• Tastiere
  • Posted
  • Hits: 291

HyperX Alloy Origins Core - Recensione

Tags: hyperX

HyperX Alloy Origins Core 8

Annunciati al Gamescom gli HyperX Aqua sono i nuovi switch proprietari di HyperX che da questo mese risulteranno disponibili, insieme ai classici HyperX Red, per i modelli di tastiere meccaniche con retroilluminazione RGB della serie Alloy Origins. Oggi andremo dunque a recensire la tastiera di tipo meccanico da gaming HyperX Alloy Origins Core (versione Tenkeyless). La serie Alloy Origins di HyperX infatti si compone come quasi tutti i precedenti modelli del modello Full Layout (Alloy Origins) e del modello Tenkyeless (Origins Core). Entrambi i modelli sono caratterizzati da retroilluminazione RGB per singolo tasto, tasti multimediali, chassis in alluminio, tre angoli di inclinazione e di un cavo removibile USB Type-C. I due modelli ampliano e aggiornano dunque la gamma di tastiere meccaniche di HyperX per soddisfare le principali esigenze di videogiocatori e non. Assieme alla tastiera abbiamo ricevuto anche il Kit di CAPS Double Shot PBT in colorazione nera che come vedremo permette di ampliare ulteriormente l’intensità e brillantezza dell’illuminazione RGB della tastiera in questione o di qualunque altra tastiera meccanica con switch meccanici su base CHERRY MX.

HyperX Logo Full Color

HyperX è la divisione specializzata in prodotti ad alte performance di Kingston Technology, la più grande azienda indipendente nel campo della produzione di memorie. Fondata nel 2002, HyperX ha iniziato la sua produzione con un’unica linea di memorie ad alte performance ed è cresciuta negli anni, arrivando oggi ad offrire diverse linee di prodotto di moduli di memoria, drive a stato solido, drive Flash USB, cuffie e mouse pad. Grazie all’impiego di componenti di primissima qualità, capaci di assicurare prestazioni impareggiabili, e al design, da oltre un decennio i prodotti HyperX sono scelti da gamer pluripremiati, dagli appassionati di tecnologia e gli oveclocker di tutto il mondo. Che si tratti di riuscire a conquistare un record mondiale inarrivabile o la certificazione di prodotto più esigente, HyperX è impegnata nella produzione di prodotti affidabili con gli standard prestazionali più elevati.

In più, HyperX è orgogliosa di sponsorizzare più di 20 team di gaming nel mondo oltre ad essere lo sponsor principale dell’Intel Extreme Masters e degli eventi Dreamhack. I prodotti HyperX sono progettati per soddisfare le esigenze più rigorose dei gamer professionisti, per dare loro quella spinta competitiva in più che li aiuti a restare sula vetta delle classifiche.

A seguire elenchiamo le caratteristiche tecniche della tastiera HyperX Alloy Origins Core.

specifiche tecniche

Riportiamo anche subito una tabella comparativa che mette in risalto le principali caratteristiche e differenze tra i vari modelli di tastiere passati e attuali di HyperX.

comparazione serie HyperX

E per finire anche la tabella comparativa circa gli switch meccanici utilizzati.

comparazione switch HyperX

Diamo ora uno sguardo alla confezione. Confezione di cartone di medie dimensioni. La grafica e lo stile sono identiche ad altri prodotti/periferiche già visti e recensiti. Troviamo diverse immagini illustrative del prodotto e delle principali caratteristiche oltre che le caratteristiche vere e proprie riportare in diverse lingue.

HyperX Alloy Origins Core 2 HyperX Alloy Origins Core 3

A garantire l’integrità del prodotto abbiamo gli immancabili sigilli in plastica.

HyperX Alloy Origins Core 4

Aprendo la confezione troviamo la tastiera ben ferma e protetta. Sotto è presente il relativo bundle.

HyperX Alloy Origins Core 5

Estraendo dunque il contenuto dalla confezione troveremo:

  • Tastiera HyperX Alloy Origins Core
  • Cavo removibile USB a USB Type-C
  • Manualistica

HyperX Alloy Origins Core 6

Bundle essenziale e rapportato alla tipologia di prodotto.

