Venerdì, Lug 2020

SuperComputer powered by AMD Epyc si classificano nella TOP500

AMD epyc f91ed

AMD ha annunciato oggi numerose nuove vittorie per i processori AMD EPYC. Si confermano infatti come settimo supercomputer più veloce al mondo, inoltre quattro dei 50 sistemi ad alte prestazioni nella lista biennale TOP500 sono ora alimentati da AMD. Nella ricerca scientifica e sanitaria avanzata continua a crescere la presenza dei processori AMD EPYC™,  con le nuove installazioni presso l'Indiana University, la Purdue University e il CERN, nonché le istanze cloud HPC (High Performance Computing) di Amazon Web Services, Google e Oracle Cloud.

"Le principali istituzioni HPC stanno sfruttando sempre più la potenza dei processori EPDC AMD di seconda generazione per consentire una ricerca all'avanguardia che affronti le maggiori sfide del mondo", ha affermato Forrest Norrod, vicepresidente senior e direttore generale, data center e gruppo di sistemi integrati, AMD. "Le nostre CPU AMD EPYC, gli acceleratori Radeon Instinct e l'ambiente open di programmazione software stanno contribuendo a far avanzare il settore verso il calcolo di classe exascale e siamo orgogliosi di rafforzare l'ecosistema HPC globale attraverso il nostro supporto dei migliori cluster di supercalcolo e ambienti di cloud computing."

Dal potenziamento dei supercomputer exascale più veloci del mondo, come Frontier ed El Capitan, al supporto dei carichi di lavoro nel cloud e alla promozione di nuovi progressi nella ricerca sanitaria, l'elevato numero di core e l'ampia larghezza di banda di memoria dei processori AMD EPYC stanno aiutando a soddisfare la crescente domanda dei fornitori HPC per migliorare prestazioni, scalabilità, efficienza e costo totale di proprietà.

AMD continua a espandere la quota dei supercomputer TOP500

Quattro supercomputer AMD EPYC sono ora tra i 50 sistemi più performanti al mondo e ora ci sono dieci supercomputer AMD EPYC nella TOP500:

  • Selene (No.7) un sistema basato su AMD EPYC 7742 in una piattaforma SuperXP DGX A100 di Nvidia,
  • Belenos (n. 30), uno dei due supercomputer BullSequana XH2000 a Météo-France, il servizio meteorologico nazionale francese alimentato da processori EPDC AMD di seconda generazione,
  • Joliot-Curie (n. 34), è salito in cima alla lista sulla base di una nuova presentazione per il sistema BullSequana XH2000 che utilizza processori AMD EPYC ™ di seconda generazione presso GENCI, l'organizzazione informatica nazionale francese ad alte prestazioni,
  • Mahti (n. 48), un processore EPYC AMD di seconda generazione alimentato dal supercomputer BullSequana XH2000 presso il Centro finlandese per l'informatica scientifica,

"Atos è orgoglioso di fornire ai propri clienti una tecnologia all'avanguardia, integrando i processori EPDC AMD di seconda generazione non appena rilasciati e dimostrando maggiori prestazioni sulle applicazioni HPC negli ambienti di produzione", ha affermato Agnès Boudot, vice presidente senior del gruppo, capo di HPC e Quantum ad Atos.

I sistemi di supercomputer basati su AMD guidano la ricerca del futuro

Due università hanno annunciato nuovi sistemi di supercalcolo per la ricerca alimentati da processori AMD EPYC nei server Dell EMC PowerEdge.

L'Università dell'Indiana implementerà Jetstream 2, un sistema di cloud computing distribuito a otto Petaflop alimentato dai futuri processori EPDC AMD di terza generazione. Questo sistema sarà utilizzato dai ricercatori in una varietà di settori come l'IA, le scienze sociali e la ricerca COVID-19. I processori AMD EPYC già alimentano Big Red 200 nel campus della Indiana University.

