione verticale con relativo supporto in plastica incluso nel bundle.

ROG Strix X399 E Gaming 13

Diamo velocemente uno sguardo anche agli 8 slot di RAM DDR4 divisi quattro per lato. La frequenza massima certificata e supportata è di 3600 MHz mentre nel BIOS troveremo 4000 MHz come massimo valore.

ROG Strix X399 E Gaming 15 ROG Strix X399 E Gaming 16

Proseguendo sul lato destro arriviamo alle porte SATA. La ASUS ROG Strix X399-E Gaming ne ha sei che risultano sufficienti per un utilizzo, dal punto di vista dello Storage, assolutamente classico. Troviamo anche un connettore U.2 e il connettore USB 3.0 ruotato di 90 gradi.

ROG Strix X399 E Gaming 17

Ora dando uno sguardo dall’alto possiamo osservare l’Heatsink di forma a L con un taglio molto aggressivo. L’Heatsink inoltre e in realtà si costituisce di due parti di cui la principale è la cover per lo slot M.2 inferiore in formato 22110. La secondaria dotata anche di LED RGB relativa il chipset X399.

ROG Strix X399 E Gaming 18

Dettaglio slot SSD M.2 22110.

ROG Strix X399 E Gaming 26

Nel lato inferiore troviamo i classici Header (LED, Frontali) e connessioni USB, pannello frontale del PC, Debug LED etc.

ROG Strix X399 E Gaming 19 ROG Strix X399 E Gaming 20 ROG Strix X399 E Gaming 21

Siamo arrivati al lato opposto dove troviamo il circuito audio SupremeFX.

ROG Strix X399 E Gaming 22

Salendo arriviamo invece alle porte I/O posteriori. Il retro della ASUS ROG Strix X399-E Gaming è dotato delle seguenti porte:

  • Tasto BIOS per il BIOS Flashback con Pen Drive
  • 2x Ingressi Antenne
  • 8x USB 3.0
  • 1x USB 3.1 Type C
  • 1x USB 3.1
  • 1x LAN (RJ45)
  • 1x Optical S/PDIF out
  • 5x Jack 3.5 mm placcati oro

ROG Strix X399 E Gaming 23

Nella parte superiore le porte I/O troviamo la cover in plastica con l’incisione ‘’Strix’’ e sotto troviamo una ventolina come abbiamo già detto.

ROG Strix X399 E Gaming 24

Dal retro passiamo al centro del PCB della scheda madre dove troviamo :

  • 4x Slot PCI-E x16 con SafeSlot (con un rinforzo in metallo dello slot PCI-E)
  • 1x Slot PCI-E x4 privo di SafeSlot (Nero)
  • 1x Slot PCI-E x2

ROG Strix X399 E Gaming 25

A seguire alcuni dei chip di gestione e controllo presenti sulla ASUS ROG Strix X399-E Gaming.

Chip Digi+ ASP1103 per le due fasi del comparto RAM.

ROG Strix X399 E Gaming 32

Chip STM32F Arm Cortex più Chip Aura per la gestione dell’illuminazione e effetti.

ROG Strix X399 E Gaming 35

Chip ASMedia ASM1543 per il controllo USB 3.1 type-C.

ROG Strix X399 E Gaming 34

Chip Shield EMI SupremeFX.

ROG Strix X399 E Gaming 36

Chip TPU KB3720QF per i profili TPU I e TPU II nel BIOS.

ROG Strix X399 E Gaming 38

Chip ITE 8665E per sensori Temperatura.

ROG Strix X399 E Gaming 39

Chip Intel LAN Gigabit I211-AT.

ROG Strix X399 E Gaming 40

Chip ASMedia ASM3142 per USB 3.1.

ROG Strix X399 E Gaming 41

Vi lasciamo in ultimo uno scatto della ASUS ROG Strix X399-E Gaming con relativa Antenna.

ROG Strix X399 E Gaming 51


Per poter gestire l’illuminazione RGB della nostra ASUS ROG Strix X399-E Gaming o qualunque altra scheda madre ASUS con sistema AURA dovremo scaricare e installare il relativo software di gestione ASUS AURA.