Prima di procedere all’analisi della tastiera, vi lasciamo al video dell’unboxing:


La HyperX Alloy Origins Core come il primo modello di tastiera meccanica di HyperX presenta uno chassis interamente in alluminio con una verniciatura a polvere e opaca che garantisce una robustezza senza pari. Il design è naturalmente variato, a mio avviso, e migliorato nel modello Alloy Origins/Origins Core. La colorazione interamente nera rende il design complessivo della tastiera estremamente elegante. L’illuminazione RGB permette invece di avere un perfetto contrasto e aspetto estetico durante un utilizzo anche notturno. La serie Alloy Origins come spiegato si compone del modello Alloy Origins (Full Layout) e del modello Alloy Origins Core (Tenkeyless). La Alloy Origins Core si rivolte maggiormente a coloro che giocano intensivamente o che richiedono un prodotto compatto senza badare alla funzione offerta da un tastierino numerico. Il peso complessivo della Alloy Origins Core si attesta a circa 900 g e in combinazione al cavo removibile la rendono facilmente trasportabile.

HyperX Alloy Origins Core 7 HyperX Alloy Origins Core 8 HyperX Alloy Origins Core 9

Nella fila di tasti superiore troviamo tre tasti Profilo che in combinazione al tasto FN ci permetteranno di switchare On-The-Fly tra uno dei tre a seconda di una personalizzazione dell’illuminazione RGB e mapping dei tasti effettuabile tramite il software di gestione.

HyperX Alloy Origins Core 10

Non mancano tasti multimediali che vanno dal tasto F6 a F11.

HyperX Alloy Origins Core 11

Infine è presentato un tasto dedicato alla Gaming Mode che prevede l’esclusione del tasto Windows per evitare un ritorno accidentale al Desktop durante una sessione di gioco.

HyperX Alloy Origins Core 12

I dettagli in casa HyperX non mancano e troviamo dunque la serigrafia del brand poco sopra i tasti delle freccete direzionali. Le freccette direzionali Su e Giù ci permetteranno anche di aumentare o diminuire l’intensità della retroilluminazione (stessa cosa possibile tramite il software).

HyperX Alloy Origins Core 13

Altro dettaglio a richiamare il brand HyperX è possibile trovarlo sul CAPS della barra spaziatrice.

HyperX Alloy Origins Core 14

Capovolgendo la tastiera possiamo meglio osservare lo chassis in alluminio. Nel retro è presente un adesivo con informazioni aggiuntive e a funzione di sigillo di garanzia.

HyperX Alloy Origins Core 15

La HyperX Alloy Origins pensa anche al comfort di digitazione mettendo a disposizione dei piedini in plastica con tre angolazioni e ulteriori inserti in gomma antiscivolo. Potrete scegliere tra 3°, 7° o 11°.

HyperX Alloy Origins Core 16 HyperX Alloy Origins Core 17 HyperX Alloy Origins Core 18

Infine due piedini in gomma nel lato inferiore a stabilizzare ulteriormente la tastiera una volta poggiata sulla scrivania o piano di lavoro.

HyperX Alloy Origins Core 19

A seguire vi riportiamo le immagini delle regolazioni in altezza possibili. Iniziamo con quella da 3°.

HyperX Alloy Origins Core 22

Angolo di 7°.

HyperX Alloy Origins Core 23

Angolo di 11°.

HyperX Alloy Origins Core 24

La HyperX Alloy Origins Core essendo una tastiera in formato TKL dunque ideale soprattutto per giocare è stata dotata di un comodo cavo removibile e a seguire vi mostriamo l’ingresso per il connettore USB Type-C.

HyperX Alloy Origins Core 20

Da questa angolazione è possibile anche scorgere e notare la struttura esposta degli switch HyperX Aqua adottati da HyperX.

HyperX Alloy Origins Core 21

Parlando di switch andiamo a rimuovere dunque il CAPS in ABS (come tutti gli altri) per mostrarvi meglio questi nuovi switch di HyperX. Gli Aqua. Ovviamente non intendiamo il gruppo musicale.

Essenzialmente sono switch meccanici su base CHERRY MX con struttura trasparente, LED RGB superiore. Chiamati Aqua per la loro colorazione. Sono switch meccanici con feedback tattile quindi come detto anche durante l’Unboxing potremmo definirli i Brown di casa HyperX. Infatti nel retro della confezione è possibile osservare i Red, gli Aqua (Brown) e i Blue.

Gli switch HyperX Aqua a livello tecnico sono switch meccanici che richiedono una forza di attuazione di soli 45 g dunque come i classici Red, un punto di attivazione di 1,8 mm e una corsa complessiva di 3,8 mm. Sono inoltre dati per 80 milioni di pressioni/click. Più dettagli sono comunque riportati nella tabella comparativa riportata precedentemente.

HyperX Alloy Origins Core 25

La HyperX Alloy Origins Core dunque si completa di un cavo removibile con rivestimento in treccia di tessuto.

HyperX Alloy Origins Core 26

E connettore USB standard ad un’estremità e USB Type-C verso la tastiera all’altra estremità.

