• Varie
  • Posted
  • Hits: 517

Intel montevina..i portatili intel del 2008

Maggiori dettagli riguardanti il dopo 'Santa Rosa', la piattaforma Intel per portatili di imminente presentazione. Sotto il nome in codice di 'Montevina' infatti si cela la quinta incarnazione della piattaforma Centrino Ecco alcuni dati aggiuntivi riguardanti la piattaforma Montevina, ovvero la quinta versione della piattaforma Centrino che raccoglierà l'eredità di Santa Rosa, quest'ultima disponibile con buona probabilità fra qualche settimana. Diverse le novità promesse, fra cui ricordiamo l'adozione di soluzioni Penryn, costruite con tecnologia produttiva a 45 nanometri e di fatto die-shrink di processori Core 2.

In aggiunta a quanto già esposto, sembra che vi saranno due versioni di Montevina, le cui caratteristiche sono riassunte nel seguente elenco:

Montevina Professional:

Penryn-based
Cantiga GM/PM chipsets with ICH9M-Enhanced
Echo Peak 3x3 AGN or 1x2 AGN
Shirley Peak 3x3 AGN or 1x2 AGN
Gigabit Ethernet
Intel AMT 4.0
Intel VT-x and VT-d
Intel Turbo Memory 2.0

Montevina Fundamental:

Penryn-based
Cantiga GM and PM chipsets with ICH9M
Echo Peak 3x3 AGN or 1x2 AGN
Shirley Peak 3x3 AGN or 1x2 AGN

Appaiono subito evidenti le differenze fra le due piattaforme, già a partire dal nome. E' infatti la Professional ad essere quella più completa, integrando un South Bridge ICH9M con più funzionalità (anche se mancano dettagli in merito), le tecnologie per la virtualizzazione (Intel VT-x and VT-d ) e Turbo Memory 2.0.

Turbo Memory è il nome ufficiale dato al modulo Robson, che sarà presente anche in Santa Rosa. Tale modulo è costituito di fatto da chip di memoria NAND Flash, utilizzata dal sistema Microsoft Windows Vista per memorizzarvi i dati utilizzati più di frequente al fine di risparmiare tempo in fase di boot e energia nell'utilizzo comune del portatile. Identiche mansioni di cui si farà carico il quantitativo di memoria presente nei dischi ibridi, con i quali Intel si pone indirettamente in concorrenza.

Intel ritiene infatti preferibile integrare la memoria direttamente sulla scheda madre, in modo da utilizzare un disco tradizionale, meno costoso. Un vantaggio per chi sviluppa PC, sempre secondo Intel, contando anche la natura aggiornabile di Intel Turbo Memory, collegata alla scheda madre con slot simili a quelli delle memorie. Maggiore inoltre il quantitativo di memoria base Intel Turbo Memory, che andrebbe da 512 MB a 1 GB, contro 128 MB e 256MB offerti dai dischi rigidi ibridi. Mancano tuttavia conferme ufficiali da Intel, motivo per il quale invitiamo a prendere la notizia con la dovuta cautela.

Ad accomunare le piattaforme Montevina, attese nel 2008, troviamo il sottosistema dedicato al networking, un vero punto chiave per un sistema portatile. Sotto i nomi di Echo Peak e Shirley Peak si celano i chip che garantiscono la compatibilità con segnali Wi-Fi/WiMAX, Wi-Fi (802.11n) ed anche HSDPA, anche se non risulta chiaro se saranno disponibili tutti contemporaneamente per tutte le versioni o scalati a seconda delle esigenze e delle versioni del chipset.

 Fonte: Hwupgrade.it

SSL
XtremeShack