Mercoledì, Mag 2021
Ciao Mondo 3!
"/news/software/week-34-le-notizie-della-settimana-dal-mondo-linux-2020082313448/" />/news/software/week-34-le-notizie-della-settimana-dal-mondo-linux-2020082313448/

Week 34 - Le notizie della settimana dal mondo Linux

 CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v80), quality = 82

Un'altra settimana sotto l'ombrellone, anche per Linux

Mentre Linus Torvalds e Intel continuano a punzecchiarsi sulla questione AVX-512 e Paragon viene bacchettata dagli sviluppatori del Kernel per una Patch da 27000 righe di codice diamo il benvenuto a due nuove release: MX Linux 19.2 KDE Edition e Ufficio Zero Tropea 3.0 (Alpha)

[email protected]~# La risposta di Intel a Linus Torvalds: le AVX-512 sono preziose 

 intel logo linux 6253f

Giusto qualche settimana fa Linus Torvalds, ideatore e principale sviluppatore del Kernel Linux, si era augurato che il set di istruzioni AVX-512 ideato da Intel per i suoi processori potesse sparire rapidamente dalla faccia della Terra "con atroci sofferenze". I toni provocatori, a cui per altro il papà di Linux ci ha ormai abituati da tempo, non potevano che suscitare una qualche reazione da parte di Intel che è puntualmente arrivata per bocca di Raja Koduri, il quale, con molta più diplomazia, ha dichiarato:

"AVX-512 è una grande caratteristica. Gli utenti che si occupano di High Performance Computing (HPC) e di intelligenza artificiale la adorano. I nostri clienti lato data center la apprezzano in modo davvero particolare".

Aggiungendo, in risposta ad una delle principali preoccupazioni espresse da Torvalds, cioè la diminuzione della velocità di Clock che un processo è costretto ad effettuare per accedere al set di istruzioni AVX-512:

"Comprendiamo le preoccupazioni di Linus e comprendiamo che alcuni dei problemi dell'AVX-512 di prima generazione hanno avuto un impatto sulle frequenze ma stiamo migliorando di molto il set di istruzioni a ogni generazione".

Va specificato che questo particolare set di istruzioni non è supportato da tutti i processori e viene utilizzato principalmente in ambito business, nelle simulazioni scientifiche, nell'analisi finanziaria, nelle applicazioni legate all'intelligenza artificiale, nella modellazione 3D e nella compressione di file. Insomma, per noi comuni mortali probabilmente questo non è che un falso problema ma rimaniamo comunque curiosi di vedere se il colosso di Santa Monica riuscirà a convincere lo scatenato Torvalds a rivalutare le sue considerazioni.

[email protected]~# Patch di Paragon su NTFS bocciata dai manutentori del Kernel Linux

 paragon ntfs 89077

La notizia, riportata da The Register, è di quelle che fanno sorridere da una parte e lasciano esterrefatti dall'altra. A quanto pare i manutentori del Kernel Linux si sarebbero visti recapitare una Patch contenente un driver per il supporto ad NTFS sviluppato dall'azienda Paragon comprendente ben ventisettemila righe di codice. La stessa Paragon si sarebbe premurata di informare i destinatari che viste le dimensioni sarebbe stato impossibile includere la Patch nel corpo di una email e che quindi avrebbero dovuto scaricarla dal collegamento allegato al messaggio.

La risposta sarebbe venuta spontanea a chiunque ma in questo caso è arrivata schietta e diretta senza tanti fronzoli:

"Quindi come esattamente vi aspettate che qualcuno possa fare la review di questa mostruosità?"

Una reazione forte ma comprensibile visto che, come risaputo in ogni ambiente di sviluppo, tante piccole Patch sono certamente preferibili ad una gigantesca e praticamente impossibile da analizzare e sottoporre a tutti i controlli necessari all'inserimento nel Kernel. Seppur una Patch di questo tipo, anche se forse fuori tempo massimo, sarebbe indubbiamente necessaria per la gestione spigolosa dei file system NTFS, una leggerezza del genere da parte di una società come Paragon non può che lasciare perplessi.

