• Posted
  • Hits: 7055

Kingston HyperX T1 2133MHz 8GB

KHX2133C9AD3T1FK4-8GXIl Kit DDR3 HyperX T1 (KHX2133C9AD3T1FK4/8GX) prodotto dalla Kingston, e giunto oggi nella redazione di Xtremehardware nel taglio da 8GB (4 banchi da 2048MB), è costituito da memorie che sono tra le più veloci sul mercato per il socket Intel LGA 1155. Il kit, tra l’altro, dispone di un utilissimo dissipatore a doppia ventola per il raffreddamento dei moduli stessi.

 

Cenni storici Aziendali

 

Fondata nel 1987, e con sede principale in Fountain Valley - California, Kingston Technology offre oggi più di 2.000 prodotti di memoria, i quali supportano quasi ogni dispositivo che utilizza la memoria, da computer, server, stampanti, lettori MP3, fotocamere digitali e telefoni cellulari.

Kingston_logo

Kingston offre prodotti e servizi a una rete internazionale di distributori, rivenditori, commercianti e clienti OEM in sei continenti. L'azienda fornisce anche servizi di produzione a contratto e di gestione della catena di fornitura per costruttori di semiconduttori e produttori OEM di sistemi.


Introduzione e Caratteristiche Esclusive Principali

Specifichiamo che il test delle Kingston HyperX T1 è stato effettuato su una piattaforma Sandy Bridge con chipset P67. Ricordiamo al lettore che, con questa architettura, Intel ha abbandonato il concetto di uncore (tutto ciò che non è core), che in Nehalem comprendeva anche la cache L3, in favore del System Agent, sostanzialmente un NorthBridge integrato nella CPU. Il System Agent si occupa della gestione del Memory Controller, con latenze ridotte rispetto al memory controller delle CPU Clarkdale e comparabili solo quelle delle CPU Lynnfield. La novità principale di Sandy Bridge per quanto riguarda le memorie è la presenza di moltiplicatori prefissati a 13.3x, 16x, 18.6x e 21.3x, rispetto ad una frequenza di BCLK di 100 MHz. La variabilità del base clock anche in overclock è molto ridotta e le frequenze delle memorie in Sandy Bridge rimangono pertanto più o meno fisse intorno ai valori standard di 1333, 1600, 1866 e 2133 MHz.

I moduli giunti in redazione sono in kit 4x2GB Dual Channel, operanti alla frequenza di 2133MHz (PC3-17066) con latenze 9-11-9-27 2T e con voltaggio dichiarato di 1.65v.

 KHX2133C9AD3T1FK4-8GX

 

Questo kit dispone di un doppio dissipatore di alluminio anodizzato, uno per lato, di colore blu, che aderisce ottimamente al PCB ad 8 strati di queste memorie. Il kit è dotato di un dissipatore attivo che integra  2 ventoline, da montare unitamente ai moduli di memoria per generare un ottimo flusso d’aria sull’heatspreader delle memorie stesse. Grazie a questa soluzione sono garantite temperature di funzionamento molto basse, nonostante l’elevata frequenza di funzionamento, che è di 2133 Mhz.

Come sostenuto nella prefazione possiamo certamente affermare che questi moduli ben si accoppiano con i sistemi LGA1155 (Sandy Bridge), visto che supportano perfettamente il sistema Intel Xtreme Memory (XMP). Proprio in merito a questo notiamo che queste RAM sono dotate di ben due profili XMP, il primo di 2133MHz e il secondo di 1866MHz tutti e due con latenze 9-11-9-27 2T. Grazie a questi profili, sarà piuttosto semplice configurare da BIOS questo kit di RAM per un utilizzo ottimale.

Un’opportuna precisazione la merita il voltaggio di utilizzo dichiarato dalla casa produttrice per questi moduli di memoria: è vero che Intel nel proprio Data Sheet consiglia un voltaggio massimo di 1.57v sulle memorie, ma è altresì vero che anche utilizzando le memorie ad un voltaggio leggermente superiore, cioè 1.65v, non si sono verificate problematiche di alcun genere.


 

Specifiche Tecniche

 

Le specifiche tecniche sono riportate nella seguente tabella:

specifiche


Packaging & Primo contatto

 

Il Kit HyperX T1 2133MHz è giunto in redazione all’interno di una scatola di cartone riportante, nella parte laterale, un bollino adesivo da cui possiamo evincere tutte le caratteristiche principali dei moduli contenuti in essa; una volta aperta la scatola possiamo immediatamente vedere i due dépliant relativi alla garanzia a vita dei moduli stessi.

 

Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0507 Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0508
Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0510 Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0514

 

Procedendo all’unboxing, osserviamo che sia i quattro moduli di memoria, sia il dissipatore biventola, sono a loro volta contenuti in specifiche custodie di protezione plastificate.

 

Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0516 Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0518

 

A questo punto passiamo ad analizzare i particolari di questo kit. I moduli sono avvolti da un doppio dissipatore di alluminio anodizzato, in particolare su di essi troviamo applicata un’etichetta che riporta il seriale e tutte le specifiche (timing e voltaggio) riguardanti i moduli in questione.

