• Tastiere
  • Posted
  • Hits: 7198

Corsair Gaming STRAFE RGB

Corsair Gaming STRAFE RGB 30Dopo l’introduzione della STRAFE classica, Corsair non poteva non proporre anche un modello dotato di retroilluminazione RGB, dato il trend attuale nel mondo videoludico. La Corsair STRAFE RGB altro non è che una STRAFE classica a cui è stato aggiunto un poggiapolsi, variato leggermente il design, implementata una retroilluminazione di tipo RGB e resa disponibile anche con i nuovissimi ed esclusivi CHERRY MX Silent che vedremo meglio nel corso di questa recensione. Non abbiamo molto altro da dire se non di fiondarci subito ad analizzare anche questo altro interessante modello.

 

 

Fondata nel 1994 come Corsair Microsystem, intenta inizialmente a produrre chip di cache L2 per i processori, sposta la sua produzione verso moduli DRAM, dato che Intel con l’uscita del Pentium Pro integra la cache di L2 nella CPU.

 

Corsair Gaming logo

 

Avvia così la produzione prima dei chip di DRAM per il settore server, poi percepisce le potenzialità del nascente settore dell’overclock e della poca presenza di prodotti altamente selezionati e si fa strada realizzando e facendosi apprezzare anche a livello professionale con prodotti tecnicamente all’avanguardia e molto performanti curando in particolar modo l’aspetto estetico. Ad oggi il catalogo produttivo Corsair vanta prodotti che vanno dagli Alimentatori per finire a sistemi completi per il raffreddamento a liquido, dagli chassis alle unità a stato solido SSD non dimenticando la nuova linea di periferiche da gaming. Corsair inoltre di recente ha aggiornato anche il suo logo caratterizzato dall’inconfondibile veliero.

 


Specifiche Tecniche

Procediamo dunque ad elencare brevemente le caratteristiche della tastiera Corsair Gaming STRAFE RGB:

 

specifiche

 

Abbiamo già riportato nell’introduzione quali sono le maggiori differenze rispetto al modello STRAFE classico. Nell’immagine qui sopra possiamo inoltre comprendere come la STRAFE RGB sia disponibile anche con gli esclusivi switch meccanici CHERRY MX Silent che sono una variante degli switch Red e Brown con una particolare struttura e meccanismo in grado di ridurre il rumore del 30%, così da rendere una tastiera meccanica silenziosa quasi come se fosse una di tipo a membrana. Ricordiamo anche che grazie alla retroilluminazione RGB e al software di gestione CUE oltre ai vari effetti creati (e scaricabili gratuitamente) anche dagli utenti, potremo rendere il design della STRAFE RGB davvero unico e personalizzato.

 


Packaging

Anche la STRAFE RGB ci giungerà nella medesima confezione della STRAFE classica. La confezione è sempre in cartone con riportate tutte le maggiori informazioni e i dettagli. Sono presenti anche diverse immagini illustrative.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-1  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-2  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-3

 

Nella parte inferiore della confezione troveremo inoltre due sigilli in plastica a proteggere l’integrità del prodotto.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-4

 

Prima di procedere all’analisi della tastiera, vi lasciamo al video dell’unboxing:

 


La Tastiera

La Corsair Gaming STRAFE RGB è collocata in modo ottimale all’interno della confezione insieme al relativo bundle.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-5

 

All’interno della confezione troveremo dunque:

  • Tastiera Corsair Gaming STRAFE RGB
  • Keycaps di ricambio per giochi MOBA e FPS
  • Estrattore in plastica per CAPS
  • Poggiapolsi
  • Manualistica

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-6  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-7

 

Rispetto al bundle della STRAFE classica troviamo anche un comodo poggiapolsi che ci potrà aiutare senza dubbio ad aumentare l’ergonomia e il comfort di digitazione o durante le sessioni di gioco.

