Scythe Kama Bay Amp Mini Pro: il rinnovamento di un mito

Tags: reviewrecensionescytheScythe Kama Bay mini Prokama bay mini pro

scythe SDA352000 intro

Scythe forse ai più di voi riconduce immediatamente alla mente svariati tipi di dissipatori attivi e passivi  low noise aftermarket  per CPU che l’azienda giapponese, nata nel 2002, produce da diversi anni di cui io stesso ne possiedo un “gigantesco” esemplare che ancora oggi dopo vari anni, passando per tre piattaforme hardware, svolge ancora più che egregiamente il proprio lavoro silenzioso.

 

 

 

 

 

scythe-logo

 

Sono passati undici anni dall’inizio e la società si è espansa in vari parti del mondo aprendo uffici sia in Germania come negli Stati Uniti, per assistenza e supporto clienti spostando la propria attività di sviluppo in Taiwan; oltre a ciò, parallelamente ha espanso il proprio portfolio prodotti fino ad avere in catalogo dispositivi come quello che proveremo oggi insieme ai mini speaker forniti ad hoc: ovvero il SCYTHE Kama Bay Amp Mini Pro e gli  Kro Craft mini Speaker

Per chi si fosse perso le versioni precedenti, il Kama Bay Amp Mini Pro non è la prima realizzazione audio di SCYHTE, ma prima di lui hanno prodotto altri amplificatori digitali che ancora sono tranquillamente disponibili: il  Kama Bay Amp Pro costruito per essere alloggiato all’occorrenza all’interno di due bay da 5.25 di un comune case per PC e il Kama Bay AMP 2000 Rev.B che come il fratello maggiore può essere installato all’interno questa volta di un vano singolo da 5.25. Quest’ultimo utilizza il chip Yamaha YDA138(D-3) con potenza in uscita da 10W x 2 canali, mentre il primo integra un chip Maxim MAX 98400A da 24W x 2 canali. L’ultimo nato, lo Scythe Kama Bay Amp Mini Pro oggetto della recensione odierna, presenta ancora il chip Maxim MAX 98400A, ma da 20W x 2 canali.

 

 

Scythe Kama Bay mini Pro Prodotto recensito da Igor Varisco in data 17 gennaio 2014. Voto: 4. Prezzo medio in Italia 60€

 


Specifiche Tecniche : Kama Bay Amp Mini Pro

Di seguito riportiamo le specifiche del Kama Bay Mini Pro:

 

  • SPE Model-No:  SDA35-2000-BK
  • Output: 2 x Speaker; 1 x Headphones
  • Input: 1x 3,5mm Stereo Mini; 1x RCA jack
  • Power IC: MAXIM MAX98400A
  • Channels: 2 x Channel
  • Continous Max. Output: 20 W x 2 Channels(1KHz / 8 Ω)
  • SN Ratio: 75 dB
  • Harmonic Distortion Rate: 0,5% (1 KHz / 1 W)
  • Input Voltage: 12V ~ 24V (DC)
  • Power supply via AC adaptor: 19,5V / 3A
  • Dimensions: 105,5 x 33,5 x 153 mm /  (W x H x D) con connettori e piedi di appoggio
  • Weight: 343 g

 

Passiamo all'analisi della confezione e del bundle.

 


Confezione e Bundle

Tornando a parlare più in dettaglio del modello che prenderemo in esame oggi (Kama Bay Amp Mini Pro) ordinandolo vi arriverà a casa un imballo che vi lascerà per un attimo disorientato se avete presente le dimensioni dell’oggetto che stavate aspettando ( 10.5x3.5x14 cm) rispettivamente per larghezza altezza e profondità considerando anche le connessioni.

Aprendo l’imballo troverete subito l’amplificatore che fa bella mostra di sé nella parte superiore, ma troverete altresì anche nella parte sottostante che occupa più di metà spazio oltre all’indispensabile alimentatore esterno visto l’esiguo spazio all’interno dell’amply, tutta una serie di accessori che andremo ad approfondire qui di seguito.

 

Scythe Kama_Bay_mini_Pro_28  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_29  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_30  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_31

 

Come detto all’inizio dell’articolo l’amplificatore come per i suoi “fratelloni” è concepito per essere usato sia come posizionamento libero sia all’interno di un case e a tal fine vengono forniti due staffe forate per il passaggio dei cavi verso l’esterno del case con una di esse che duplica la presa di alimentazione in modo da lasciare l’alimentatore fuori dal case e di poterlo connettere solo quando serve in maniera molto veloce e pratica.

