Cooler Master Silent Pro Hybrid 1050w: potenza, efficienza e silenzio, quando servono

Tags: 80-plus goldsilent pro hybridCooler Master Silent Pro Hybrid 1050 reviewCooler Master Silent Pro Hybrid 1050 recensioneCooler Master Silent Pro Hybrid 1050panel controlcooler master hybrid
silent pro hybrid 1050La redazione di XtremeHardware è felice di mostrarvi la recensione del nuovo alimentatore marchiato Cooler Master, il Silent Pro Hybrid 1050W. Questo modello appartiene alla nuovissima ed omonima serie “Hybrid”, che propone unità di alimentazione potenti ed efficienti, caratterizzate inoltre da un ingombro ridotto, da una modalità di funzionamento fanless a bassi carichi di lavoro e da una notevole silenziosità operativa, che lo renderà un candidato ideale per sistemi in cui la potenza, l’efficienza ed il contenimento della rumorosità sono alcuni dei principali obbiettivi.











Cooler Master è un’azienda leader nel settore della dissipazione termica, dei cabinet per PC e in moltissimi altri settori quali ad esempio PSU, Gaming e sistemi per telecomunicazione. E’ molto apprezzata per via della cura per i dettagli, per le ottime feature, per una ricerca di natura estetica nel design e non ultimo per gli ottimi prodotti immessi nel mercato.


LOGO

Il nostro fine è analizzarne il corretto funzionamento in un sistema particolarmente potente, che permetterà di replicare le condizioni di massimo utilizzo di quest’unità. Siamo stati in grado di testarlo fino a poco meno di 1060W di consumo, direttamente a monte della presa di corrente, e come vedremo si è dimostrato un ottimo modello, capace di reggere quindi un i7 920 overcloccato a 4GHz e due GTX 480 overcloccate ed overvoltate. Ricordiamo che questo modello di GPU è uno dei più problematici sotto il punto di vista del consumo energetico, a maggior ragione se overvoltate, nel qual caso si raggiungono livelli davvero senza paragone per due sole schede video.

 

Rimandiamo al capitolo “Configurazione di test” per le impostazioni utilizzate.

 

Il Silent Pro Hybrid 1050W ha ricevuto la classificazione 80plus Gold con un valore di efficienza tipica del 90%; inoltre è presente una singola rail da +12V, che permette di bypassare la restrizione derivante dalla specifica ATX 2.3 di Intel, ma soprattutto di stabilizzare l’erogazione della potenza e quindi ripartirla uniformemente tra le varie singole rail, saldate reciprocamente. L’amperaggio massimo su queste ultime è 82A, quindi un valore particolarmente elevato.


 

Riportiamo qui alcune delle principali caratteristiche tecniche, assieme a qualche fotografia diretta dell’unità:

  • Cavi completamente modulari
  • Contenimento del rumore, soprattutto con bassi carichi, al massimo livello
  • Il primo alimentatore al mondo che è dotato di un’uscitada 7V per le ventole
  • Modalità di lavoro fanless, senza ventola, sotto i 200W di carico!
  • fan controller da 5.25” per la PSU e tre ventole di sistema!
  • Ventola da 135mm molto silenziosa con un Hydraulic Bearing
  • Oltre il 90% di efficienza, con una certificazione 80Plus Gold
  • Eco-friendly design: pronto alle specifiche Erp Lot6! Consumo minore di 1W se spento
  • Supporta 4-Way SLI / Crossfire e sistemi a Dual CPU

 

 

00052COOLERMASTER HYBRID 1050W

 


 

Analisi del sistema "Hybrid’’

 

Particolare attenzione va posta nel sistema rivoluzionario di raffreddamento, l'alimentatore potrà infatti lavorare senza l'ausilio della dissipazione generata dalla ventola di raffreddamento se il carico di Watt erogati nel funzionamento è inferiore a 200W, o con temperatura non al di sopra dei 50°.

 

D H

Questo processo rivoluzionario è attuato anche grazie all'utilizzo interno di radiatori in alluminio di generose dimensioni che faciliteranno lo scambio termico e la dissipazione "passiva" dei componenti interni, anche i materiali utilizzati sono di primo ordine, la componentistica è di eccellente qualità e l'insieme di tutti questi fattori hanno permesso a Cooler Master di creare un alimentatore performante e soprattutto silenzioso.