Al momento attuale la versione più recente è la V1.05.32. Una volta scaricato ci basterà installarlo e avviarlo per procedere subito alla personalizzazione.

Il software ASUS AURA fu introdotto già con le prime schede madri di precedente serie e ora perfezionato per avere maggior supporto e personalizzazione.

Avviato ci troveremo di fronte una grafica ROG con schema di colori Nero/Rosso. Interfaccia davvero di semplice comprensione e utilizzo.

Avremo a disposizione questa volta tre ‘’Menù’’ principali che sono ‘’Synchronized’’, ''Settings'' e ‘’Power Off’’. Potremo anche disattivare l’illuminazione con un semplice click (a lato destro).

ASUS AURA 1

Con il primo Menù avremo accesso a diversi effetti quali ‘’Static’’, ‘’Breathing’’, ‘’Color Cycle’’, ‘’Strobing’’, ‘’CPU Temperature’’, ‘’Music’’ e molti altri ancora (aggiunti con le sempre più nuove release). Ognuno dei quali potrà essere personalizzato nella modalità e nei colori. Tale Menù inoltre sarà relativo ad un’illuminazione sincronizzata a eventuali strisce a LED collegate ad uno o due Header presenti sulla scheda madre.

ASUS AURA 2 ASUS AURA 3 ASUS AURA 4 ASUS AURA 5

Con il secondo Menù avremo la possbilità non solo di calibrare le strisce a LED collegate ma anche gestire quella eventualmente connessa all'Header per Strice a LED Addressable. In questo caso come vediamo potremo selezionare il ''numero'' del LED per la completa personalizzazione.

ASUS AURA 6 ASUS AURA 7 ASUS AURA 8

Con il terzo e ultimo Menù avremo meno effetti e questi saranno disattivati una volta spento il PC.

ASUS AURA 9


Passiamo al BIOS della ASUS ROG Strix X399-E Gaming. Come sappiamo ASUS è detentrice tutt’oggi di uno dei più completi e funzionali BIOS in circolazione. Ricco di numerose funzionalità e voci che permette una minuziosa personalizzazione sia per utilizzo daily use sia per Overclock.

BIOS come sempre caratterizzato da una avremo una ‘’EzMode’’ e una ‘’Advanced Mode’’. Nella prima modalità avremo tutte le impostazioni ed i valori principali a portata di mano. Qui saremo limitati nella personalizzazione e gestione di un eventuale overclock della CPU/RAM. Eventualmente, potremo consultare il System Browser che ci mostrerà i dettagli dei componenti installati.

ROG Strix X399 E Gamin BIOS 1

Per passare alla modalità ‘’Advanced Mode’’ ci basterà premere il tasto F7. Fatto ciò ci troveremo di fronte ad un'interfaccia grafica stile ROG dei suoi BIOS UEFI. Al solito i Menù principali sono 8 e sono ‘’My Favorites’, ‘’Main’’, ‘’Extreme Tweaker’’, ‘’Advanced’’, ‘’Monitor’’, ‘’Boot’’, ‘’Tool’’, ed infine ‘’Exit’’. Nel primo Menù ovvero ‘’Main’’ avremo un riassunto sul tipo di processore installato e la quantità e frequenza attuale dei moduli RAM installati nonché altre informazioni base. Non manca la voce ‘’My Favorites’’ dove potremo salvare eventuali impostazioni e profili di OC.

ROG Strix X399 E Gamin BIOS 2 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 3 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 4

Passiamo ora al Menù ‘’Extreme Tweaker’’ dal quale potremo agire su ogni parametro relativo RAM, CPU, risparmi energetici, funzioni avanzate e così via. Come sempre le voci dei BIOS ROG sono sempre davvero complete ed avremo la possibilità di agire su moltissimi parametri spesso assenti in altri BIOS di altri brand. Per la voce RAM Frequency potremo impostare un valore fino a 4000MHz a dispetto del supporto massimo garantito di 3600 MHz. Inoltre essendo una mainboard AMD troveremo nuove funzioni relative alla gestione overclock delle CPU AMD.