Per il collegamento con il mondo esterno invece vengono forniti una coppia di cavi RCA su entrambi i capi della lunghezza di circa 1.5 metri; un cavo jack 3.5mm da un capo e con una coppia di RCA dall’altro dalla lunghezza di un metro; sempre dello stessa dimensione abbiamo anche un cavo terminato su ambo i lati da jack da 3.5mm e una coppia di cavi lunghi 2.5 metri da 0.5mm quadri per connettere altrettanti speaker al Kama Bay Mini Pro. Concludendo con la dotazione di connessioni “lato informatico” del nostro apparecchio, abbiamo anche una coppia di cavi USB, uno terminato da un lato con un connettore USB tipo A e dall’altro con il connettore che permette la connessione USB da una porta posteriore esterna sul case verso l’amplificatore; l’altro cavo invece permette nel caso ne abbiate liberi, una connessione diretta sui pin della scheda madre della connessione USB replicata sul frontale dell’amplificatore, cosa da non sottovalutare specie se disponete di un case non molto recente avaro di connessioni USB sul frontale. In questo modo avrete sempre a disposizione una porta in più per la connessione o la ricarica dei vari dispositivi che al giorno d’oggi ci circondano.   

 

Scythe Kama_Bay_mini_Pro_5  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_6  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_27

 

 


Nel Dettaglio

IlKama Bay Amp Mini Pro è un piccolo parallelepipedo di metallo largo 10 cm e profondo 12 cm se si escludono le parti sporgenti e questo piccolo scatolotto, ad averlo in mano, dà l’impressione di essere ben fatto e non solo per “la misera cifra” che viene richiesta, ma anche allargando la cerchia dei paragoni.

La verniciatura è ben fatta, ha un frontale in simil alluminio spazzolato dalla forma leggermente concava che ospita al centro la manopola di regolazione del volume che agisce su un potenziometro che dà un buon feedback quando lo si aziona e non produce nessun tipo di disturbo udibile durante la riproduzione.

 

Scythe Kama_Bay_mini_Pro_1  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_21

 

Alla sinistra abbiamo il pulsante di accensione illuminato dalla onnipresente, almeno ultimamente, luce blu quando l’apparecchio è acceso affiancato dall’uscita cuffie e seguito dal pulsante di mute; il tutto termina sul lato destro con l’ingresso jack da 3.5mm per una sorgente audio esterna e la già precedentemente citata porta USB.

La vista laterale risalta tutto l’esiguo spessore dell’apparecchio; spessore che fa sembrare quasi enormi  comunque i bei tre piedi di appoggio su cui poggia l’apparecchio a loro volta ricoperti di un millimetro di materiale antiscivolo che svolgono  bene il proprio compito considerando i soli 350 grammi da tenere fermi.

 

Scythe Kama_Bay_mini_Pro_26  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_25

Se la vista laterale metteva in evidenza il piccolo ingombro quella posteriore lo esalta ancora di più; infatti a stento trovano posto le terminazioni per connettere le due casse che accettano sia il classico filo spelato di sezione fino a 2.5mm quadri, che dei cavi di potenza terminati con delle banane che facilitano la sconnessione rapida. Al centro trovano invece posto l’unico ingresso che fa il palio con quello anteriore; qui vengono usati, come per quanto riguarda i morsetti di potenza dei connettori, non certo di primo prezzo con isolante il teflon.  La disposizione dei connettori è stata sicuramente fonte di studio, infatti nonostante la loro estrema vicinanza, stando un poco attenti è possibile utilizzare cavi RCA e di potenza di dimensioni non minime come quelli in dotazione, permettendo varie sperimentazioni sonore.

Nella foto i due chip più grandi sono la sezione di amplificazione del Kama Bay Amp Mini Pro, ovvero una coppia di integrati della Maxim nella fattispecie il MAX98400A che garantiscono una potenza di 20 watt per canale su un carico nominale di 8 ohm; il loro funzionamento in classe D e l’elevato rendimento dichiarato (fino al 90%) permette di fare a meno di qualsiasi sistema di raffreddamento.