 

La condizione dei 200W di potenza rappresenta una tipologia di utilizzo del carico di corrente comune nella maggior parte delle configurazioni, nelle normali unità di alimentazione la ventola di raffreddamento sarà operativa seppure  con una velocità e rumorosità ridotta, nel Silent Pro Hybrid avremo una dissipazione completamente  passiva che non produrrà alcun rumore e nessuna vibrazione. Una volta che andremo a superare i limiti di temperatura e di potenza assorbita, la ventola da 135mm inizierà a funzionare automaticamente.


I HT L

 

Nel caso in cui decidessimo di mantenere sempre la ventola in funzione, potremo controllarla manualmente grazie al pratico Fan-bus da collegare all'alimentatore  fornitoci nel bundle.





 

Specifiche Tecniche e Datasheets

 

 specifiche

 


specifiche 1
 

 


Confezione e bundle

 

00001COOLERMASTER HYBRID 1050W 00002COOLERMASTER HYBRID 1050W 00003COOLERMASTER HYBRID 1050W 00004COOLERMASTER HYBRID 1050W 00005COOLERMASTER HYBRID 1050W 00006COOLERMASTER HYBRID 1050W  00007COOLERMASTER HYBRID 1050W 00008COOLERMASTER HYBRID 1050W
 

La confezione è il classico ed ottimo box informativo Cooler Master. Sono riportate molte indicazioni e l’imballo interno è più che soddisfacente. Procediamo all’analisi del contenuto.


 

00009COOLERMASTER HYBRID 1050W 00010COOLERMASTER HYBRID 1050W 00011COOLERMASTER HYBRID 1050W 00012COOLERMASTER HYBRID 1050W
00013COOLERMASTER HYBRID 1050W

 

Il bundle comprende:

  • Manuale tecnico multilingua
  • Fan controller
  • Viti di colore nero per il fissaggio del PSU al cabinet
  • Pratico astuccio contenente i cavi modulari

 
00027COOLERMASTER HYBRID 1050W 00028COOLERMASTER HYBRID 1050W 00029COOLERMASTER HYBRID 1050W 00030COOLERMASTER HYBRID 1050W 00031COOLERMASTER HYBRID 1050W 00032COOLERMASTER HYBRID 1050W 00033COOLERMASTER HYBRID 1050W 00034COOLERMASTER HYBRID 1050W

 

Ricordiamo che il Cooler Master è completamente modulare, ma forniremo una descrizione dettagliata dei cavi nei capitoli successivi. Forniamo le fotografie del manuale:


00016COOLERMASTER HYBRID 1050W 00017COOLERMASTER HYBRID 1050W 00018COOLERMASTER HYBRID 1050W 00019COOLERMASTER HYBRID 1050W 00020COOLERMASTER HYBRID 1050W 00021COOLERMASTER HYBRID 1050W 00022COOLERMASTER HYBRID 1050W 00023COOLERMASTER HYBRID 1050W 00024COOLERMASTER HYBRID 1050W 00025COOLERMASTER HYBRID 1050W

00026COOLERMASTER HYBRID 1050W

  • 1 cavo ATX 24 Pin da circa 65cm di lunghezza
  • 2 cavi 4+4 Pin per la CPU con lunghezza che superara i 70cm
  • 6 cavi 6+2 Pin PCIe
  • 5 cavi Molex
  • cavo 3.5" drive
  • 12 cavi SATA
  • 3 adattatori ventola 3-4 Pin
  • Interfaccia per il Fan Controller

 

Come abbiamo potuto constatare, i cavi hanno un'elevata lunghezza e non creeranno problemi anche i cabinet con dimensioni "importanti". Permetteranno inoltre un facile cablaggio posteriore grazie alla particolare conformazione "piatta" degli stessi cavi.




