Jump to content
Sign in to follow this  
ConteZero

ATX 3.0

Recommended Posts

Se qualcuno ha comprato un alimentatore o una scheda madre PCIe si ? accorto che l'attacco d'alimentazione ? cambiato.

L'introduzione di ATX3.0 ? probabilmente la prima risposta a quello che le schede d'espansione hanno provocato nei computer.

Quando la VGA era ISA e tutto il PC girava a 33MHz un alimentatore valeva quanto un altro, le potenze dissipate erano cos? basse che non esisteva il pericolo di non riuscire ad alimentare una scheda madre... allora.

Oggi le cose non vanno pi? cos?!

I primi a cambiare il trend sono stati i processori, i 35watt dei primi Pentium!!! sono gi? bazzecole confrontati ai cento e pi? watt di un Athlon64 o agli oltre 150W di un P4 prescott.

Dapprima si ? passati dagli alimentatori meccanici AT (con il mitologico interruttore ON/OFF) ai simpatici ATX che si possono accendere e spegnere dalla scheda madre, cosa che in genere ha anche segnato il primo rialzo dai 150-200 watt tipici di un AT ai 235watt degli "entry level" ATX.

Questo ? andato bene fino all'epoca del lancio dei Pentium 4 Willamette che ancora oggi sono noti col nome di "bloody suckers", le loro richieste energetiche (dovute principalmente alla maggiore frequenza visto che come prestazioni.... sorvoliamo) ha in pratica costretto i produttori di alimentatori a sfornare alimentatori pi? capaci.

E'cos? che lo standard ATX2.1 ha definito due connettori addizionali oltre al classico 20 "pin", i due alimentatori (di cui nella stragrande maggioranza delle piastre ? stato usato solo quello 2x2) servivano appunto a fornire un canale privilegiato per dar "da mangiare" al processore.

E cos? fra ThunderBird, Thorougberg (

Nello stesso periodo per? si ? fatto presente un altro problema serio, le schede d'espansione, in particolar modo le AGP, hanno avuto sempre pi? bisogno di alimentazioni addizionali, tant'? che le schede video di fascia alta alla fine si sono rassegnate ad avere un connettore molex per racimolare i watt necessari al loro funzionamento.

Visto che i wattaggi su piastra si sono rivelati sempre pi? insufficienti al punto che molte schede in mancanza di alimentazione addizionale avevano perdite prestazionali (o peggio!) e visto che il mercato degli alimentatori stava conoscendo una nuova primavera grazie soprattutto ad overclocker e modder vari si ? cominciato a ragionare a come dare MEGLIO la potenza alle piastre... e l? si ? arrivati alla soluzione pi? semplice... fornire DUE canali d'alimentazione separati e indipendenti, in modo da poter alimentare CPU e scheda(/e) video senza che gli sbalzi di tensione su una linea non influiscano sull'altra... se non altro per il voltaggio pi? 'abusato', i +12V.

Ed eccoci alle schede madri PCIe ed alla nuova versione di ATX... come avrete notato le nuove schede madri PCIe usano connettori da 24 (12x2) anzich? da 20 (10x2), i 4 pin in pi? sono in pratica l'istituzionalizzazione di quanto non si faceva prima con i molex sulle schede video... un alimentazione aggiuntiva supplementare per le linee +3.3V, +5V e +12V, il tutto con una portata massima di 72 Watt da un secondo canale d'alimentazione (

In contemporanea con l'uscita di questi nuovi attacchi sono usciti anche gli adattatori 20->24, in pratica sono inutili perch? le schede madri sono progettate per funzionare lo stesso con gli attacchi da 20 e recuperare da questi la corrente aggiuntiva... ovviamente in questo caso la linea, che dovrebbe essere indipendente dal carico della CPU viene invece ad essere condivisa il che rende l'alimentazione meno stabile quando si usano schede video e processori che assorbono molto (cio? molto spesso).

Ovviamente l'attacco ? "guidato" per cui non c'? il rischio di mettere male il plug da 20 nella presa da 24.

 

Ed eccoci al punto!

ATX 3.0 garantisce circa 70 watt aggiuntivi sul canale PCIe tramite quest'attacco, se si usano periferiche che consumano di pi? (cio? una delle ultimissime bestioline di casa nVidia / ATi) o DUE schede video (SLi galore!) 70watt aiutano come un bicchiere d'acqua davanti all'incendio di Mosca.

Questo non vuol dire che non ce la si f?, vuol dire che si ? "out of spec"... nel senso cattivo.

Nel senso buono "out of spec" ? quando un Athlon64 Venice 3200+ viaggia a 2800MHz reali, nel senso cattivo ? quando una scheda madre ed un alimentazione pensati per erogare 70watt arrivano a doverne erogare 250... ? questo ? male (Egon Spengler).

Per questo stesso motivo nelle schede video di fascia alta (quando non sono fabbricate dall'ultimo dei chipvendoli) esistono degli appositi attacchi 3x2 (yohoo! l'alimentatore sembra un piatto di spaghetti) che sono stati pensati appositamente per ottenere direttamente dall'alimentatore la potenza addizionale richiesta per tutti i vostri milioni di poligoni!

 

Inutile dire che se provate a mettere una scheda madre SLi con un alimentatore da 20 pin state giocando alla roulette russa con 5 proiettili in un tamburo da sei... e rischiate di fondere l'alimentatore che (magari) morendo potrebbe fare un atto alla "muoia Sansone e tutti i filistei" e mandare un picco non troppo digeribile su scheda madre, cpu e scheda video.

 

Cercate sempre, se possibile, alimentatori con due "rail" (binari/canali) separati per i +12V; se possibile controllate (anche comparativamente) gli amperaggi fra diversi alimentatori e, in mancanza dell'apparecchiatura necessaria per fare test seri sugli alimentatori, chiedete SEMPRE e cercate sempre alimentatori di marca o di provata fiducia.

Controllate sui vostri PC che i voltaggi siano stabili ed in linea con quelli che dovrebbero essere; se l'alimentatore riscalda pi? del dovuto anche a PC "a riposo" cominciate a cercare modelli pi? "robusti" e non fermatevi all'idea "ha scritto 500W, offrir? 500 watt" ma cercate, ove possibile, di verificare sempre l'effettiva resa che in molti casi ? funestamente bassa.

 

Per questa e per altre ragioni ? sempre consigliabile... caldamente consigliabile... dimensionare l'alimentatore in base pi? alle richieste del computer che ai parametri di tasca (si, meglio spenderci 100 euro che facevano comodo per delle BH5 che trovarsi con un alimentatore bruciato che si trascina dietro il vostro amato computer).

 

ConteZero.

 

Nota 1: Quanto detto viene da forum di AnandTech e altri forum, prevalentemente in lingua inglese, da cui ho preso spizzichi e bocconi; non mi assumo responsabilit? su nulla e non metterei la mano sul fuoco su quanto detto anche se mi sembra tutto valido e facilmente verificabile.

 

Nota 2: NON PROVATE A COLLEGARE L'ATTACCO 2x2 TIPICO DEGLI ATX 2.1 AI 4 PIN AGGIUNTIVI, DISTRUGGERESTE L'ALIMENTATORE E PROBABILMENTE ANCHE LA SCHEDA MADRE.

Share this post


Link to post
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...