HyperX Alloy Origins Core 27

Vi lasciamo a qualche scatto della retroilluminazione RGB della HyperX Alloy Origin Core con qualche tasto del kit in PBT e qualche altro con più tasti in PBT utilizzati.

HyperX Alloy Origins Core LED 1 HyperX Alloy Origins Core LED 2 HyperX Alloy Origins Core LED 3

Effetto con Pudding Double Shot in PBT

HyperX Alloy Origins Core LED 4 HyperX Alloy Origins Core LED 5


Con la tastiera HyperX Alloy Origins Core abbiamo ricevuto anche il Kit HyperX Double Shot PBT in colorazione nera (disponibile anche in colorazione bianca). E’ un kit di CAPS in PBT che permette una vera e propria personalizzazione a livello visivo della tastiera e di retroilluminazione nonché una qualità maggiore rispetto CAPS in ABS in termini di durata e materiale.

HyperX Alloy Origins Core 1

La confezione del Kit è di dimensioni compatte e realizzata sempre in cartone. Vengono riportate diverse informazioni tra cui il Layout e il numero di tasti presenti e un’immagine illustrativa.

HyperX Alloy Origins Core 28 HyperX Alloy Origins Core 29

Anche in questo caso è presente un sigillo in plastica a garantire l’integrità del prodotto.

HyperX Alloy Origins Core 30

Aperta la confezione troveremo al suo interno tre confezioni in plastica sottovuoto contenenti il set per 104 tasti più un estrattore di plastica e un manuale/leggenda con i vari tasti disponibili.

HyperX Alloy Origins Core 31 HyperX Alloy Origins Core 32

Dettaglio dell’estrattore in plastica HyperX che permetterà una più rapida e sicura rimozione/sostituzione dei CAPS presenti sulla Alloy Origins Core o sulla tastiera dove vorrete installare i CAPS. I CAPS sono tutti con stemma standard CHERRY MX.

HyperX Alloy Origins Core 36

Nel dettaglio abbiamo preso il tasto della barra spaziatrice in quanto adotta i ‘’fori’’ standard per i relativi stabilizzatori e dunque non compatibile con tutte le tastiere meccaniche in commercio. Difatti Corsair adotta stabilizzatori e design proprietari tali per cui non potremo ad esempio utilizzatore il suddetto CAPS.

HyperX Alloy Origins Core 33 HyperX Alloy Origins Core 34

A livello di design i tasti sono identici ai più classici in ABS con effetto Pudding superiore (come un budino) e parte inferiore in bianco traslucido che permette il vero effetto brillante/aumentato della brillantezza offerta poi una volta installati. Le leggende sono ben impresse e leggibili. La qualità dei tasti in PBT Double Shot garantisce qualità e durata evitando nel tempo il classico scolorimento di tasto in classico ABS a con le dita.

HyperX Alloy Origins Core 35

Inoltre mettendo a confronto un tasto in ABS (preso dalla Alloy Origins Core) con uno in PBT del Kit possiamo notare le dimensioni leggermente inferiori del CAPS in PBT senza perdere però la leggerà forma ergonomica degli stessi. All’atto pratico di digitazione soprattutto se veloce la differenza è quasi impercettbile.

HyperX Alloy Origins Core 38 HyperX Alloy Origins Core 39

Altra differenza tra i tasti in ABS standard e classici e quelli in PBT è l'assenza di leggende per i tasti a duplice funzione dicasi multimediali, profilo e altri. E' comunque importante tenere conto che i set di tasti come questi servono a personalizzare/moddare tastiere standard e si pressupone che spesso chi lo faccia non bada al dettaglio extra di funzioni extra ma solo alla qualità e appunto personalizzazione. Ergo conoscere a mio avviso a memoria la tastiera in proprio possesso. E' un Pro/Contro da valutare a vostra discrezione. A mio avviso totalmente sormontabile specialmente se considerate la tastiera solo per giocare come in questa caso la Alloy Origins Core è ''studiata''.


Visto che abbiamo già analizzato il software HyperX NGENUITY a seguire vi riportiamo le impostazioni che il software mette a disposizione per la tastiera HyperX Alloy Origins Core. Al primo avvio sarete inoltre consigliati ad aggiornare il Firmware in modo da avere l’ultimo disponibile a garantire la massima compatibilità e funzioni.

Alloy Origins Core NGENUITY 1 Alloy Origins Core NGENUITY 2 Alloy Origins Core NGENUITY 3 Alloy Origins Core NGENUITY 4 Alloy Origins Core NGENUITY 5


Abbiamo eseguito per alcuni giorni i classici test per vedere come si comportava la tastiera HyperX Alloy Origins Core. Vediamo nel dettaglio le nostre impressioni.

