Corsair Glaive RGB Pro e Corsair MM350 - Piccoli ma sostanziali miglioramenti

Corsair Glaive RGB PRO 38

Corsair ha nuovamente rinfrescato la propria linea di mouse da gaming con alcuni nuovi modelli quali il Glaive RGB Pro e l’Ironclaw RGB Wireless. Oggi andremo ad analizzare il Corsair Glaive RGB Pro che apporta piccoli miglioramenti in tutti i ‘’campi’’. Quello principale è l’adozione di un nuovo sensore Pixart PMW-3391 da ben 18.000 DPI come se non bastassero i già 16.000 DPI del precedente modello. Non manca una retroilluminazione RGB a 3 zone e la possibilità di personalizzare ogni minima impostazione o tasto tramite il software Corsair iCUE. Il Corsair Glaive RGB Pro promette anche un ottimo comfort grazie alla modularità del side sinistro con due ulteriori Thumb grips che potranno essere sostituiti a quello preinstallato a seconda delle necessità. Il Corsair Glaive RGB Pro risulta già dal primo utilizzo un mouse solido e performante ma scopriamolo meglio in questa recensione.

Fondata nel 1994 come Corsair Microsystem, intenta inizialmente a produrre chip di cache L2 per i processori, sposta la sua produzione verso moduli DRAM, dato che Intel con l’uscita del Pentium Pro integra la cache di L2 nella CPU.

Corsair Gaming logo

Avvia così la produzione prima dei chip di DRAM per il settore server, poi percepisce le potenzialità del nascente settore dell’overclock e della poca presenza di prodotti altamente selezionati e si fa strada realizzando e facendosi apprezzare anche a livello professionale con prodotti tecnicamente all’avanguardia e molto performanti curando in particolar modo l’aspetto estetico. Ad oggi il catalogo produttivo Corsair vanta prodotti che vanno dagli Alimentatori per finire a sistemi completi per il raffreddamento a liquido, dagli chassis alle unità a stato solido SSD non dimenticando la nuova linea di periferiche da gaming. Corsair inoltre di recente ha aggiornato anche il suo logo caratterizzato dall’inconfondibile veliero.