Asus Rampage II Extreme

introDal lancio del Core i7 da parte di Intel ormai è passato qualche mese, ci sembra giusto quindi portarvi a scoprire una delle migliori schede madri high-end che si possano trovare attualmente sul mercato. Stiamo parlando della Asus Rampage II Extreme. Questa scheda deriva direttamente dalla sorellina minore che montava i migliori componenti per processori Core 2 Duo / Quad, e da essa ne riprende lo stile.

Siamo infatti di fronte ad un degno erede di quella che è stata la mainboard più utilizzata dai maggiori esponenti in campo di overclock.
Nella Rampage II ritroviamo alcune delle features che erano state presentate nel precedente modello, stiamo parlando infatti della tecnologia TweakIT, del sistema di raffreddamento passivo che va a toccare quasi tutti i componenti di maggior importanza (dai chipset alle fasi di alimentazione).

La Rampage II Extreme ci arriva in una scatola rossa che fa subito capire l’indole della scheda. Aperta la confezione troviamo in bella mostra la scheda in tutto il suo splendore, sul retro sono riportate le principali caratteristiche.

box1 box2 box3

SchedaAd un primo sguardo questa mainboard è molto simile alla Rampage Extreme, anche se in realtà le differenze sono molte e importanti. Ad esempio nella precedente eravamo abituati al semplice raffreddamento passivo con l’opzione del watercooling sul northbridge, mentre la Rampage II estreme è completamente raffreddata passivamente (anche se possiamo facilmente smontare alcune parti per inserire un raffreddamento tramite wb), questo a prima vista potrebbe essere una grave mancanza, ma bisogna ricordare che il nortbridge non ha più bisogno di un raffreddamento pesante visto che il controller di memoria è stato spostato all’interno della CPU Core i7. Asus comunque ha inserito nel bundle una ventola Clip-On da poter agganciare sul retro del pannello I/O per abbassare le temperature di esercizio. Noi personalmente non l’abbiamo mai utilizzata.


Bundle e Caratteristiche

Il bundle è particolarmente ricco, ecco tutto quello che troviamo nella scatola:

bundle
cavi-1
cavi-2
cavi-3
xfi
  • Cavi ProbeIT
  • Connettore 3-Way SLI
  • Connettore CrossFireX
  • ASUS Optional Fan
  • Scheda Audio SupremeFX X-Fi
  • LCD Poster esterno
  • 3-in-1 ASUS Q-Connector Kit
  • 1 x UltraDMA 133/100/66 Cable
  • 6 x Serial ATA Signal Cables
  • Serial ATA Power Cables
  • 2-port USB 2.0 & FireWire PCI Expansion Bracket
  • EL I/O Shield
  • 3 x Thermal Sensor Cables
  • Cable Ties
  • Manuale dell’Utente
  • DVD di Supporto


Andiamo ad analizzare meglio la Rampage II Extreme.  Ad uno sguardo poco attento passa inosservato, ma le dimensioni di questa scheda non rispettano le classiche dell’ATX infatti le sue dimensioni sono di 10.5" X 12 contro i 9.5" x 12" delle altre motherboards. Non avremo nessun problema di montaggio nei case medi, mentre dovremmo star attenti qualora volessimo installare questa scheda madre all’interno di cabinet molto piccoli. 
scheda-topLa nostra attenzione viene subito catturata dalle due features più importanti di questa scheda…stiamo parlando del famoso Pro-Belt e del TweakIT. La prima funzionalità sarà sicuramente apprezzata dagli overclockers più incalliti, infatti gli ingegneri Asus hanno avuto l’accortezza di portare in una posizione facilmente raggiungibile i punti di lettura dei più importanti voltaggi della scheda madre (CPU, Ram, Chipset e PCI-Express). I comandi TweakIT estendono e completano le funzioni del pannello LCD esterno. Infatti quest’ultimo si potrà utilizzare o come semplice display di debug o con la combinazione dei due piccoli pulsanti e del joypad per variare molte opzioni del bios e tenere sotto controllo le varie temperature e velocità delle ventole dei singoli componenti. Infinebottoni gli altri due piccoli pulsanti sono i classici ormai onnipresenti nelle schede di fascia alta per il PowerON ed il Reset (il tasto per il Clear CMOS si trova sul retro, nel pannello I/O). Questo piccolo pannellino insieme al connettore ATX, al connettore 8-pin, floppy, IDE e alle 6+1 porte Sata si trovano tutte sull’angolo della scheda madre (la posizione a nostro parere più intelligente e funzionale).
socketLa parte intorno al Socket è tanto ben curata quanto piena di dissipatori, non abbiamo riscontrato comunque nessun problema nel montare dissipatori anche abbastanza bassi. L’unico difetto è per chi andrà ad utilizzare questa mainboard sotto azoto o comunque avrà bisogno di isolarla a causa della quantità di condensatori vicini alla zona del socket (anche se disposti regolarmente). Un ultimo particolare che ci ha colpito in questa zona è l’utilizzo di un condensatore di alta qualità e alta capacità della Fujitsu (3V-1000uF), in questa scheda ne troveremo due.