Procediamo ad analizzare dunque anche il modello STRAFE RGB. Inutile dire che, una volta estratta dalla confezione, il design è apparso il medesimo della STRAFE classica. La colorazione è sempre Full Black con un frame in plastica e superficie leggermente texturizzata. Corsair ha creato due tastiere identiche per design, ma diverse nelle caratteristiche maggiori proprio per creare due prodotti facilmente adattabili alle necessità o utilizzi degli utenti finali. La STRAFE RGB non ha molte differenze dunque sul piano estetico, mentre ne introduce su altri fronti. Unica piccola differenza estetica risiede anche nel plate interno, questa volta di colore bianco rispetto a quello di colore rosso della STRAFE classica. Anche in questo caso ci sarà un valido contrasto. In parte il plate bianco interno aiuterà anche a ‘’rifrangere’’ i colori della retroilluminazione RGB conferendo un maggior aspetto estetico. Anche il modello STRAFE RGB è dotato di un Full layout con configurazione di digitazione ITA. Inutile dire che anche in questo caso diversi utenti apprezzeranno la disponibilità di tale Layout. Le dimensioni sono sempre di 448 x 170 x 40mm con un peso di circa 1,4 kg comprensivo di poggiapolsi.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-8  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-9  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-10

 

Nonostante il suo design classico, basterà la sola retroilluminazione RGB per rendere il prodotto diverso e personalizzabile al meglio. Proseguendo e spostandoci nell’angolo destro, troviamo come sempre i LED di stato, il tasto per variare l’intensità della retroilluminazione e infine il tasto per attivare la ‘’Game Mode’’ anche se il tasto come visto anche per la STRAFE è relativo al ‘’Windows Lock’’; funzione pratica che disabilita il tasto Windows durante sessioni di gioco per evitare ai meno esperti o pratici di tornare al Desktop. Notiamo che per il modello STRAFE RGB, Corsair ha deciso di ‘’rimuovere’’ il logo/badge fisico con uno di tipo retroilluminato a tastiera connessa.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-11

 

Medesimo design e configurazione anche per i tasti multimediali di cui si caratterizza anche la STRAFE RGB. Come sempre i tasti da F5 ad F12, fatta eccezione del tasto F6, saranno adibiti come alla riproduzione e gestione di file multimediali, quali video o tracce audio, senza dover passare per il PC e dunque il Player.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-12  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-13

 

Come detto il bel logo/badge fisico in alluminio Corsair nell’angolo in alto a sinistra è stato sostituito da uno retroilluminato. Infatti a tastiera non collegata non noteremo nulla mentre apparirà per magia una volta messa in funzione. Essendo inoltre parte della retroilluminazione, potremo dare al logo un colore diverso dal resto dei tasti per avere un'ulteriore personalizzazione della tastiera. Passiamo al tasto della barra spaziatrice che anche in questo caso adotta una texture gommata che migliorerà il Grip o per meglio dire la pressione in dati frangenti o sessioni di gioco.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-14

 

Capovolgendo la tastiera troviamo anche in questo caso il design spartano che compone tale zona. Sono presenti come sempre i quattro piedini in gomma e due piedini in plastica per rialzare un minimo la tastiera ed agevolare il feeling di digitazione sia per testi che in game. Non mancano in questo modello anche due fessure per inserire con estrema facilità e precisione il poggiapolsi fornito in dotazione.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-17  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-18  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-19  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-20

 

Il poggiapolsi è realizzato in plastica con una superficie superiore in gomma e texturizzata per migliorare il feeling di contatto e il comfort complessivo.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-25  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-26  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-27

 

Per aggiungere il poggiapolsi basterà, a tastiera capovolta, far fare due leggeri click ai gancetti per il fissaggio alla tastiera.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-28

 

Ecco dunque come si presenta la Corsair Gaming STRAFE RGB completa di poggiapolsi.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-29  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-30  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-31

 

Ci spostiamo ora velocemente ai lati della tastiera dove troviamo anche qui il medesimo design fatta eccezione per il diverso colore che in questo caso è bianco ma sempre con una superficie in plastica lucida caratterizzata anche dalla presenza di un inserto in plastica trasversale per ogni lato che irradierà in questo caso una retroilluminazione RGB.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-15  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-16

 

Altra caratteristica che riscontriamo anche nella STARFE RGB è sicuramente la presenza di una porta USB nella parte alta della tastiera. Potremo dunque collegare a questa porta o il mouse (sconsigliabile) o una qualsiasi Pen Drive USB 2.0.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-21

 

Dall’immagine a seguire invece notiamo la struttura rialzata degli switch CHERRY MX Silent, in questo caso, come lo era anche per la STRAFE classica.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-22

 

Parlando di switch vogliamo ricordarvi che anche con la STRAFE RGB, Corsair ci fornirà un set di CAPS di ricambio per giochi FPS o MOBS con relativo estrattore in plastica. Ciò ci permetterà di personalizzare come sempre la tastiera. In questo caso la personalizzazione sarà sicuramente migliore grazie alla sempre citata retroilluminazione RGB.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-32

 

I CAPS forniti sono sempre in ABS con una texture gommata e leggermente zigrinata che aiuteranno anche il Grip e la migliore digitazione in situazioni adrenalitiche.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-33

 

Per rimuovere i CAPS basterà posizionare l’estrattore su di un CAPS premere su questo fin quando non sentirete due click a conferma dell’aggancio e basterà tirare con delicatezza verso l’alto senza movimenti laterali.

