SWPA 2011: annunciati L’Iris d'Or e gli altri vincitori

SWPA-2011


Il fotografo argentino Alejandro Chaskielberg si aggiudica l'ambito Iris D’Or e il titolo di fotografo dell'anno all'edizione 2011 dei Sony World Photography Awards
Chan Kwok Hung è il vincitore assoluto della categoria Open
Assegnati anche i premi delle categorie riservate ai professionisti e del concorso Student Focus
Bruce Davidson riceve il riconoscimento "Outstanding Contribution to Photography"


Ieri sera, 27 aprile 2011, il fotografo argentino Alejandro Chaskielberg è stato proclamato "Sony World Photography Awards Photographer of the Year" 2011, ottenendo il prestigioso riconoscimento L'Iris d'Or. Per l'edizione 2011 dell'evento sono state selezionate oltre 105.000 immagini, inviate da 162 Paesi. Chaskielberg è stato insignito del premio durante la cerimonia di gala dei Sony World Photography Awards, tenutasi per la prima volta presso l'Odeon Leicester Square di Londra e fino all'anno scorso organizzata nell'elegante cornice del Palais des Festivals di Cannes.

Nato a Buenos Aires 34 anni fa, Chaskielberg inizia la sua carriera all'età di 18 anni come fotoreporter per un giornale locale e, nel giro di 16 anni, si afferma come fotografo di grande talento. Gli scatti che gli hanno regalato la vittoria offrono uno spaccato tanto raro quanto intenso della vita di una comunità di isolani insediatasi sul delta del fiume Paranà. Deciso a dedicarsi interamente al progetto "High Tide", Chaskielberg ha vissuto insieme alla popolazione per due anni, immergendosi nella quotidianità degli abitanti per documentare lavoro e stile di vita. A proposito dei suoi sensazionali ritratti notturni, Chaskielberg ha commentato: "Attraverso la fotografia, sono riuscito a presentare da un altro punto di vista il delta del fiume Paranà e la comunità che lo popola, geograficamente ignorati per anni".

Chaskielberg è stato scelto come vincitore dell'Iris D'Or da una giuria di 12 esperti e, oltre a conquistare un premio in denaro pari a 25.000 dollari e una reflex digitale Sony con relativa attrezzatura, è diventato membro della World Photographic Academy, andando ad affiancare i precedenti vincitori del titolo L’Iris D’Or: David Zimmerman, Vanessa Winship e Tommaso Ausili. Durante la cerimonia di premiazione all'Odeon Leicester Square, Francis Hodgson, Presidente della Giuria Onoraria 2011, ha spiegato: "Giudicare non è mai un compito facile quando si è chiamati a confrontare così tanti tipi di immagini ispirate a soggetti così vari. Eppure, quest'anno la giuria non ha esitato quando si è trattato di riconoscere il superbo risultato ottenuto da Alejandro Chaskielberg con la serie "High Tide". Questi scatti magistralmente diretti riescono a descrivere realtà concrete - duro lavoro, solidarietà reciproca, sopravvivenza sulla base di un'economia marginale - in modo squisitamente allusivo."

Il titolo di "Sony World Photography Awards Open Photographer of the Year" è andato invece a Chan Kwok Hung per "Buffalo Race", uno scatto di grandissimo effetto. La sera della cerimonia di gala, il trentasettenne gioielliere di Hong Kong ha ritirato un premio in denaro di 5.000 di dollari e una reflex digitale Sony con relativa attrezzatura. Chan ha acquistato la sua prima reflex nel 2006 e, attraverso i libri e internet, ha imparato le basi della fotografia da autodidatta. La sua passione per i luoghi intrisi di un fascino primitivo lo ha spinto ad avventurarsi in uno speciale viaggio in Indonesia, dove contava di trovare ispirazione per la sua spettacolare immagine assistendo alla tradizionale corsa dei bufali. Dopo una falsa partenza e ore di attesa, la pazienza di Chan è stata ripagata e quella che lui stesso descrive come un'avventura indimenticabile è culminata nello scatto della fotografia vincitrice.

Gli altri annunci della serata includono i vincitori delle categorie riservate ai professionisti, che vanno dall'Attualità al Commerciale, dai Viaggi ai Ritratti e alle Belle Arti. Fra i nominativi, spiccano lo spagnolo Javier Arcenillas che, dopo essere giunto in finale in quattro categorie, ha trionfato con le immagini dedicate ad Attualità e Vita contemporanea, e il britannico Adam Hinton, vincitore della categoria Campagne commerciali, che ha avviato la sua carriera di fotografo all'età di 12 anni, quando il padre gli ha regalato la prima reflex della sua vita.

Astrid Merget, Creative Director, ha commentato: "Le spettacolari immagini di Alejandro, il nostro vincitore, testimoniano gli standard incredibilmente elevati raggiunti in questa edizione. Siamo rimasti molto impressionati dalla qualità delle proposte pervenute per tutte le categorie, e in particolare da quelle per la sezione Open. Anche il concorso Student Focus continua a crescere anno dopo anno ed è molto stimolante lavorare con la prossima generazione di fotografi”.

Tatsuya Akashi, Vicepresidente di Digital Imaging per Sony Europe, ha affermato: "I candidati di quest'anno ci hanno stupiti e conquistati ancora una volta con l'assoluta diversità e l'elevato calibro delle foto inviate da ogni parte del mondo. Facciamo le nostre congratulazioni a tutti i vincitori per i loro favolosi traguardi".