ROG Strix X399 E Gamin BIOS 5 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 6 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 7 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 8

Nel Menù ‘’Advanced’’ avremo molte più possibilità di agire su settori quali Storage, USB, PCH, controllare informazioni relative ai drive collegati e molto altro ancora. Non da meno la possibilità di attivare o meno l’illuminazione de logo ROG direttamente da BIOS.

ROG Strix X399 E Gamin BIOS 9 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 10 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 11 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 12 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 13 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 14 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 15 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 16 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 17 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 18 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 19 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 20 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 21 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 22 ROG Strix X399 E Gamin BIOS 23

Nel Menù ‘’Monitor’’ potremo controllare le temperature relative alla CPU, scheda madre, VRM, PCH e controllare la velocità delle ventole connesse compresa quella della CPU nonché i voltaggi. Da qui potremo anche disattivare dicasi ‘’Ignore’’ eventuali sensori.

ROG Strix X399 E Gamin BIOS 25

In ‘’Boot’’ come sempre agire sull’ordine di Boot delle unità o cambiare voci avanzate sempre del boot del sistema.

ROG Strix X399 E Gamin BIOS 26

In ‘’Tool’’ troviamo i classici strumenti che ci mette a disposizione ASUS per flashare il BIOS ad una versione più recente, controllare i valori dei moduli RAM installati e molto altro ancora.

ROG Strix X399 E Gamin BIOS 27

Tramite il Menù ‘’Exit’’ potremo uscire eventualmente salvando o annullando le modifiche nonché caricare i valori di default in caso di problema.

ROG Strix X399 E Gamin BIOS 28

Ricordiamo anche che i BIOS della serie ROG ma anche quelli "normali" di ASUS tramite la voce ‘’QFan Tuning’’ ci daranno modo di agire sulla curva di regolazione degli RPM o impostando al massimo la rotazione passando anche da un controllo PWM ad uno DC


Abbiamo effettuato i nostri test con la piattaforma AMD TR4, con CPU dotata di architettura Zen Ryzen Threadripper 1950X. Nel dettaglio:

sistema

Abbiamo testato le prestazioni ASUS ROG Strix X399-E Gaming con due diverse impostazioni:

  • CPU a default e RAM ad una frequenza di poco superiore i 2133 MHz
  • CPU in Turbo Boost 4 GHz e RAM a 3200 MHz tramite profilo D.O.C.P

A seguire la lista di software utilizzati:

  • 3D Mark 13 Fire Strike
  • Aida64
  • WinRAR
  • Cinebench R15
  • wPrime

3Dmark 13

Versione più recente (2013) nonché il punto di riferimento dei test grafici in ambito DirectX 11 è prodotto dalla Futuremark per misurare le prestazioni del comparto hardware grafico. Include 3 diversi benchmark (IceStorm, CloudGate e FireStrike) progettati per una tipologia specifica di hardware, dagli smartphone alle potenti schede grafiche di ultima generazione. La versione utilizzata FireStrike, compatibile solo con il sistema operativo Windows, fa un uso non intensivo delle librerie grafiche Microsoft DirectX 11.1 ed effettua calcoli sia di tipo grafico che della fisica degli oggetti e misto. Al termine restituisce una media dei valori ottenuti sui singoli test che andranno a contribuire sul valore finale. Più alto è questo valore più performante è il sistema utilizzato.

3DMark 13

Aida64

Aida64 è un software prodotto dalla FinalWire che consente di monitorare il sistema fornendoci informazioni dettagliate sulla componentistica hardware. Il software comprende al suo interno un utility di bench in grado di testare la memoria e i vari stadi di cache presenti all’interno del processore. I valori restituiti da entrambe le versioni si sono dimostrati abbastanza reali e veritieri e rispecchiano la tendenza crescente proporzionale alla frequenza di lavoro del kit, per cui il tool beneficia della maggiore frequenza di lavoro delle RAM.