Rimossi i CAPS di nostro interesse, non ci resterà che procedere alla sostituzione. Abbiamo proceduto a sostituirli con quelli per giochi FPS in quanto fan e player del genere.

Ecco come si presenterà la STRAFE RGB con i CAPS sostituiti.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-36

 

Durante il processo di sostituzione potremo vedere questi nuovi switch CHERRY MX Silent.

A seguire un video di come è costituita la struttura e le parti di uno switch CHERY MX Silent.

 

Infine anche la Corsair Gaming STRAFE RGB è dotata di cavo rivestito in guaina di gomma e di due connettori USB 2.0. Troviamo anche qui due connettori per il semplice fatto che un connettore alimenterà la tastiera mentre il secondo alimenterà la porta USB presente nella parte alta della tastiera, dunque avremo una porta USB Passthrough.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-23  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-24

 

Prima di passare ad effettuare i test circa il valore di anti-ghosting raggiunto dalla Corsair Gaming STRAFE RGB vi lasciamo ad alcune immagini che mostrano la STRAFE e la STRAFE RGB a confronto. Possiamo sintetizzare le impressioni dicendo che i modelli principalmente differiscono per un minimo e diverso design nonché per la retroilluminazione RGB e per gli switch CHERRY MX Silent esclusivi del modello STRAFE RGB.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-37  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-38  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-39

 

Aggiungiamo anche qualche immagine di diversi tipi di retroilluminazione possibili con il modello STRAFE RGB.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-1  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-2  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-3  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-4  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-5  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-6  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-7  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-8  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-9  Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-10

 

Dettaglio Veliero.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-12

 

Dettaglio Laterale.

 

Corsair-Gaming-STRAFE-RGB-LED-11

 


Antighosting

A livello di anti-ghosting, anche la Corsair Gaming STRAFE RGB riesce ad offrire e garantire un ottimo risultato permettendo di premere contemporaneamente tutti i tasti che però per ovvio ragioni non sarà possibile premere. Dunque nulla da dire neanche per il modello RGB.

Abbiamo provato le più svariate configurazioni di Key Rollover senza avere mai problemi o la preoccupazione che qualche tasto non venisse registrato. Questa funzionalità nei giochi FPS è forse superflua in quanto difficilmente vengono utilizzati oltre 6 tasti, anche in sessioni caotiche. Discorso diverso vale per un RTS o un MMORPG dove la pressione di più tasti garantisce combo perfette.

 

antighosting  antighosting 1  antighosting 2

 


Corsair Utility Engine

Corsair sin dal tempo della serie Vengeance K60 e simili, ha iniziato la sua ricerca e perfezione di un software di gestione per i suoi prodotti. Con gli ultimi modelli serie K e STRAFE per quanto riguarda le tastiere, Corsair ha fatto ottimi passi in avanti creando un software molto completo che a volte si è rivelato forse complesso anche per i più esperti. Ad oggi Corsair fornisce con la maggior parte dei suoi prodotti il software di gestione CUE acronimo di Corsair Utility Engine. Un vero e proprio ‘’Motore’’ di gestione di profili, effetti, funzioni e molto altro.

 

Allo stesso modo della STRAFE classica anche nel bundle della STRAFE RGB non è incluso alcun CD-ROM per cui dovremo collegarci al sito Corsair Gaming e prelevare il software relativo al nostro prodotto. Per la STRAFE RGB il CUE è compatibile anche con altre tastiere quali i modelli STRAFE, K70 e K95 RGB e così via.

Una volta installato, localizzato anche in Italiano, potremo avviarlo per iniziare a impostare effetti di retroilluminazione o creare profili o ancora associare determinati tasti con diverse funzioni che potranno andare da Macro a funzioni base.

 

Non appena avviato il software, nel nostro caso è stato richiesto di aggiornare immediatamente il firmware della STRAFE RGB. Come possiamo vedere l’ultima versione di firmware disponibile per la tastiera STRAFE RGB, come per la STRAFE classica, è la versione 1.33. Confermato l’update del firmware, dovremmo attendere qualche secondo, al massimo pochi minuti, prima di poter iniziare ad utilizzare tutte le funzioni del software CUE.