 

Scythe Kama_Bay_mini_Pro_7  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_8  

L’alimentazione viene fornita al Kama Bay Amp Mini Pro da un alimentatore ovviamente esterno che sembra preso in prestito dal mondo dei laptop; fornisce una tensione stabilizzata di 19.5 V e una corrente di 3 A.

Scythe Kama_Bay_mini_Pro_22

 


Specifiche Tecniche:  Kro Craft mini Speaker

Di seguito invece riportiamo le specifiche degli speaker:

 

  • Model Name: Kro Craft mini Speaker
  • Model Number: SCKCM-1000
  • Frequency: 80 Hz - 16 kHz (± 3 db)
  • Impedance: 8 Ω
  • Maximum Input: 20 W
  • Woofer: 100 mm Concave Dome Fullrange
  • System: Sealed Structure
  • Dimensions: 110 x 122 (+24 mm) x 105 mm / 4.33 x 4.80 (+ 0.94 in) x 4.13 in
  • Weight: 780 g (1.72 lb) per Speaker

 

Finora abbiamo parlato dell’amplificatore, ma insieme al Kama Bay Amp Mini Pro abbiamo ricevuto per la prova anche una coppia di uno dei due kit di altoparlanti disponibili sul sito del produttore, ovvero i Kro Craft mini Speaker ; il modello più piccolo a catalogo.

Si tratta di due piccoli speaker dal funzionamento in cassa chiusa di forma quasi cubica, misurando 12x11x10 centimetri. La loro costruzione riprende i materiali e le finiture dell’amplificatore con corpo in metallo verniciato di nero aventi rinforzi  sulle pareti interne, mentre all’esterno si presentano quattro lati neri con finitura opaca rifiniti ai vertici da un profilo satinato lucido.

 

Scythe Kama_Bay_mini_Pro_2  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_3  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_4  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_12  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_36

 

Il lato posteriore invece ospita i due morsetti per i collegamenti simili nella fattura a quelli impiegati per l’amplificatore, qui in versione leggermente ridotta. La parte anteriore viene occupata quasi interamente dall’unico altoparlante che compone il diffusore e trattasi di un trasduttore dalla dimensione nominale di 4 pollici (10 cm) la cui particolarità sta nell’avere sia il parapolvere che la membrana dell’altoparlante stesso  in un corpo unico costruiti in lega metallica.

 

Scythe Kama_Bay_mini_Pro_11  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_12  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_14  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_15  Scythe Kama_Bay_mini_Pro_16

 

 La sospensione ha una dimensione ragguardevole rispetto a quella dell’altoparlante stesso, mentre il magnete che genera il flusso che fa muovere il trasduttore ha una dimensione ridotta a quello che magari ci si aspetterebbe; ma ricordiamo che i trasduttori destinati per essere utilizzati  in un sistema a sospensione pneumatica non necessitano di grossi magneti. Conseguenza di questa scelta anche il completo riempimento da parte di materiale fonoassorbente dell’intero volume della cassa. Il filtro crossover invece non c’è: essendo dei monovia si punta al filtro naturale creato dalla cassa acustica e le caratteristiche elettriche/meccaniche del trasduttore stesso. Si precisa che le casse vengono fornite con circa 2.5 metri di cavo di potenza e due set di piedini adesivi in gomma avente diverse altezze in modo da poter eventualmente utilizzare i più alti nella parte frontale, così da avere il diffusore leggermente orientato verso l’alto ottimizzando posizionamenti sfavorevoli, come riportato nel retro della scatola.

 

Scythe Kama_Bay_mini_Pro_35

 


Impressioni di Ascolto

Per la prova si sono connesse le casse sia al PC attraverso una Onkyo SE200-PCI, usando come riproduttore software FOOBAR2000 con vari generi musicali passando dal jazz all’hard rock senza mai scendere come qualità usando file AAC da 320kb fino a file 24bit 192kHz, sia ad un lettore mp3 potatile; come posizionamento abbiamo usato un mobile piedistallo nelle ProAc D15 che sono alte circa un metro e le abbiamo tenute a circa 50 cm dalla parete di fondo.