"Jetstream 2 raggruppa computazione, software e accesso allo spazio di archiviazione per individui e team di ricercatori in una vasta gamma di aree di ricerca", ha affermato David Hancock, direttore delle tecnologie di ricerca, affiliato al Pervasive Technology Institute presso l'Università dell'Indiana. "Con il processore AMD EPYC di prossima generazione, Jetstream 2 fornirà 8 petaflop di potenza di cloud computing, offrendo un maggiore accesso alle tecnologie di fascia alta per consentire l'apprendimento profondo e le tecniche di intelligenza artificiale."

Purdue University implementerà Anvil, un supercomputer alimentato da processori EPDC AMD di prossima generazione, che fornirà funzionalità di elaborazione avanzate per supportare un'ampia gamma di ricerche computazionali e ad alta intensità di dati. AMD EPYC alimenterà anche l'ultimo cluster della comunità di Purdue "Bell", che dovrebbe essere distribuito all'inizio di questo autunno.

Inoltre, il CERN, il più grande laboratorio di fisica delle particelle al mondo, ha recentemente selezionato processori EPDC AMD di seconda generazione nei server Gigabyte per sfruttare le enormi quantità di dati del loro ultimo esperimento Large Hadron Collider (LHC) per rilevare rapidamente particelle subatomiche note come quark di bellezza. Un nuovo caso di studio illustra in dettaglio come combinare la maggiore larghezza di banda di PCIe® 4.0, la velocità di memoria DDR4 e il processore AMD EPYC ™ 7742 a 64 core consente ai ricercatori di raccogliere flussi di dati grezzi generati da 40 terabyte di dati di collisione che si verificano ogni secondo nell'LHC.

Elaborazione ad alte prestazioni nel cloud con AMD EPYC

Mentre il settore HPC si evolve per supportare le nuove richieste di carico di lavoro, i fornitori di servizi cloud continuano a adottare processori EPDC AMD di seconda generazione per fornire prestazioni di leadership e soluzioni flessibili. Con le recenti conquiste del cloud tra partner tecnologici come Amazon Web Services, Google Cloud e Oracle Cloud, AMD sta aiutando i leader del settore a spingere i confini nella nuova era!

AMD e Microsoft Azure hanno continuato a basare la loro partnership cloud con le VM della serie HBv2 recentemente annunciate per carichi di lavoro di elaborazione ad alte prestazioni. I processori EPDC AMD di seconda generazione offrono ai clienti di Microsoft Azure un notevole ridimensionamento dei core, l’accesso a un'ampiezza di banda di memoria elevata e sono i primi processori server x86 che supportano PCIe® 4.0, consentendo alcune delle migliori esperienze di elaborazione ad alte prestazioni del settore. Insieme, AMD e Microsoft Azure supporteranno i carichi di lavoro HPC del mondo reale, come CFD, simulazioni a elementi finiti, elaborazione sismica, reservoir modeling, rendering e simulazione meteorologica.

AMD aggiorna ROCm ™ per supporto software eterogeneo

Il supporto della comunità continua a crescere per AMD Radeon Open eCosystem (ROCm ™), la base open source di AMD per il calcolo eterogeneo. Le principali pietre miliari dello sviluppo nell'ultimo aggiornamento includono:

  • Il compilatore HIP-Clang è ora sottoposto a streaming e rivisto dalla community LLVM ™, offrendo una migliore esperienza open source allo sviluppatore,
  • Una nuova API di avvio / arresto di rocprofiler per abilitare / disabilitare i callback di invio HSA del kernel GPU, aumentando la produttività degli sviluppatori e accorciando i tempi di esecuzione della profilazione,
  • Compatibilità AMD RCCL con NVIDIA Communications Collective Library (NCCL) v2.6.4m,
  • MIOpen fornisce un pacchetto kernel pre-compilato opzionale per ridurre la latenza di avvio,
  • È stata introdotta una nuova API di affinità della CPU per aiutare le applicazioni a selezionare il nodo di memoria appropriato per un determinato acceleratore (GPU) e una determinata CPU,
  • La nuova libreria Radeon Performance Primitives è una libreria completa di computer vision ad alte prestazioni per AMD (CPU e GPU) con back-end HIP e OpenCL.

 

Commenta sul forum

Corsair

Follow us on Instagram

Segui il nostro profilo Instagram