 

Corsair CUE Firmware STRAFE RGB

 

Il software si presenta con un’interfaccia personalizzata e molto gradevole alla vista. Principalmente il software si compone come molti altri di Menù e sottomenù. I Menù principali che troveremo a nostra disposizione sono ‘’Profili’’, ‘’Azioni’’. ‘’Illuminazione’’ e ‘’Impostazioni’’.

 

Corsair-CUE-1

 

Partiamo dunque dal Menù ‘’Profili’’ dal quale potremo creare, duplicare, editare e cancellare i profili creati. Notiamo anche come tale Menù ci permetta di accedere alle assegnazioni dei singoli tasti. Tramite questa funzione potremo rimappare un tasto che non utilizzeremo con un’altra funzione a nostro piacimento. Il Software di gestione di Corsair ha fatto passi così da gigante che potremo assegnare a quel tasto le più svariate funzioni, da una semplice Macro ad una più complessa o l’avvio di un programma, la digitazione di un testo con un singolo tasto e molto altro. Per chi è alle prime armi si troverà dinanzi un mondo, per come è possibile assegnare funzioni tramite il CUE.

 

Corsair-CUE-2  Corsair-CUE-3  Corsair-CUE-4  Corsair-CUE-5  Corsair-CUE-6

 

Nel caso non volessimo mappare nessun tasto ma solo la retroilluminazione potremo farlo allo stesso livello e modo di completezza. Avendo una retroilluminazione di tipo RGB ci potremo sbizzarrire secondo i nostri gusti estetici o preferenze. Dobbiamo dire che Corsair ha fatto un lavoro esemplare e supera di molto ogni altro software di gestione visto fino ad ora.

 

Corsair-CUE-7  Corsair-CUE-8  Corsair-CUE-9  Corsair-CUE-10

 

Potremo inoltre passare da un profilo di retroilluminazione base ad uno avanzato nonché variare direttamente l’intensità di retroilluminazione dal software. Non manca davvero nulla e potrete dunque sbizzarrivi con le vostre creazioni.

Procediamo con i Menù principali ed arriviamo ad ‘’Azioni’’. Da questo Menù potremo creare Macro semplici o avanzate fin nei minimi dettagli o associare con determinate opzioni impostabili i tasti presenti sulla tastiera. Ovviamente tale Menù ci servirà come base di partenza che andrà integrata nel singolo o più tasti. Crediamo che bastino le immagini a seguire per farvi comprendere il livello di personalizzazione raggiungibile tramite il CUE.

 

Corsair-CUE-11

 

Proseguendo arriviamo al Menù ‘’Illuminazione’’ che come per il Menù ‘’Azioni’’ ci permetterà di creare o importare il nostro personale effetto da ‘’traslare’’ poi nel primo Menù in cui assegnarlo ad un dato profilo. Anche in questo caso siamo su livelli di eccellenza.

 

Corsair-CUE-12

 

Infine chiudiamo con il Menù ‘’Impostazioni’’ dal quale non solo potremo controllare versione firmware o presenza di aggiornamenti ma anche gestire il Polling Rate, impostazione del Layout di digitazione e molto altro ancora. Persino inviare un log in caso di problemi a Corsair o accedere direttamente al forum Corsair. Non mancherà la possibilità di creare un backup delle nostre impostazioni/profilo da trasferire successivamente su di un nuovo computer o a formattazione terminata.

 

Corsair-CUE-13  Corsair-CUE-14

 

Confermiamo ancora una volta che l’impegno profuso da Corsair Gaming è esemplare e la riprova è la completezza di funzioni e possibilità messe a disposizione dal software Corsair Utility Engine.

 


Impressioni d’Uso

Abbiamo eseguito per alcuni giorni i classici test per vedere come si comportava la Corsair Gaming STRAFE RGB. Vediamo nel dettaglio le nostre impressioni.

 

Ergonomia

La Corsair Gaming STRAFE RGB come per la sorella STRAFE classica, offre già una valida base di comfort e feeling ottimale di digitazione a cui viene aggiunta la disponibilità di un pratico ed altrettanto comodo poggiapolsi. Personalmente mi sono trovato molto bene sia con che senza, ma rimango sempre un utente e player abituato a tastiere TKL ove possibile e senza poggiapolsi. Per chi è desideroso di modelli con poggiapolso la STRAFE RGB segna già un punto a favore. Per quanto riguarda la digitazione il feeling è perfetto almeno nel mio caso. Se già con uno switch meccanico CHERRY MX Red avevo il perfetto feeling, con lo switch MX Silent trovo il compagno ideale che potrà ridurre anche al minimo quella leggera rumorosità causata da ogni tipologia di switch meccanico. In sintesi dunque la STRAFE RGB risulta confortevole e valida sia per digitazione testi che per sessioni di gioco. Corsair al solito non lascia nulla al caso.