AIDA64

 

AIDA64 1


WinRAR

WinRAR, famoso software di compressione e decompressione di archivi di dati. Al suo interno è presente una utility di benchmark che comprime un file standard atto a tale scopo; il software provvede a restituire il valore di compressione espresso in KB/s. Il grafico rispecchia la tendenza del software a beneficiare maggiormente della frequenza di lavoro delle memorie.

Winrar

Cinebench R15

Software prodotto dalla Maxon nell’ultima versione, permette tramite l’elaborazione di immagini e di contenuti tridimensionali di testare le performance della CPU. Il test della CPU è stato eseguito utilizzando tutti i core presenti all’interno del processore. Quest’ultima release utilizza il motore di rendering Cinema 4D. Come si evince dal grafico, i valori alle varie frequenze sono pressoché identici.

Cinebench

wPrime

wPrime è un benchmark multi-threaded in versione freeware che permette di testare il sistema, ed in particolare la cpu, ad eseguire il calcolo della radice quadrata di una enorme quantità di numeri (fino a 32 miliardi) con un algoritmo basata sulla programmazione multithread. wPrime può essere eseguito in modalità 32M (performance test) o 1024M (stability test), a seconda del numero di thread configurati per l'esecuzione dei calcoli. I valori ottenuti possono essere salvati e condisivisi on line. Inoltre la compatibilità e l'identificazione alla piattaforma ed hardware sono assicurate dall'integrazione del codice del conosciuto CPU-Z. Test eseguito a 32M.

wPrime


Siamo passati alla fase di overclock della nostra CPU AMD Ryzen Threaripper 1950X installata nella ASUS ROG Strix X399-E Gaming.

Da tempo le schede madri integrano tools di overclock automatico che permettono agli utenti meno smaliziati di aumentare le prestazioni del proprio PC senza preoccuparsi troppo dei vari settings a disposizione nel BIOS. La ASUS ROG Strix X399-E Gaming a differenza di altri modelli sempre ASUS mette a disposizione solo un profilo che è il 4G (GHz) Profile. In questo caso attiveremo la frequenza di 4 GHz la medesima del Turbo Clock su tutti e 16 Core in modo fissi e costante. Utile per chi vuole spremere al massimo questa CPU destinata però più ad un impiego Multi-Threads.

Per le classiche prove di overclock manuale ci siamo basati sul raggiungimento di una frequenza stabile nel rapporto tipologia di dissipazione (in questo caso è stato impiegato un AIO da 360 mm della Thermaltake modello Water 3.0 Riing RGB ricevuto assieme alla scheda madre) e temperature. Per testare la stabilità della scheda madre ci siamo serviti anche qui del software Cinebench R15 utilizzato anche per i test a default al fine di trovare una buona stabilità per un eventuale Daily-Use. Teniamo a precisare che la CPU utilizzata un AMD Ryzen Threadripper ha una frequenza base di 3.7GHz e con Turbo Clock attivo di 4.0GHz 16c/32t quindi ci siamo limitati a salire ancora di diversi MHz per trovare il giusto equilibrio come detto poc’anzi. Le RAM utilizzate come abbiamo visto sono un kit da 16GB con frequenza di 3200MHz impostate tramite BIOS con il profilo XMP (in questo caso D.O.C.P) in modo tale da non creare instabilità durante la fase di overclock della sola CPU. Il software Cinebench R15 lo abbiamo eseguito anche questa volta in modalità Multithreading in modo tale che ogni singolo Core venisse impiegato nel calcolo del rendering di poligoni.

oc 4

Purtroppo e nel nostro caso qualsiasi prova effettuabile non ci ha permesso di chiudere il benchmark Cinebench senza il freeze del sistema. Capite bene che una CPU da 180W di TDP e frequenza di 4.1 GHz (nostro obiettivo) su tutti e 16 i core non garantisca il migliore rapporto di dissipazione utilizzando un semplice AIO seppur da 360 mm con ventole al massimo (Thermal Throttling). Ci siamo dunque limitati ad un altro giro di Cinebench con la frequenza già valida su tutti i Core di 4 GHz come anche da profilo impostabile in automatico da BIOS.