 

Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0527 Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0534 
Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0531 Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0533 

 

Infine troviamo il dissipatore supplementare comprendente due ventoline da 55mm collegate ad un cavetto PWM. Tale dissipatore è fornito di due staffe e di quattro viti per il fissaggio delle stesse. Possiamo notare dalle immagini la cura del dettaglio applicato dalla casa produttrice Notiamo, infatti, che le staffe riportano il logo HyperX intagliato su di esse ed il dissipatore sui suoi lati riporta la medesima scritta HyperX.

 

Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0520 Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0522 
Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0523 Kingston_HYPERX_T1_2133mhz_8GB_DDR3_IMG_0524

 


Sistema di Prova e Metodologia di Test

Per i test abbiamo utilizzato la seguente configurazione:
config

 

Abbiamo eseguito i test settando il Base Clock della nostra CPU alla frequenza di default (100MHz), quindi abbiamo proceduto ad eseguire i nostri test semplicemente modificando i divisori delle RAM sulla nostra piastra madre. Di seguito troverete elencati i divisori con le relative frequenze e latenze che abbiamo utilizzato in questa recensione:

  • 1333 MHz (divisore1:5) timing 7-7-7-21 - 1T
  • 1600 MHz (divisore1:6) timing 7-8-7-21 - 1T
  • 1866 MHz (divisore1:7) timing 9-9-9-27 - 2T
  • 2133 MHz (divisore 1:8) timing 9-11-9-27 - 2T

 

La CPU inoltre è stata mantenuta ad una frequenza di default (3.4GHz), lasciando tutti i risparmi energetici attivati e senza modificare alcun parametro alla Tecnologia Turbo di Intel.

 

Come sempre vi ricordiamo inoltre cosa si intende per timing di accesso, i cui valori si possono impostare dal BIOS della scheda madre:

  • CasLatency Time (TCL): durante un’operazione di lettura, rappresenta l'intervallo di tempo tra l'istante in cui il comando di lettura giunge ad una certa cella di memoria e quello in cui inizia il trasferimento dei dati. La denominazione è dovuta al fatto che, per individuare la cella di memoria, l'indirizzo di colonna viene selezionato sempre per ultimo (tramite il segnale Cas), successivamente a quello di riga.
  • Ras to Cas Delay Time (TRCD): costituisce l'intervallo di tempo che passa tra l'attivazione della riga e della colonna che identificano la cella di memoria in cui si vuole leggere o scrivere il dato, cioè il ritardo del segnale Cas rispetto al segnale Ras.
  • Ras Precharge Time (TRAS): rappresenta il periodo di tempo in cui una certa riga è attiva, prima che giunga il segnale precharge.
  • RowPrecharge Timing (TRP): questo settaggio BIOS specifica il minimo ammontare di tempo tra due successive attivazioni allo stesso modulo DDR. Minore è l'intervallo, più velocemente il prossimo banco di memoria può essere attivato in fase di lettura o scrittura.

Test prestazionali

Usando le impostazioni sopra riportate, abbiamo rilevato le prestazioni usando i tool di seguito elencati:

  • 3D Mark Vantage (modalità performance, test GPU1 e GPU2)
  • PC Mark Vantage x64 (solo test sulla memoria)
  • Cinebench 11.5 x64
  • Winrar4.00 Beta x64
  • 7Zip 9.20 x64
  • Aida64 Xtreme Edition (lettura, scrittura, copia, latenza)
  • X264 HD
  • LINX

Test sintetici

3DMARK VANTAGE

Il penultimo nato della serie 3DMark (della software-house Futuremark) mette in risalto le prestazioni dei processori soprattutto in ambito gaming, in questo caso abbiamo però esclusivamente effettuato i test relativi alla GPU (2 test). I test effettuati non rilevano differenze tra i tre settaggi degne di nota.

3dmark

 

PCMARK VANTAGE

Il test che abbiamo effettuato è quello relativo alle RAM; interessante evincere che la configurazione di 1600MHz risulta essere leggermente più performante di quella di 1866MHz.

pcmark

AIDA64 EXTREME ENGINEERING

AIDA64 è l’ultima release dello strumento di test e controllo prodotto dalla FinalWire, il test effettuato in questo caso concerne il Memory Controller e le Memorie RAM. Dai risultati dei test effettuati osserviamo una perfetta scalabilità degli score ottenuti.

aida-bw
aida_latency


 

Test compressione dati & multimedia

7zip 9.20

7zip è un ottimo tool che consente la compressione e la decompressione di files. Contrariamente a quello che ci aspettavamo possiamo osservare una maggiore performance della configurazione di 1600MHz rispetto a quella di 1866MHz.