 

Silent Pro Hybrid 1050w, analisi Parte 1

 

00048COOLERMASTER HYBRID 1050W 00049COOLERMASTER HYBRID 1050W
00050COOLERMASTER HYBRID 1050W 00051COOLERMASTER HYBRID 1050W
 
00052COOLERMASTER HYBRID 1050W 00053COOLERMASTER HYBRID 1050W
 
00054COOLERMASTER HYBRID 1050W 00055COOLERMASTER HYBRID 1050W


Analisi dell’esterno

 

L’alimentatore ha un aspetto semplice ma nello stesso tempo elegante e ricercato, il colore adottato è l'antracite metallizzato che dona un tocco di eleganza ed aggressività, la griglia di aereazione è a nido d'ape e presentata una placca di ritenzione argentata, il look del Silent Pro Hybrid è davvero eccellente e le verniciature dello chassis sono molto curate non presentando alcun difetto e segno di sbavatura. Nella parte superiore troviamo l'adesivo che riporta tutte le caratteristiche tecniche del PSU, oltre al logo dell'azienda è riportata la classificazione 80plus Gold.


 
00056COOLERMASTER HYBRID 1050W 00057COOLERMASTER HYBRID 1050W
00058COOLERMASTER HYBRID 1050W 00059COOLERMASTER HYBRID 1050W
00060COOLERMASTER HYBRID 1050W 00062COOLERMASTER HYBRID 1050W

 

Su entrambi i lati è presenta una scritta "SPH 1050W" che sta ad identificare "Silent Pro Hybrid" ed il wattaggio dell'alimentatore. Nella parte posteriore vi è la presa IEC per la corrente, il pulsante di accensione dell'unità ed una grande griglia a nido d'ape per l'aereazione dei componenti interni. Come è stato precedentemente detto, è presente anche un particolare fan controller, ma lo analizzeremo in dettaglio nei prossimi capitoli.


00063COOLERMASTER HYBRID 1050W 00064COOLERMASTER HYBRID 1050W 00066COOLERMASTER HYBRID 1050W 00067COOLERMASTER HYBRID 1050W

 

Linee da +12 V ed efficienza

 

Una delle particolarità di questo modello è la presenza di un single rail unificato, che permette una migliore regolazione degli amperaggi e dei carichi sui singoli canali. Come si può evincere dal PCB però sono presenti quattro rail separate, che probabilmente nella parte inferiore vengono unite tramite saldatura a stagno, una tecnica di comune utilizzo che appunto ne permette l’aggregazione. L’efficienza dichiarata è molto elevata e l’unità ha passato la certificazione 80 PLUS GOLD.


G

 

Lunghezza cavi

 

I cavi sono della tipologia piatta e presentano un’ottima lunghezza media- in alcuni casi che arriva persino ad 80 cm, come per i cavi SATA- , il che significa che non avrete problemi nell’installazione anche considerando cabinet full tower. Per il connettore da 20+4 PIN non è presente la sleevatura finale ma troviamo che sia un aspetto positivo, per via del migliore ripiegamento all’atto dell’installazione e per via della velocissima lettura dei valori tramite lo schema standard dei PIN. Molte volte la presenza di un termorestringente finale porta ad una rigidità complessiva davvero troppo elevata, e quindi difficoltà all’atto del montaggio. I cavi di alimentazione delle schede video sono sempre della tipologia 6+2, quindi avrete la massima compatibilità con tutti i modelli di VGA in circolazione.

 

Modularità

 

Il Cooler Master è completamente modulare, anche l'utente meno esperto riuscirà a connettere tutti i cavi per il normale funzionamento del PC grazie ad un piccolo schema illustrativo sull'utilizzo dei connettori, posizionato direttamente sotto in connettori ausiliari di alimentazione delle PCIe, colorate in grigio chiaro.


 

I cavi modulari forniti sono:

  • 1 cavo ATX 24 Pin da circa 65cm di lunghezza
  • 2 cavi 4+4 Pin per la Cpu con Lunghezza che superara i 70cm
  • 6 cavi 6+2 Pin PCIe
  • 5 cavi Molex
  • 1 cavo 3.5" drive
  • 12 cavi SATA
  • 3 adattatori ventola 3-4 Pin
  • Interfaccia per il Fan Controller

 

 

Come abbiamo potuto constatare i cavi hanno un'elevata lunghezza e non creeranno problemi anche i cabinet con dimensioni "importanti", permetteranno anche un facile Cablaggio posteriore grazie alla particolare conformazione "piatta" degli stessi cavi.


