• Posted
  • Hits: 772

HyperX Fury DDR4 RGB: Prestazioni, con stile!

Tags: hyperX

HyperX Fury RGB 13

Quest'oggi parliamo di memorie adatte al gaming e rivolte a quegli utenti che tengono in particolar modo all'estetica del proprio PC senza però disdegnare il risparmio di qualche Euro; oggi parliamo dunque delle memorie HyperX Fury DDR4 RGB, kit da 16GB 3200MHz.

Dopo aver recensito le memorie HyperX Savage DDR4 3000 nell'ormai lontano marzo 2016 torniamo a di HyperX, divisione Gaming del marchio Kingston che garantisce qualità ad un prezzo contenuto.
L'azienda ci ha inviato gentilmente un kit di HyperX Fury RGB DDR4 da 16GB composto da 2 banchi da 8GB operanti alla frequenza di 3200MHz, frequenza supportata dalle nuove CPU Ryzen 3xxx presentate sul mercato prprio quest'anno; modello HX432C16FB3AK2/16 aventi CAS Latenci pari a 16.

HyperX Logo Full Color

HyperX è la divisione specializzata in prodotti ad alte performance di Kingston Technology, la più grande azienda indipendente nel campo della produzione di memorie. Fondata nel 2002, HyperX ha iniziato la sua produzione con un’unica linea di memorie ad alte performance ed è cresciuta negli anni, arrivando oggi ad offrire diverse linee di prodotto di moduli di memoria, drive a stato solido, drive Flash USB, cuffie e mouse pad. Grazie all’impiego di componenti di primissima qualità, capaci di assicurare prestazioni impareggiabili, e al design, da oltre un decennio i prodotti HyperX sono scelti da gamer pluripremiati, dai appassionati di tecnologia e gli oveclocker di tutto il mondo. Che si tratti di riuscire a conquistare un record mondiale inarrivabile o la certificazione di prodotto più esigente, HyperX è impegnata nella produzione di prodotti affidabili con gli standard prestazionali più elevati.

In più, HyperX è orgogliosa di sponsorizzare più di 20 team di gaming nel mondo oltre ad essere lo sponsor principale dell’Intel Extreme Masters e degli eventi Dreamhack. I prodotti HyperX sono progettati per soddisfare le esigenze più rigorose dei gamer professionisti, per dare loro quella spinta competitiva in più che li aiuti a restare sula vetta delle classifiche.

HyperX Fury RGB 01

Ovviamente la caratteristica che distingue questa serie dalle altre dell'azienda sta nel design curato e completamente personalizzabile delle luci RGB che donano un tocco di stile al vostro case.
Le RAM, infatti, sono perfettamente compatibili con i vari software di perwsonalizzazione commercializzati dai produttori di schede madri, come L'Aura Sync di Asus, Mistyc Light di MSI, RGB Fusion 2.0 di Gigabyte e le applicazioni AsRock; non solo! HyperX ha rilasciato anche un suo software, Hyper NGENUITY che consente la personalizzazione delle memorie a tutti coloro che non hanno una mainboard tra quelle sopracitate.

Caratteristiche

Di seguito riportiamo la scheda tecnica che possiamo trovare sul sito internet del produttore.

spec

spec2

Tra le caratteristiche saltano all'occhio le impostazioni prescelte dall'azienda per quanto riguarda i profili XMP, due, che prevedono una frequenza pari a 3200MHz con latenze CL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per quanto riguarda il Profilo 1 e 3000MHz CL 15-17-17@1,35V per quanto riguarda il Profilo 2.
Ricordiamo che una volta installate le memorie se non verrà impostato il profilo che vogliamo utilizzare dal BIOS queste lavoreranno con impostazioni predefinite (JEDEC) a 2400MHz CL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

cpuz 81lWwSVRcD

Confezione e Bundle

Le HyperX Fury RGB vengono vendute all'interno del blister in plastica trasparente attraverso il quale possiamo vedere la natura estetica delle memorie.
Applicato su di esso troviamo un adesivo/sigillo in plastica che imnpedisce l'apertura della confezione e riporta le informazioni più importanti, come capacità, frequenza latenza e nome del modello.

HyperX Fury RGB 06

HyperX Fury RGB 08

Nel dettaglio

Esteticamente le HyperX Fury RGB risultano essere assolutamente identiche alla controparte "normale", eccezion fatta per la parte superiore o "di costa" delle memorie (che risulta immediatamente visivile una volta installata la scheda nel case), fatta in plastica trasparente e contenente i led personalizzabili.