7zip

 

WINRAR 4 beta 6

Classico tool anch’esso dedicato alla compressione e decompressione dei files. In questo caso i risultati sono in linea con le aspettative.

winrar

 

CINEBENCH 11.5

Software Maxton dedicato alla produzione di filmati Cinema 4D. Come nel caso del 3DMark i risultati sono sostanzialmente parificati.

cine11

X264 BENCHMARK HD

Strumento che misura quanto rapidamente il nostro sistema riesce a codificare un piccolo filmato in qualità HD, questo benchmark ci riporta quanto accurato ed efficiente (in Frames Per Second) può essere la codifica. Anche in questo caso non ci sono differenze sostanziali tra i 3 settaggi adoperati.

x264

 

 


Overclock

Per testare la solidità dei moduli di memoria, abbiamo adoperato il tool LINX aggiornato alle ultimissime librerie Linpack pubblicate da Intel nei giorni scorsi. Abbiamo optato per questa scelta in quanto ci è sembrato essere un tool più affidabile rispetto agli altri noti come Prime95 e SuperPI, in quanto a nostro parere LINX rispetto a Prime95, offre un risultato OK/KO certo, mentre confrontandolo con il SuperPI ci offre maggiori garanzie sull’utilizzo della memoria disponibile del nostro sistema di test. Rispetto le precedenti recensioni abbiamo deciso di dimezzare la quantità richiesta dei cicli di LINX per saggiare la solidità del nostro sistema, abbiamo deciso questo in quanto, in questo caso, la quantità della memoria da testare risulta essere doppia (8GB).
 

Come prima cosa abbiamo lavorato sulle latenze alla frequenza di 1333MHz mantenendo il voltaggio entro le specifiche consigliate da Intel nel proprio Data Sheet (1.57v), in questo caso abbiamo concluso positivamente 5 cicli del tool LINX alle latenze di 7-7-7-21 1t. Questo test ci è servito per saggiare la bontà delle  memorie al moltiplicatore più basso per Sandy bridge che è l’unico supportato dai sistemi basati sul chipset Intel H67, oltre a questo abbiamo effettuato tutti i test sintetici del caso.

 

77721_1.57v

 

Il secondo test lo abbiamo svolto impostando le memorie alla frequenza di 1600MHz, rispetto alla configurazione precedente abbiamo provveduto ad alzare di uno step il tRCD, quindi con le latenze a 7-8-7-21 e mantenendo il voltaggio sulle specifiche richiamate nel Data Sheet Intel (1.57v) siamo riusciti a concludere positivamente i previsti 5 cicli di LINX ed abbiamo provveduto ad effettuare i test sintetici e multimediali di rito.

linx_78721_1.57v

Ultimati questi due test, abbiamo voluto provare a testare la massima frequenza raggiungibile da questi moduli di memoria, bisogna considerare però che la piattaforma in uso (SNB) non ci consente particolari incrementi, in quanto l’aumento del Base Clock (BCLK) della CPU comporta un sostanziale instabilità di tutto il sistema; in ogni caso aumentando il BCLK a 105MHz siamo riusciti ad entrare nel Sistema Operativo a 2400MHz con un voltaggio alle memorie di 1.72v; questo risultato ci conferma l’ottima fattura e propensione all’overclock di queste memorie seppure nella configurazione da 4 banchi da 2GB che notoriamente risultano essere più difficili da overclockare.

2400mhz_boot


 


Conclusioni

oro

 

Prestazioni : 4,5 stelle - copia
Rapporto qualità/prezzo: 4 stelle
Complessivo : 4,5 stelle - copia

Le memorie Kingston HyperX 2133MHz 8GB sono perfettamente indicate per chi necessita di parecchia memoria (rendering, encoding, etc.), e grazie ai profili XMP risulta semplicissimo sfruttarle a dovere e al massimo delle loro potenzialità. Rispetto a questo ci ha realmente impressionato il fatto che questi moduli superano agevolmente i 20.000 MB/s di banda passante già con i settaggi XMP (solo la scrittura della configurazione 1866MHz risulta essere di poco inferiore).

Un punto controverso risulta essere il voltaggio dichiarato di 1.65v, questo risulta essere superiore a quanto consigliato da Intel nel proprio Data Sheet relativo a Sandy Bridge (1.57v), noi sappiamo che non esistono problematiche riguardo a questo, ma l’utente medio potrebbe essere diffidente rispetto a questo settaggio, in ogni caso abbiamo tranquillamente dimostrato l’ottima flessibilità delle memorie riuscendo ad ottenere risultati di tutto rispetto entro i voltaggi consigliati da Intel.

A corredo di tutto questo Kingston aggiunge l’ottimo dissipatore biventola che si rivela particolarmente utile vista la vicinanza dei 4 moduli una volta assestati negli appositi slot della scheda madre, quindi dal punto di vista della refrigerazione questo kit di memorie non presenta alcuna problematica.

Concludendo, il prezzo di questo kit si aggira attorno ai 220€ leggermente più alto rispetto la concorrenza, ma per la qualità dei moduli ci sembra onesto, ed è consigliato a chi necessita di parecchia memoria RAM ad alte prestazioni.

PRO

  • Ottima flessibilità e buona propensione all’aumento della frequenza
  • Impressionante banda passante
  • Dissipatore biventola
  • Garanzia a vita

 

CONTRO

  • Voltaggio dichiarato (1.65v)

Si ringrazia Kingston per il prodotto fornitoci in test.

 

Christian Battistuta

VIDOL

€ 11,53

CreateSpace Independent Publishing Platform

€ 6,23