 

 


Silent Pro Hybrid 1050w, analisi Parte 2

 

Prima di procedure all’analisi vogliamo soffermarci su alcune delle caratteristiche più importanti di questo modello, brevettate da Cooler Master, ovvero:


 

Hybrid Transformer

 

Trasformatore avanzato per aumentare la dissipazione termica e l’efficienza; integra un dissipatore passive e permette la riduzione dimensionale del 25% rispetto ai tradizionali modelli, il che implica un minore consumo energetico ed una migliore efficienza e temperatura.

 

HTT - Heat Transfer Technology

 

Dissipatore brevettato con un design ad “L”. Questa tecnologia aiuta a guidare il flusso d’aria verso il dissipatore e quindi migliorarne la circolazione interna, aumentando quindi le performance complessive.


 

Hyper Path

 

Design brevettato tra l’ IC ed I relative component. Questo porta ad una connessione avente una maggiore efficienza dal trasformatore alle altre componenti. Il segnale può essere trasferito senza perdite di potenza. 

 

Oltre a queste due interessanti tecnologie è presente un sistema binato comprendente un PFC attivo ed un controller PWM, il cui fine è aumentare anch’esso l’efficienza, portando il PFC a valori maggiori del 99%.

 

Ora procediamo all’analisi delle componenti interne dell’alimentatore:


 

 

Primario : comparti di filtrazione delle EMI ed RFI e switch primario

 

Cominciamo l’analisi dal sistema di sistema di filtraggio delle emissioni emettromagnetiche e radio, precisamente l’EMI/RFI Transient Filter; questo primo scompartimento non risulta affatto sottodimensionato: presenta infatti un elevato numero di componenti, tra cui due condensatori X, due condensatori Y ed ovviamente un varistore (MOV, Metal Oxide Varistor) ovvero sostanzialmente una resistenza, voltaggio-dipendente, che protegge l’alimentatore ed il sistema da picchi di voltaggio provenienti dalla rete elettrica esterna. Vi ricordiamo che se un alimentatore non è dotato di un MOV nell’EMI/RFI Transient Filter si dovrebbe sempre utilizzare il proprio sistema con un gruppo di continuità (o UPS), che agirà da filtro a protezione dei picchi di voltaggio; questi ultimi potrebbero danneggiare seriamente non solo l’alimentatore stesso ma anche l’intero sistema! Di solito questa componente viene rimossa per ragioni di costo di produzione, e progettazione. Potevamo aspettarci da Cooler Master una cosa del genere ? Ovviamente no, quindi viene confermata l’ottima qualità costruttiva di questo modello. Partendo da un analisi puramente visiva, notiamo quanto possa essere affollato il PCB, ma anche quanta cura sia stata riposta nel posizionamento delle componenti, non ultimo per importanza il numero e la tipologia dei dissipatori passivi in alluminio. L’organizzazione delle componenti ovviamente è ripetuta sul PCB principale, dove sono anche presenti due bobine. L’alimentatore quindi integra quello che viene definito ‘’ Double-Layer EMI Filter Dual protection’’ ovvero una protezione avanzata di questo scompartimento.


 

00068COOLERMASTER HYBRID 1050W 00072COOLERMASTER HYBRID 1050W 00075COOLERMASTER HYBRID 1050W 00080COOLERMASTER HYBRID 1050W 00081COOLERMASTER HYBRID 1050W 00082COOLERMASTER HYBRID 1050W

 

Oltre a questo è elevatissimo il numero di condensatori nel primario, ben tre della giapponese Chemi-Con con le seguenti specifiche: 420V, 330µF, 105°C. E’ davvero necessaria la presenza di un numero tanto elevato? Data l’assenza di una topologia LLC, certamente aiuta, anche se comunque sarà lecito aspettarsi un’ottima stabilità, ma forse non esemplare. Comunque sia, dinanzi a tutta questa concentrazione di componenti, non si è badato a spese ed infatti il primario è davvero affollato. Dopo il rectifier Bridge è presente l’heatsink dedicato, i MOSFETs della sezione APFC (il PFC attivo aumenta l’efficienza, è bene sottolinearlo) e gli switch del primario.