Dunque abbiamo due banchi con dissipatore in alluminio dalle dimensioni di 133.35 x 41.24mm con uno spessore di 7mm.

Uno dei due lati riporta il logo dell'azienda HyperX con la scritta FURY in bianco... nell'angolo in alto a destra la dicitura DDR4; la colorazione di queste due scritte è di un bianco molto simile a quello della parte che va ad illuminarsi, in un primo momento, infatti, pensavamo che anche queste due si illuminassero, in realtà non lo fanno, lasciando questo compito al bordo delle memorie.

HyperX Fury RGB 05

Sul retro trova posto l'etichetta adesiva con stampate alcune informazioni quale frequenza, timing e sigla del prodotto.

HyperX Fury RGB 02

Inutile dire che come sempre l'azienda è molto attenta ai dettagli ed in questo caso utilizza un PCB di colore nero che risulta perfettamente intonato con il dissipatore, creando una memoria stealth.

HyperX Fury RGB 13

HyperX Fury RGB 17
HyperX Fury RGB 18 HyperX Fury RGB 19

Test e Overclock

Riportiamo di seguito la piattaforma con cui abbiamo provato le HyperX Fury RGB in questione.

config

Vi ricordiamo inoltre cosa si intende per timing di accesso, i cui valori si possono impostare dal BIOS della scheda madre:

  • CasLatency Time (TCL): durante un’operazione di lettura, rappresenta l'intervallo di tempo tra l'istante in cui il comando di lettura giunge ad una certa cella di memoria e quello in cui inizia il trasferimento dei dati. La denominazione è dovuta al fatto che, per individuare la cella di memoria, l'indirizzo di colonna viene selezionato sempre per ultimo (tramite il segnale Cas), successivamente a quello di riga.
  • Ras to Cas Delay Time (TRCD): costituisce l'intervallo di tempo che passa tra l'attivazione della riga e della colonna che identificano la cella di memoria in cui si vuole leggere o scrivere il dato, cioè il ritardo del segnale Cas rispetto al segnale Ras.
  • Ras Precharge Time (TRAS): rappresenta il periodo di tempo in cui una certa riga è attiva, prima che giunga il segnale precharge.
  • RowPrecharge Timing (TRP): questo settaggio BIOS specifica il minimo ammontare di tempo tra due successive attivazioni allo stesso modulo DDR. Minore è l'intervallo, più velocemente il prossimo banco di memoria può essere attivato in fase di lettura o scrittura.

Abbiamo provato le RAM lanciando il benchmark integrato nella suite SiSoft Sandra andando a registrare quale fosse il risultato combinato espresso in kPT.

sandra test

Come si evince dal grafico il cambio di frequenza può portare ad un cambio di prestazioni considerevoli soprattutto a frequenze più basse, andando ad aumentare i MHz le prestazioni vanno man mano allineandosi.

Siamo riusciti a portare le memorie ad una frequenza di poco superiore a 3500MHz con la quale siamo riusciti a benchare senza problemi Sandra ed a chiudere il Cinebench, il sistema con questa configurazione risulta stabile.
Purtroppo provando a modificare un pelo i timings o aumentare la frequenza (anche con un aumento corrispettivo di voltaggio) siamo incappati in un blocco del sistema, dunque queste memorie si spingono a circa 300MHz dalla frequenza per le quali son state progettate; non moltissimo.

Cinebench ci5Dop3pG0

Conclusioni

Oro HD new

4,5 stelle   copia 2

Con la nuova linea di memorie Fury RGB HyperX ha aggiunto un tocco di stile ad una serie di RAM già affermata sul mercato.
Con una frequenza pari a 3200MHz e latenze non troppo sacrificate questo kit è in grado di soddisfare qualsiasi utente, anche i gamers, alla ricerca di prestazioni e prezzo contenuto.
La possibilità di overclock è limitata, infatti riusciamo a scostarci dalla frequenza operativa di appena 300MHz; va considerato però che queste memorie sono già "spinte" dalla fabbrice e sembrano create su misura per adattarsi alla perfezione con le specifiche di AMD Ryzen 3xxx.

Ovviamente la caratteristica che distingue queste memorie da quelle "di serie" è la possibilità di personalizzare i colori dei led presenti sul bordo, facendoli "sposare" con quelli della restante componentistica scelta in fase di assemblaggio.

Dunque se cercate delle memorie non molto costose ma che facciano egregiamente il proprio lavoro donando un po' di colore alla vostra piattaforma, le HyperX Fury RGB fanno al caso vostro.

Si ringrazia HyperX per il sample fornitoci.

 

Commenta sul forum

SSL