Oro HD new design

Overclock 4 stelle Overclock limitato alla frequenza massima data dal Turbo Clock a 4 GHz (lato CPU). 7 Fasi e Controller digitale PWM ASP1405I.
Design 5 stelle Design aggressivo e moderno. Sistema ASUS AURA.
Materiali 5 stelle Nulla da dire sulla qualità e componentistica utilizzata anche nella serie ROG Strix.
Prezzo 4 stelle Circa 380€. Prezzo che ci può stare in relazione al pacchetto offerto.
Complessivo 4,5 stelle  

 

La ASUS ROG X399-E Gaming offre una solida e completa scheda madre agli utenti che vogliono puntare ad una configurazione HEDT con AMD. Il socket TR4 di AMD offre non solo un’interessante sistema di installazione (il minimo per poter installare senza complicazioni una CPU di queste dimensioni) ma anche e finalmente il sistema LGA utilizzato da decenni da Intel. AMD con i processori Ryzen Threadripper abbandona momentaneamente il PGA in favore del LGA, unica scelta possibile per una CPU con simile architettura di derivazione EPYC – Server.

Scendendo velocemente nelle caratteristiche della ASUS ROG X399-E Gaming possiamo dire che la zona di alimentazione è valida grazie alle 7 fasi gestite da un controller digitale PWM ASP1405I e supportato dai connettori di alimentazione 24 Pin, 8 Pin più uno ausiliario da 4 Pin. Non mancano i bellissimi condensatori 10K Black Metallic ed induttori MicroFine in lega metallica. Presenti anche MOSFET IR3555M.

L’overclock come visto è stato nullo ma per ‘’limitazioni’’ dovute alla CPU (16c/32t) e non alla scheda madre. Potremo comunque gestire al meglio una CPU Ryzen Threadripper al massimo della sua frequenza in Turbo per avere quel boost in più soprattutto in applicazioni Multithreading.

Il comparto Storage è affidato a ben sei porte SATA, una U.2, due slot M.2. Per un utente anche Enthusiast non credo ci saranno problemi.

Quello grafico alla possibilità di creare senza problemi configurazioni Multi-GPU AMD CrossFireX e NVIDIA SLI.

Essendo una scheda madre per CPU HEDT AMD potremo installare senza problemi fino a 128 GB di RAM DDR4 da 3600 MHz certificati negli  otto slot di RAM DDR4 presenti sul PCB della mainboard. Una capacità davvero elevata anche per il classico Enthusiast Gamer.

Non mancano infine tre Header per strisce RGB di cui uno Addressable e gestibili in toto dall’ottimo sistema ASUS AURA. Massima cura e attenzione non solo per la qualità della componentistica ma anche a quella estetica.

La ASUS ROG Strix X399-E Gaming viene proposta ad un prezzo di circa 380 €. Prezzo che potrebbe sembrare alto ma parliamo pur sempre di una mainboard per CPU di fascia Enthusiast in casa AMD. La dotazione è completa sotto tutti i punti di vista dal comparto Storage a quello VGA passando per quello Multimediale.

La ASUS ROG Strix X399-E Gaming è disponibile anche su Amazon al seguente link: http://amzn.to/2oJm9Fp.

Pro

  • 7 Fasi e Controller Digitale
  • Design e Immancabile sistema ASUS AURA
  • Doppio Slot M.2 NVMe
  • Connettore USB 3.1 per uscite frontali
  • Doppio Header LED RGB + Terzo Header LED RGB Addressable
  • 128 GB di RAM installabili
  • WiFi MU-MIMO AC

Contro

Prestazioni in Single Thread/Core 

Overclock complessivo limitato per CPU Threadripper (Dipeso dalla CPU)

Si Ringrazia ASUS per il sample fornitoci.

Tommaso Mele

 

Commenta sul forum

Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.