Ergonomia

L’HyperX Alloy Origins Core è sì la versione TKL ergo priva del tastierino numerico ma ciò non limita un utilizzo Office o di digitazione. Soprattutto in ottica dell’adozione degli switch meccanici HyperX Aqua controparte degli switch CHERRY MX Brown la digitazione risulta ‘’controllata’’ e bilanciata. Coloro che reputano i Red troppo veloci e poco precisi e i Blue giusti ma troppo rumorosi gli Aqua sono la via di mezzo per soddisfare le esigenze degli uni e degli altri. La Alloy Origins Core con lo chassis in alluminio e i tre livelli di regolazione dell’altezza assicura comfort e solidità oltre ogni aspettativa. Poggiata sul piano di lavoro la Alloy Origins Core non si muoverà di un millimetro. I tasti multimediali non dedicati permettono comunque un utilizzo agevole della riproduzioni musicale senza dover Alt-tabbare per passare al player musicale.

Game

Le prove in game si sono svolte con Overwatch, Call Of Duty Modern Warfare e Battlefield V. L’HyperX Alloy Origins Core riesce ad offrire e garantire diversi aspetti che risultano a mio avviso fondamentali ad un videogiocatore. Si inizia con lo chassis in alluminio che offre massima robustezza e qualità; al formato Tenkeyless ideale per ottimizzare posizionamento e spazi in game; alla combinazione degli switch meccanici HyperX Aqua che garantiscono un perfetto bilanciamento tra reattività e feedback in questo caso tattile e all’ormai lontano ricordo del ghosting per cui premere diversi tasti contemporaneamente non sarà più un problema. La retroilluminazione RGB massimizza infine l’esperienza ludica e visiva durante sessioni notturne. Il Kit HyperX Double Shot PBT sarà infine la ciliegia sulla torta per quanto riguarda durata nel tempo e effetto visivo per la retroilluminazione RGB.


Oro HD new

4,5 stelle

HyperX centra in pieno l’obiettivo di rinnovare la gamma di tastiere meccaniche con due nuovi modelli Alloy Origins e Alloy Origins Core dotati dei nuovi switch meccanici HyperX Aqua. L’HyperX Alloy Origins Core oggi recensita risulta essere la perfetta compagna di tornei o gaming intenso. Dimensioni compatte, peso contenuto in relazione all’ottimo e fantastico chassis in alluminio con una verniciatura a polvere di colore nero a superficie opaca, retroilluminazione RGB personalizzabile tramite software HyperX NGENUITY, tasti multimediali, tre tasti profilo, tre livelli di angolazione, tasto Gaming Mode, cavo removibile USB Type-C. Cos’altro chiedere ad una tastiera da Gaming?

Il design è elegante e minimale ma non mancano qua e là piccoli dettagli a richiamare il brand oltre che l’immancabile retroilluminazione RGB compagna di sessioni di gioco notturne.

Il comfort di digitazione classico nonchè in Game è assicurato dagli swtich meccanici Aqua che come da controparte CHERRY MX Brown offrono un perfetto bilanciamento tra velocità e precisione. Switch che come richiama il nome offrono quella colorazione che grazie alla struttura esposta degli switch stessi dono piccoli particolari se vista da alcune angolazioni.

Grazie al Kit Pudding HyperX Double Shot PBT inoltre la vostra Alloy Origins o Origins Core assumerà un nuovo aspetto personalizzabile in mille modi ma sempre a garanzia di maggiore durata e qualità dei CAPS e migliore qualità della brillantezza dei colori della retroilluminazione RGB.

L’HyperX Alloy Origins Core viene proposta ad un prezzo di circa 110 €. Prezzo in piena media con altre tastiere dello stesso formato e di simili caratteristiche.

Il Kit Pudding HyperX Double Shot PBT invece lo troviamo a circa 25 € ed è disponibile in colorazione Nera o Bianca. A questo prezzo è altamente consigliato l’acquisto se volete personalizzare e/o assicurare il 100% della qualità e durata della vostra tastiera e CAPS oltre che un miglioramento netto all’illuminazione RGB.

Pro

  • Switch Tattili HyperX Aqua
  • Chassis in alluminio
  • Retroilluminazione RGB
  • Formato TKL
  • Tasti Multimediali e Profilo
  • Cavo USB Type-C Removibile
  • Tre livelli di angolazione

Contro

  • Nulla da segnalare

Si Ringrazia HyperX per i sample fornitici.

Tommaso Mele

 

Commenta sul forum

SSL