 

Game

Sono passato a diverse sessioni online di Battlefield 4, mio solito gioco con cui poter testare al meglio tutte le periferiche Gaming. Perfetta è risultata l'integrazione tra azioni in gioco e risposta dei tasti. I CHERRY MX Silent (in questa versione ricevuta Red) mantengono la loro reattività con una forza di attuazione di soli 45g a cui grazie alla particolare struttura dei modelli MX Silent non sentiremo troppo il fine corsa dunque avremo una sensibile riduzione di rumore durante la digitazione in ogni situazione. Essendo un principale videogiocatore di FPS, l’utilizzo di tasti aggiuntivi non mi ha causato problemi o fatto sentire come se mancasse qualcosa, anzi, con i CAPS di ricambio sostituiti ho avuto una migliore esperienza di gioco grazie alla loro migliore texture che terrà ‘’incollati’’ i vostri polpastrelli al CAPS prima di rilasciarlo. Retroilluminazione RGB e qualche effetto importato hanno reso le sessioni di gioco notturne davvero un ‘’Must-Have’’.

 


Conclusioni

 

Oro HD new  design

Prestazioni 5 stelle Tutto quello già detto per il modello classico con in più la retroilluminazione RGB e switch meccanici CHERRY MX Silent.
Qualità 4,5 stelle Materiali ed assemblaggio ottimali. Peccato per l’abbandono di un plate in alluminio.
Design 5 stelle Design crescente grazie alla retroilluminazione RGB e ai diversi effetti.
Prezzo 4 stelle Circa 180€. Prezzo alto ma stiamo pur pagando per una versione con switch "silenziati", software CUE eccellente e retroilluminazione RGB con effetti creabili e/o importabili.
Complessivo 4,5 stelle  

Dopo aver testato ed analizzato il modello STRAFE classico con giudizi e pareri del tutto positivi (fatta eccezione per il ritorno ad uno chassis in plastica) non potevo non essere rimasto contento anche del modello STRAFE RGB che insieme a switch meccanici CHERRY MX Silent hanno reso l’esperienza di utilizzo complessiva ottimale. A mio avviso i due modelli STRAFE proposti da Corsair hanno Pro e Contro.

  • Da un lato vi è l’ampia scelta dei due modelli con diversi switch meccanici che potranno essere scelti a seconda di utilizzi e feeling personale, dall'altra quella di creare due modelli molto simili che differiscono solo per alcuni aspetti e che potrebbe far pendere l’ago della bilancia direttamente sul modello STRAFE RGB.

Infatti il prezzo della Corsair Gaming STRAFE RGB è di circa 180€ rispetto ai circa 130€ del modello STRAFE con ricordiamo essere dotata solo di retroilluminazione rossa. Ciò porterebbe a mio avviso ad un ipotetico utente finale ad optare spendendo qualcosa in più per il modello RGB e non per quello classico. Da mettere in conto che sono considerazioni personali e da ricordare che esistono sempre utenti a cui tastiere ad ‘’Albero di Natale’’ non piacciono proprio, quindi si orienterebbero direttamente sul modello classico anche se la retroilluminazione in entrambi i casi è impostabile su Off. In sintesi i due prodotti della serie STRAFE sono validi e di ottima qualità (seppur tornati ad uno chassis in plastica) ma ancora una volta propenderei per il modello STRAFE RGB dotato anche di un comodo poggiapolsi e di switch meccanici CHERRY MX Silent (una grande e valida tipologia di switch). La Corsair Gaming STRAFE RGB è inoltre disponibile su Amazon al seguente link.

 

Pro

  • Retroilluminazione RGB e diversi effetti caricabili o creabili
  • Tasti rapidi Windows Lock e Switch Intensità Retroilluminazione
  • Corsair Utility Engine (CUE)
  • CHERRY MX Silent
  • USB Passthrough
  • CAPS per FPS/MOBA

 

Contro

  • Ritorno ad uno chassis in plastica
  • Prezzo

 

Si Ringrazia Corsair per il sample fornitoci.

Tommaso Mele