 

Diciamo subito che globalmente il sistema fornito non è pensato per grandi ambienti, anzi crediamo che la sua installazione ideale sarebbe all’interno di qualche cameretta o sulla scrivania, magari in bella vista per apprezzare la fattura, soprattutto delle casse. Detto ciò non si può sfuggire alle leggi della fisica, ovvero non possiamo certo avere l’impatto di una grande orchestra da due woofer da 4 pollici e per giunta in sospensione pneumatica, ma dall’altro lato la sinergia fra i due apparecchi è evidente. Si può alzare il volume senza che si creino fastidiose distorsioni e dopo qualche tempo dovuto ad un rodaggio iniziale delle casse che erano completamente nuove, sparisce gran parte di quella tonalità “fredda” che aveva la gamma media. La cosa che impressiona,  questo proprio grazie alla mancanza di alcun filtro nelle casse, è la scena sonora che viene restituita usando registrazioni ben eseguite e anche i dettagli sulle medio alte frequenze nonostante la mancanza del tweeter. Sull’altro lato dello spettro audio possiamo dire subito che come prima accennato i miracoli non si possono fare quindi abbiamo una estensione effettiva che a orecchio non va oltre i 100Hz, ma con il pregio, come accennato, a non andare facilmente in distorsione se non ad alti volumi di ascolto.

 

Incuriosito da cosa potesse fare da solo l’amplificatore con un’altra coppia di casse, ho traslocato a casa di un amico per provare ad attaccare il Kama Bay Amp Mini Pro a delle casse di maggior lignaggio e con un’efficienza maggiore, attestandosi sui 93db come le New Audio Frontiers Reference Two.

Diffusori un po’ atipici in quanto pur essendo dei bookshelf utilizzano dei woofer da 20 centimetri e nonostante siano bass reflex assomigliano come suono ad una cassa pneumatica.

Devo dire di essere rimasto favorevolmente sorpreso in quanto come spinta in ambienti medio piccolo non ci sono stati problemi di sorta e non si hanno avuti particolari mancanze nonostante la classe di appartenenza dei diffusori. Certo non si aveva la raffinatezza di amplificatori più consoni all’accoppiata con le casse, ma il suono scaturito di sicuro era piacevole e con buona estensione, confermando anche qui la buona impressione avuta con i Kro Craft mini sulla scena acustica.

 


Conclusioni

 

oro

 

Qualità audio 3,5 stelle   4,5 stelle Il doppio voto è dovuto alla diversa accoppiata provata durante la prova, privileggiando soluzioni con casse dal litraggio maggiore.
Materiali 4,5 stelle Sia i satelliti che l’amply sono realizzati in metallo e finiti molto bene, soprattutto i diffusori.
Bundle 5 stelle

In pratica c’è di tutto e di più, con l’accoppiata si hanno anche cavi doppioni (quelli di potenza) mentre se ne ha a disposizione ogni modello che possa servire per connettere qualcosa all’amply.

Prezzo 4 stelle Lo street price di circa 100€ per l’accoppiata appare una cifra più che adeguata ai risultati ottenuti, con presupposti positivi investendo poco di più sulle casse puntando sul modello più grande.
Complessivo 4 stelle  

 

 

Giunto il momento di trarre delle conclusioni possiamo dire di avere il rammarico di non aver potuto provare insieme al Kama Bay Amp Mini Pro le sorelle maggiori delle Kro Craft mini recensite in passato; queste sono dotate di un mobile dal litraggio più che doppio, di un tweeter in più e soprattutto bass reflex, cose che messe insieme farebbero presupporre un abbinamento ideale per pochi euro in più nel budget.

Anche così comunque il sistema ha da dire il suo perché come secondo impiantino per ascolti spensierati, magari mentre si scrivono delle recensioni. Fra i due il maggior potenziale risiede nell’amply che i soldi li vele tutti e permette di entrare  nel mondo audio con pochi euro e divertirsi anche nelle abbinate sonore con vari altoparlanti in commercio.

Per i singoli prodotti parliamo di circa 60 euro per Kama Bay Amp mini Pro e di 40 euro per le casse Kro Craft mini, per un totale di circa 100 euro. Con circa 15/20 euro in più si possono acquistare le casse più grandi e che ci sentiamo di consigliare con l’amplificatore, se non ci si era prefissato un preciso budget.

 

PRO

  • Scena acustica
  • Qualità realizzativa
  • Rapporto qualità prezzo
  • Dimensioni

 

CONTRO 

  • Carenza sulle basse frequenze
  • Un solo ingresso audio

 

Si Ringrazia Scythe per i sample fornitici

Igor Varisco

 

Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.