Staremo a vedere se in un modo o nell'altro il progetto, che ha comunque del potenziale, potrà andare in porto, sperando che Paragon abbia finalmente capito che le grandi dimensioni non sempre sono sinonimo di qualità, quantomeno nel Kernel Linux. 

[email protected]~# MX Linux 19.2 KDE Edition disponibile per il download

 mxlinux kde 4c4be

Qualche tempo fa vi avevamo parlato, all'interno della nostra rubrica "One Week, one Distro", di questa Distribuzione che in breve tempo è riuscita a scalare la classifica Hits per Day del popolare sito Distrowatch raggiungendo la prima posizione.

MX Linux 19.2 Patito Feo era riuscita davvero ad impressionarci per le sue prestazioni e per l'alto livello di personalizzazione disponibile seppur Xfce non riuscisse ad offrire un'esperienza Desktop al passo con Distribuzioni, magari un po' meno performanti, ma sicuramente più blasonate. Probabilmente proprio la necessità di accaparrarsi anche quella fetta di utenti un po' più esigenti in merito all'aspetto estetico deve aver convinto gli Sviluppatori a cercare una soluzione che fosse accattivante ma al tempo stesso sufficientemente fluida: ovviamente stiamo parlando di KDE Plasma, secondo noi la scelta perfetta.

Al momento questa versione non è esente da alcuni bug ma gli strumenti tipici di MX ci sono tutti e con l'aggiunta della versione aggiornata di alcuni software il progetto sembra procedere in maniera spedita.

MX Linux 19.2 KDE Edition è disponibile sul sito ufficiale della Distribuzione e se anche voi siete impazienti come noi di vedere come si comporta non vi resta che procedere al download.

[email protected]~# Ufficio Zero: Rilasciata la versione Alpha di Tropea 3.0 basata su Linux Mint 20 

 Schermata da 2020 08 23 11 17 50 eed76

Come ci raccontava Julian Del Vecchio in una recente intervista, il piccolissimo Team di Sviluppo di Ufficio Zero, sta dimostrando una tenacia e una determinazione incredibile, continuando a lavorare sodo per implementare sempre nuove versioni a supporto del loro ambizioso progetto che sembra essere davvero molto interessante sia per l'aspetto etico che per quello commerciale. 

Proprio in questi giorni è stata annunciato il rilascio di Ufficio Zero Tropea 3.0 in versione Alpha a 64 bit basata su Linux Mint 20 con Mate DE.

Ecco le principali novità:

  • ISO minimale contenente solo Software Open Source e driver di terze parti
  • Installer Calamares
  • In seguito all'installazione è possibile utilizzare il post-installer per installare ulteriori applicazioni suddivise per categorie: sviluppo, multimedia, ufficio, tecnica (applicativi cad etc.), scuola, etc
  • è presente l'icona web di Jitsi Meet (alternativa Open Source a Zoom)
  • nella home di ogni utente è presente la cartella Utilities dove compaiono lo script di installazione di Aruba Sign (software di firma digitale) e DWService con il file per le connessioni al supporto remoto (per i soli clienti che hanno un contratto con l'azienda SIITE SRLS)
  • abbiamo preinstallato LBRY per la visualizzazione di contenuti multimediali

Noi non vediamo l'ora di testare anche questa nuova versione di una Distribuzione che, nonostante la giovanissima età, era già riuscita a convincerci nella nostra recensione di alcuni mesi fa.

Nel frattempo non possiamo che rinnovare i nostri complimenti al Team di Sviluppo che nonostante le difficoltà di questo periodo si sta dando davvero da fare per sviluppare un progetto, cento per cento italiano, che sembra avere davvero grandi potenzialità.

[email protected]~# shutdown -h now

Pubblicità


Corsair

Follow us on Instagram

Segui il nostro profilo Instagram

Articoli Correlati - Sponsored Ads