 

Trasformatore e secondario

 

L'alimentatore è di produzione OEM, il che significa che viene realizzato secondo le disposizioni di Cooler Master. All’interno del telaio, data la dissipazione attiva tramite la ventola dedicata, sono presenti dissipatori di alluminio molto grandi, dotati anche di sensori di controllo, comunemente chiamati termistori, per la regolazione della velocità di rotazione della ventola. Il cuore dell’alimentatore però è il suo trasformatore, che è proprietario CM in quanto appunto presenta un design ibrido. Che significa questo? Che viene accoppiato il trasformatore ad un dissipatore passivo, il che permette di diminuire le dimensioni complessive del trasformatore stesso ma anche di diminuire le temperature di esercizio, e dato quest’ultimo fattore, di aumentare anche l’efficienza dell’unità. Certamente un approccio del genere è da preferire, e fa piacere constatarne la presenza. Nel secondario è utilizzato un design sincrono, quindi non è presente per fortuna la regolazione di gruppo, caratteristica purtroppo di altre tipologie di alimentatori in commercio. I convertitori DC-DC permettono di aumentare l’efficienza dell’alimentatore, ed aiutano anche per quanto riguarda la stabilità dei voltaggi sotto carico.


00083COOLERMASTER HYBRID 1050W 00084COOLERMASTER HYBRID 1050W 00085COOLERMASTER HYBRID 1050W 00086COOLERMASTER HYBRID 1050W 00087COOLERMASTER HYBRID 1050W 00088COOLERMASTER HYBRID 1050W 00073COOLERMASTER HYBRID 1050W 00074COOLERMASTER HYBRID 1050W
 
 

 

Meccanismi di dissipazione, ventola e rumorosità

 

 

L’Hybrid 1050W è raffreddato da una ventola da 135mm 12V, 3W, 1700RPM, 36.28dBA, 91.16CFM dotata di un sistema di cuscinetti con tecnologia Hydraulic Bearing, che non utilizza le classiche sfere nei cuscinetti, bensì un fluido che azzera l'attrito ed è utile per lubrificare gli elementi rotativi. Oltre a questo, come abbiamo fatto presente in precedenza, siamo dinanzi ad una doppia modalità di funzionamento ovvero fanless fino a 200W ed invece con dissipazione attiva oltre questa soglia. Si è scelto di dotare l’alimentatore di una ventola con diametro maggiorato, proprio per ovviare e ridurre il problema della rumorosità complessiva, che appunto risulta addirittura assente entro il 20% del carico totale di questo modello. La soglia dei 200W è ideale per gestire in modalità fanless la quasi totalità dei sistemi attualmente presenti in commercio durante la fase di idle o di basso carico computazionale.


00076COOLERMASTER HYBRID 1050W 00069COOLERMASTER HYBRID 1050W 00070COOLERMASTER HYBRID 1050W 00071COOLERMASTER HYBRID 1050W
 
 

 


Silent Pro Hybrid 1050w, fan controller

 

E’ davvero singolare la presenza di un fan controller perché  già solo questo fattore ci fa capire quanta cura sia stata riposta in questo modello, soprattutto per quanto riguarda la gestione della rumorosità in esercizio. Il pannello permette la regolazione tachimetrica della ventola da 135mm dell’alimentatore e di tre ventole del sistema.


00035COOLERMASTER HYBRID 1050W 00036COOLERMASTER HYBRID 1050W 00037COOLERMASTER HYBRID 1050W 00038COOLERMASTER HYBRID 1050W 00039COOLERMASTER HYBRID 1050W 00040COOLERMASTER HYBRID 1050W

 Il Fun controller, presenta la stessa linea e colorazione del PSU e potrà essere installato in un vano da 5.25 pollici. L'unità ingloba nel frontale due manopole che serviranno per controllare la velocità delle suddette ventole di raffreddamento ed un selettore posto centralmente permetterà di scegliere se controllarle automaticamente o manualmente; sono presenti inoltre due led che indicano la rispettiva modalità operativa (automatica o manuale):

 

  • Modalità Fanless: la ventola da 135mm genera 0dB, per via dello spegnimento, quando il carico è inferior a 200W, oppure 25 gradi celsius.

