• Software
  • Posted
  • Hits: 775

Add-on piratato di Wordpress trasforma siti in dispenser di malware

Tra gli strumenti utilizzati nella creazione di siti web, Wordpress è sicuramente uno dei CMS (content management system) più noti e impiegati. Le numerose estensioni disponibili permettono di creare pagine web facilmente pur non disponendo di buone capacità di programmazione. È comunque importante prestare attenzione nello scegliere i plugin.

GDATA Wordpress Malware

L'idea di creare il proprio sito internet è associata ad un'ingente quantità di lavoro manuale. La strumentazione moderna lo rende invece un gioco da ragazzi –innumerevoli i layout già "pronti all'uso” nei quali bisogna solo aggiungere testo e immagini. Molte estensioni per Wordpress sono gratuite, mentre altre sono a pagamento. Un webmaster attento ai costi cerca di evitare al massimo questo genere di spese. Nel caso evidenziato in questo report, i criminali mirano a colpire i numerosi utenti Wordpress che desiderano avvalersi di template gratuiti, ecco come.

Trappola gratuita?

Alcune tipologie di temi a pagamento sono molto più utilizzate di altre e non stupisce che sul web se ne possano trovare anche di piratate. Parte di queste copie contraffatte vengono fornite con "add-on” nascosti che possono creare non pochi problemi al webmaster poiché in grado di trasformare le pagine web in distributori di malware, ovviamente del tutto all'oscuro dell'amministratore del sito.

Ottimizzazione dei motori di ricerca aka SEO

Chiunque sia in possesso di un sito web desidera essere il primo sui motori di ricerca. I risultati presentati su Google si basano su diversi criteri, uno dei quali, oltre all'impiego delle giuste keyword, è la frequenza con cui la pagina valutata viene menzionata da altre pagine. Alcune società assumono uno o più dipendenti con il compito di applicare la miglior strategia per far apparire il sito il più in alto possibile nei risultati delle ricerche. Questa attività è chiamata ottimizzazione dei motori di ricerca (Search Engine Optimization - SEO). Strategie adottate anche dai cybercriminali, esistono infatti alcuni template Wordpress contraffatti che integrano tecniche SEO per incrementare la distribuzione di codice malevolo, come l'ultima evoluzione della backdoor Wp-Vcd, che una volta installata su Wordpress crea automaticamente un account amministratore nascosto che consente all'hacker di accedere alla piattaforma quando più gli aggrada e, per esempio, postare malware sul sito compromesso a propria discrezione.

In primo acchito la backdoor è stata riscontrata scaricando il tema ExProduct v1.0.7 dal sito "hxxp://downloadfreethemes.download” che ospita numerosissimi template Wordpress (al momento dell'analisi 32.200) piratati. Ulteriori analisi hanno rivelato quanto l'autore fosse proattivo nel posizionare al meglio il template sui motori di ricerca e quanto l'algoritmo di Google sia passibile di raggiro.

Ulteriori informazioni sull'analisi

Ulteriori informazioni e dettagli tecnici su diffusione e funzionamento della backdoor sono contenute nel whitepaper reperibile in lingua inglese al link file.gdatasoftware.com/web/en/documents/whitepaper/G_Data_Whitepaper_Analysis_Wp_vcd.pdf

Uomo avvisato mezzo salvato

Fino a quando le persone riporranno cieca fiducia in qualunque sito web venga loro proposto, saranno potenziali vittime e ciò non cambierà in tempi brevi. Agli occhi di moltissime persone i servizi di ricerca e di posta elettronica che Google eroga da anni sono estremamente affidabili. I criminali lo sanno bene e sfruttano la situazione, riuscendo a posizionare ottimamente persino applicazioni quali "paypal generator v1.0” o "Facebook hacker v2.3 updated” nei risultati dei motori di ricerca. Il team GDATA raccomanda di prestare attenzione ai contenuti per evitare di cadere nel mirino dei criminali online.