Winners’ Showcase è la mostra di punta, nonché una delle varie mostre fotografiche proposte nell'ambito del World Photography Festival, organizzato presso la Somerset House di Londra dal 26 aprile al 22 maggio. Caratterizzata da una vasta collezione di perle della fotografia contemporanea internazionale, che spaziano nei generi più disparati (documentario, sport, ritratti, paesaggi, moda e molto altro), la mostra Showcase racconta la realtà del 2010/2011 da un punto di vista unico: l'obiettivo dei fotografi vincitori dell'ultima edizione dei Sony World Photography Awards.

Premio Outstanding Contribution

Un altro momento saliente della cerimonia di gala di questa sera è stata la consegna del riconoscimento "Outstanding Contribution to Photography" al rivoluzionario fotografo Bruce Davidson. Con una carriera iniziata oltre mezzo secolo fa, Davidson, 77 anni, è tra i più illustri fotografi d’America. Nell'ambito del World Photography Festival, è stata allestita una mostra delle sue opere alla Somerset House. Tra le fotografie esposte, selezionate da Bruce Davidson insieme a Simon Baker, curatore della galleria Tate per la fotografia e l'arte internazionale, si potranno ammirare alcuni dei famosi scatti tratti dalle raccolte East 100th Street e Circus.

Concorso Student Focus

Durante il grande evento di Leicester Square, infine, è stato annunciato il vincitore del concorso Student Focus: Louis Boulet, dell'École Nationale Supérieure Louis Lumiere(Francia). Student Focus si è imposto come la competizione fotografica studentesca di maggior rilievo del panorama internazionale ed è aperta a tutte le università del mondo, perciò Louis ha dovuto affrontare la concorrenza di fotografie pervenute da oltre 200 istituti di 6 continenti.

I fotografi di ciascuna delle università giunte in finale hanno avuto un mese di tempo per realizzare con le loro fotocamere Sony Alpha una serie di immagini ispirate al tema "Actions speak louder than words" ("Le azioni parlano più forte delle parole"), creato in collaborazione con Young Tate Online, il programma digitale del Tate per i giovani creativi. Louis Boulet si è recato direttamente a Londra per ricevere il premio devoluto alla sua scuola, che consiste in un'attrezzatura completa Sony per il digital imaging, del valore di circa 45.000 euro.

Focus Award 2011/12

Ogni anno WPO collabora con un’associazione internazionale per lo special Focus Award, dedicato all’utilizzo della fotografia volto ad incrementare la consapevolezza su particolari temi a carattere internazionale. Durante la cerimonia, WPO e Sony hanno annunciato che, per il Focus Award 2011/12, la partnership è stata realizzata con l’associazione Save the Children.

In base al verdetto della Giuria Onoraria 2011, presieduta da Francis Hodgson, i vincitori della categorie per professionisti sono:

FOTOGIORNALISMO E DOCUMENTARI

Attualità

  • Vincitore: Javier Arcenillas (Spagna)
  • 2°: Robin Hammond (Nuova Zelanda) / Panos
  • 3°: Ahmad Masood, (Afghanistan) / Reuters

Vita contemporanea

  • Vincitore: Javier Arcenillas (Spagna)
  • 2°: Christian Lutz (Svizzera) / Agence VU
  • 3°: Balazs Gardi (Ungheria) / basetrack.org

Persone

  • Vincitore: Alejandro Chaskielberg (Argentina)/ Michael Hoppen Gallery
  • 2°: Denis Rouvre (Francia)
  • 3°: Lucia Herrero (Spagna)

Sport

  • Vincitore: Pavel Wolberg (Israele)
  • 2°: Javier Arcenillas (Spagna)
  • 3°: Palmer + Pawel (Regno Unito)

Arte e Cultura

  • Vincitore: Amit Madheshiya (India)
  • 2°: Tommaso Bonaventura (Italia)
  • 3°: Mahesh Shantaram (India)

COMMERCIALE

Campagne

  • Vincitore: Adam Hinton (Regno Unito) / Saatchi & Saatchi
  • 2°: Richard Bailey (Regno Unito)
  • 3°: Tomg Meng (Cina)

Viaggi

  • Vincitore: Liz Loh-Taylor (Australia)
  • 2°: Javier Arcenillas (Spagna)
  • 3°: Andrew McConnell (Irlanda) / Panos

Stile di vita

  • Vincitore: Saja Seus (Germania)
  • 2°: Frank Bayh & Steff Rosenberger-Ochs (Germania)
  • 3°: Fabrizio Cestari (Italia)

BELLE ARTI

Architettura

  • Vincitore: Alnis Stakle (Lettonia)
  • 2°: Frank Meyl (Germania)
  • 3°: Frank Bayh & Steff Rosenberger-Ochs (Germania)

Ritratto

  • Vincitore: Alain Willaume (Francia)/ Tendance Floue /Galerie Vu
  • 2°: David Kretschmer (Germania)
  • 3°: Paolo Verzone (Italia) / Agence VU

Paesaggio

  • Vincitore: Florence Iff (Svizzera)
  • 2°: Guido Castagnoli (Italia) / Periscope Creative Berlino
  • 3°: Frank Day (Stati Uniti)

Natura morta

  • Vincitore: Renhui Zhao (Singapore)
  • 2°: Peter Franck (Germania)
  • 3°: Charles Emerson (Regno Unito)

Fotografia concettuale

  • Vincitore: Paul Gisbrecht (Germania)
  • 2°: Ana Cop (Canada)
  • 3°: Zhongyin Gao (Cina)
SSL
XtremeShack