  • Modalità Manuale: la velocità di rotazione dell’alimentatore può essere regolata manualmente da 3V a 12V.


00041COOLERMASTER HYBRID 1050W 00042COOLERMASTER HYBRID 1050W 00043COOLERMASTER HYBRID 1050W 00044COOLERMASTER HYBRID 1050W

00045COOLERMASTER HYBRID 1050W

 

Nel retro del Fun Bus troviamo l'ingresso per il connettore di alimentazione a 5 Pin ed il pannello di connessione per tre ventole a 3Pin con tensione di funzionamento di 3V-12V. Particolare attenzione va alla linea da 7V e 12.6W di potenza continua dedicata alla ventole, il pannello infatti include due ingressi a 3 pin per le ventole, le stesse saranno gestite autonomamente dell'unità di alimentazione.


 

00046COOLERMASTER HYBRID 1050W 00047COOLERMASTER HYBRID 1050W
 
 

 


Sistema e metodologia di test

Abbiamo deciso di testare l’alimentatore installandolo in un nostro sistema di test per verificare il comportamento in un caso reale, quindi soffermandoci su diverse situazioni ipotetiche che troverete nel vostro sistema. Stiamo realizzando una procedura di test rigorosa, tramite un simulatore di carico dedicato, purtroppo al momento ancora tale sistema di test non è ancora ultimato, quindi dobbiamo fare necessariamente una simulazione di carico tramite un Personal Computer, analizzando varie situazioni che ci permetteranno di verificare il consumo, l’efficienza, il PFC e la stabilità dei voltaggi. Verranno anche fatti una serie di test per quanto concerne i bassi livelli di carico, al fine di verificarne l’efficienza; questo è particolarmente importante quando il PC è in IDLE con i sistemi di risparmio energetico attivati. Come software di test è stato utilizzato prime95, per mandare sotto carico la CPU e Furmark invece per quanto riguarda la GPU. Le misurazioni in Volt sono state effettuate tramite l’analisi diretta grazie ad un multimetro professionale.  Sono stati rilevati i valori della tensione sulle varie linee verificandone la stabilità. La temperatura ambientale è stata di circa 24 gradi centigradi.

 

Di seguito le specifiche della nostra piattaforma.


 sistema

 
 

Abbiamo scelto di utilizzare come CPU un Core i7 920 revisione D0 in quanto permette di stressare in modo adeguato l’alimentatore, grazie al suo TDP di circa 130W a default. Come strumentazione abbiamo utilizzato un multimetro per l’analisi dei voltaggi sulle tre rail e di un misuratore di potenza per determinare il carico assorbito alla presa ed il fattore di potenza. Sono stati utilizzati diversi settaggi, alle seguenti frequenze di lavoro:


 

parametri
 

 

 

Tutti i valori restano entro specifica ATX, con oscillazioni di tensione praticamente nulle sia sulle linee 12V che 3,3V. Per quanto riguarda la rumorosità della ventola l’alimentatore si è mantenuto molto silenzioso anche sotto stress.


 


 

Risultati del test e rumorosità

 

In questo capitolo prenderemo in esame alcuni dei fattori fondamentali per un alimentatore, l’efficienza e la stabilità sul canale dei 12V, quindi tutto ciò che riguarda la stabilità delle tensioni per la scheda madre, la CPU ed infine la scheda grafica. Al fine di darvi un giudizio complessivo migliore, anche riguardo l’efficienza dell’unità, vi riportiamo il test effettuato dall’azienda Plug Load Solutions, test che ne ha permesso la certificazione 80 plus presso l’organizzazione 80plus.org, ente che certifica tutti gli alimentatori immessi nel mercato.


 

80plus

http://www.plugloadsolutions.com/psu_reports/COOLER%20MASTER_RS-A50-ACBA-D3_ECOS%202679_1050W_Report.pdf

 

I valori di efficienza riportati nella seguente tabella sono stati ottenuti per interpolazione dai risultati del test 80 Plus e sono pertanto a titolo indicativo. Tutti gli altri valori sono stati rigorosamente misurati in fase di test.