socket_condensatore southbridge_condensatore

slot-pcieTre sono gli slot di espansione PCI-e x16, ben distanziati che possono ospitare comodamente un CrossFire o uno SLI o se avete tutti quei soldi a disposizione un TRI-SLI (con configurazione x16 x8 x8 al posto del x16 x16 in doppia scheda).
Lo slot presente subito sotto il Northbridge è esclusivo per la scheda audio X-FI in dotazione, inoltre lo slot PCI diverrà inutilizzabile se si montano due/tre schede video in cf/sli. Una pecca che di solito non porta a gravi perdite visto che il pannello I/O è ricco di prese usb (6 porte), una firewire, un e-Sata e due porte LAN.

ram-e-altroSulla scheda sono presenti infine 6+1 porte SATA (gestite dal southbridge ICH10R) con supporto per il raid 0,1,5,10 ed uno slot PATA (quest’ultima gestita dal chip JMicron JMB363 che si occupa anche della porta SATA supplementare.



Il pannello I/O posteriore sembra molto vuoto per essere di una scheda madre da più di 300 euro, eppure non manca nulla, ci sono infatti due porte Gigabit LAN, sei porte USB, una porta FireWire, una porta eSATA, ed una porta PS/2 per la tastiera. La sensazione di mancanza è dovuta all’assenza di tutti i jack audio che sono riuniti nella scheda audio supplementare X-FI.

pannello-IO

Il retro della Rampage II Extreme è molto pulito, non ci sono pin plastici e tutti i dissipatori sono agganciati tramite pin metallici. Subito sotto il socket della CPU troviamo un backplate in metallo dalle dimensioni generose che aiuterà la scheda a non imbarcarsi durante l’utilizzo di dissipatori sempre più grossi e pesanti che sono attualmente sul mercato.


Specifiche:

x58blockdiagramIl chipset X58 Tylersburg è nato in concomitanza con il nuovo Intel Core i7, e grazie al controller integrato di memoria di quest’ultimo il northbridge ora ha assunto una nuova denominazione: l’hub IO (IOH).  Il risultato è che l’IOH ora è responsabile solamente dell’implementazione delle linee PCI-express e del collegamento verso il Controller I/O (ICH). L’X58 comunica con il processore attraverso la nuova connessione ad alta velocità denominata QuickPath Interfarce (QPI), ed è connesso al southbridge (ICH) attraverso il tradizonale Direct specsMedia Interface (DMI). Il  southbridge è l’onnipresente  ICH10 che troviamo su tutte le schede madri P45, e supporta fino a 6 porte SATA II ( AHCI e Matrix RAID technology).
L’X58 dispone di 32 linee PCI-express 2.0 (questo significa un perfetto supporto per la tecnologia cf/sli che richeide due slot a x16, ma anche la possibilità di montare un TRI-Sli in modalità x16 x8 x8).
Ufficialmente la velocità delle memorie è limitata a DDR3-1066 ma naturalmente non ci sono problemi a montare kit di memoria anche DDR3-2100 che verranno riconosciuti e fatti lavorare al meglio in overclock.
Possiamo notare che l’X58 è il primo vero chipset prodotto da Intel con tecnologia a 45nm, questo vuol dire che è molt più piccolo dei vecchi X38/X48 che furono prodotti a 65nm. Il principale risultato dell’affinamento del processo produttivo ha portato ad una riduzione del voltaggio di default che è passato a 1.10V (tutto a vantaggio del calore prodotto).
Vediamo ora tutte le caratteristiche della Rampage II Extreme:



BIOS

Riassumiamo in breve le principali caratteristiche per la variazione delle frequenze e voltaggi nella tabella seguente:


Frequenze

BCLK Frequency: 100 – 500Mhz in Incrementi di 1MHz
PCIE Frequency: 100 – 200Mhz in Incrementi di 1MHz
UCLK Frequency: 1600 – 5600MHz in vari incrementi
QPI Frequency: 4800/5866/6400Mhz




Voltaggi

CPU Voltage: 0.85v to 2.1v in Incrementi di 0.00625v
CPU PLL Voltage: 1.8v to 2.5v in Incrementi di 0.02v
QPI/DRAM Voltage: 1.2 – 1.9v in Incrementi di 0.02v
IOH Voltage: 1.1 – 1.7v in Incrementi di 0.02v
IOH PCIE Voltage: 1.5 – 2.76v in Incrementi di 0.02v
ICH Voltage: 1.1 – 1.7v in Incrementi di 0.02v
ICH PCIE Voltage: 1.5 – 2.76v in Incrementi di 0.02v
DRAM Bus Voltage: 1.5 – 2.46v in Incrementi di 0.02v


Ed ecco le schermate del BIOS:

IMG_6930 IMG_6934 IMG_6935 IMG_6936 IMG_6937 IMG_6938 IMG_6939 IMG_6940 IMG_6941 IMG_6942 IMG_6943 IMG_6944 IMG_6945 IMG_6946 IMG_6947 IMG_6948 IMG_6949 IMG_6950 IMG_6951 IMG_6952 IMG_6953 IMG_6954 IMG_6955 IMG_6956 IMG_6957 IMG_6958 IMG_6959 IMG_6960 IMG_6961 IMG_6962 IMG_6963 IMG_6964 IMG_6965





Test e Grafici:

Scheda Madre: ASUS Rampage II Extreme
Processore: Intel Core i7 965 Extreme Edition / Intel Core i7 920
CPU Cooling: Noctua NH-C12P
North Bridge Cooling: Stock
South Bridge Cooling: Stock
PWM Cooling: Stock
Memorie: Corsair Dominator 3x2GB PC3-12800 8-8-8 (TR3X6G1600C8D)
PSU: Corsair HX850W
Scheda Video: nVidia GTX 280 (NVIDIA GeForce 185.85 WHQL)
Hard Disk: WD Raptor
OS: Windows Vista SP1 (with all updates)

divx 3dmark-vantage everest-bandwidth everest-latency pcmark05 povray sciencemark super-pi



Conclusioni:
Gold


Prestazioni : 5 stelle - copia
Rapporto qualità/prezzo: 4 stelle - copia 2
Complessivo : 4,5 stelle - copia


Sin dalle prime immagini comparse in rete si vedeva che Asus voleva proporre un prodotto di lusso, di eccellenza pura. I primi benchmark lo confermarono e ora dopo averla recensita personalmente possiamo affermare che la magia della Rampage Extreme originale è stata ricreata e tutte le aspettative sono state rispettate. Questa è una scheda studiata, progettata e costruita per l’overclock. Certo tutt’ora ci sono ancora dei limiti nelle frequenze BLCK ma siamo sicuri che le potenzialità di questa scheda non sono ancora state del tutto svelate, e si potranno apprezzare non appena i Bios matureranno ancora di più.
Grazie al Bios intuitivo e alle funzionalità TweakIT siamo certi che anche un utente medio dopo qualche insegnamento sarebbe in grado di tirare fuori degli ottimi risultati con questa mainboard.
Certamente il prezzo è uno dei punti a sfavore della Rampage II Extreme, ma d’altro canto tutte le schede X58 di fascia alta si aggirano sulla stessa fascia, e l’accoppiata Bloomfielt/X58 sicuramente non è nata per essere venduta a buon mercato. 
Concludendo siamo sicuri che la nuova Rampage II Extreme riprenderà la scia di fama e gloria che ha passato la sua sorellina minore, e sicuramente grazie all’esperienza che gli ingegneri Asus hanno maturato con lo scorso modello, riuscirà a migliorare ancora.


Pro
  • Ottime capacità di overclock
  • Supporto per CrossFireX & 3-Way SLI
  • Ottimo sistema di raffreddamento
  • Layout molto ben curato
  • BIOS perfetto
  • Capacità di monitorare temperature e voltaggi…. stupefacente
  • Features innovative quail  Tweak It & ProbeIt
  • Bundle ricco
Contro
  • Avremo preferito più porte SATA
  • Slot di Espansione coperti in caso di setup multi scheda










VIDOL

€ 11,25

CreateSpace Independent Publishing Platform

€ 6,23