 

Riportiamo qui il risultato dello stress test:


regolazione
 

Indubbiamente siamo di fronte ad un modello molto valido, soprattutto per quanto riguarda la silenziosità in esercizio. La temperatura è buona quindi non ci saranno problemi con sessioni prolungate di lavoro; per quanto riguarda la stabilità dei voltaggi purtroppo abbiamo avuto modo di analizzare solo fino all’85% del carico complessivo, quindi ne risulta un’immagine parziale.





Conclusioni

 argento


Prestazioni 4,5 stelle - copia 2 Efficienza in generale elevata, ma ancora migliorabile rispetto ad alcune proposte di altre aziende. Buona la regolazione dei voltaggi
Prezzo 4 stelle Parametrato alle prestazioni, forse leggermente più alto rispetto alla concorrenza. E’ giustificato per la presenza del fan controller, che però potrebbe non interessare a tutti
Design 4,5 stelle - copia 2 Esteticamente accattivante e con features originali
Layout Interno 4 stelle - copia Ottimo, con qualche leggerissima incertezza, migliorabile nel sencodario
Bundle 4 stelle C’è tutto quello che serve, oltre ovviamente al fan controller
Ventola 4,5 stelle - copia 2 Ottima gestione, non ci sarà over-heating, forse leggermente rumorosa a pieno regime
Complessivo 4,5 stelle - copia 2




Troppo spesso si tende a sottovalutare l’importanza delle soluzioni di alimentazione nel proprio cabinet, e non c’è cosa peggiore perché invece l’alimentatore dovrebbe essere una delle priorità, prima della messa a punto di un sistema potente, silenzioso ed affidabile. Cooler Master, tramite la serie Hybrid, ha immesso in commercio una nuova linea di prodotti dalle indubbie qualità perché tirando le somme, siamo assolutamente soddisfatti. Essendo un alimentatore di fascia molto elevata, è necessario che presenti un design moderno al suo interno, e quindi che permetta di ottenere livelli molto elevati di efficienza energetica, assieme ad una elevata silenziosità in esercizio ma anche un design completamente modulare. Bene, in questo caso quasi tutti questi elementi sono presenti, ma si è anche cercato di implementare nuove soluzioni che vanno al di là di quello che dovrebbe essere un semplice SMPS. La presenza di una linea dedicata alla rail da 7V, unita alla presenza del fan controller proprietario è la dimostrazione della ricerca, da parte di Cooler Master, di andare oltre e fornire all’utente finale nuove caratteristiche tecniche di assoluto rilievo, che gli agevoleranno notevolmente il compito all’atto del primo set-up. Nel complesso l’alimentatore è molto valido ed eccetto qualche piccolo dettaglio,  non c’è nulla da segnalare ; l’unica perplessità è derivante dall’utilizzo di una ventola rumorosa ad elevati giri di rotazione, ma d’altronde dinanzi al wattaggio molto elevato è perfettamente comprensibile, ed anche necessario implementarla. Data la presenza del controller ciò non costituisce un problema in quanto è l’utente finale che ne sceglierà la regolazione, a suo piacimento. Sono presenti moltissimi cavi ma soprattutto sono molto lunghi, aspetto che sarà determinate in molte situazioni, e che permetterà un cablaggio addirittura migliore rispetto a modelli della concorrenza. Il prezzo, in media 230 euro iva compresa, risulta essere in linea con quanto offerto, anche se forse un leggerissimo ritocco gioverebbe, data la relativa vicinanza con modelli aventi valori di efficienza ancora più elevati, ma dallo stesso wattaggio. Potete starne certi, non ne rimarrete affatto delusi.


 

PRO

  • completamente modulare
  • buona efficienza
  • fanless fino a 200W
  • qualità costruttiva elevata
  • componenti di prim’ordine
  • 5 anni di garanzia

 

CONTRO

  • ventola rumorosa al massimo dei giri di rotazione, ma con possibilità di controllarla
  • prezzo un pò elevato


 

 
Si ringrazia Cooler Master per il prodotto fornitoci in test.
Trinca Matteo
Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.