Jump to content

[Libri] Albert Einstein e la formula di dio


apix_1024
 Share

Recommended Posts

raga ho appena finito di leggere questo romanzo e sono rimasto a dir poco a bocca aperta per le scoperte scientifiche in esso contenute e spiegate anche per i profani ;)

consiglio a tutti di leggerlo perchè ne vale veramente la pena! sono 20 euro spesi nel migliore dei modi.:n2mu:

 

p.s. per me Einstein era una mente veramente geniale. qualcosa che credo nn si possa e potrà mai eguagliare!

Link to comment
Share on other sites



per chi ha letto il libro che conclusioni ha tratto? io in questi giorni ho riflettuto parecchio seguendo al traccia del ragionamento imposto/suggerito dal libro e sono giunto ad una conclusione a dir poco sconcertante.

per chi nn avesse ancora letto il romanzo consiglio caldamente di evitare questo mio intervento perchè potrebbe rovinarvi il gusto e la sorpresa del romanzo stesso.

vi espongo a grandi linee (scrivo in bianco così chi vuole legge e chi no passa oltre) quello che ho rielaborato in questi giorni:

 

 

il libro alla fine svela chi per la scienza moderna è l'entità che più si avvicini a Dio. questa entità è definita come intelligenza superiore. ottimo già qui è una bella botta al cristianesimo e religioni varie... ma cmq passiamo oltre. l'intelligenza superiore deriverebbe da noi esseri umani infatti secondo il libro saremmo noi i genitori della stessa. i computer sono la prima forma di intelligenza ma la loro evoluzione grazie alle nostre conoscenze potrebbe portare un giorno alla costruzione di un computer più intelligente di noi stessi ed in grado di costruire tutto ciò di cui necessita per la sua sopravvivenza. in questo cervellone sarebbero contenute tutte le informazioni della specie umana e perchè no anche il genoma umano. la terra infatti è destinata a morire come il sole e quindi dovremmo a tutti i costi arrivare per quel tempo preparati per la colonizzazione del cosmo. il spc (supercomputer) a questo punto sarebbe l'evoluzione ultima dell'essere umano in quanto autosufficiente, più intelligente e capace di viaggiare nel cosmo alla ricerca di altri pianeti da colonizzare e nn per ultimo di duplicarsi così da aumentare esponenzialmente i vari pianeti colonizzati. lo scopo: nn morire, sopravvivere. ma come? l'universo infatti va verso due tipi di morti: la morte fredda (espansione all'infinito) oppure la morte calda o meglio. quind come potrebbe questo spc gestire la propria sopravvivenza? nel caso di morte fredda sarebbe impossibile perchè una volta che tutti i pianeti e tutte le stesse saranno morte anche il spc si troverebbe spacciato quindi potrebbe arrivare a generare una tale intelligenza da governare l'universo intero verso la morte calda e quindi generare ancora un altro big bang tale per cui dopo miliardi di anni di evoluzione il spc possa essere ancora costruito.

fino a qui tutto ok sono due teorie interessanti.

la seconda però nasconde una complicazione diciamo a mio avviso. ovvero se il spc alla fine arriverà a gestire l'universo per ricreare un big bang uguale in tutto e per tutto a quello che supponiamo noi sia avvenuto 15miliardi di anni fa cosa comporterebbe?

il libro dice che il big bang ha liberato energia necessaria, sufficiente e precisa al milionesimo decimale per creare tutto quello che conosciamo, noi stessi inclusi. il libro stesso mostra come variazioni insignificanti di alcuni valori secondari avrebbero portato a tuttaltro risultato (teoria del caos). questo secondo me è incredibile! il spc potrebbe ricreare per sempre lo stesso universo, noi compresi!

sono arrivato a concludere che la frase "in un'altra vita" nn sia poi così un'astrazione. il belo è che con questo ragionamento tutto quello che farò, che faremo nella nostra vita sarà obbligato a ripetersi nelle prossime vite. e chi ci dice che nn siamo già vissuti in tempi precedenti il nostro big bang? la cosa è folle lo so ma la ciclicità porterebbe a questo! quello che mi ha stupito è poi il seguente ragionamento: i buddisti credono nella reincarnazione in vite successive in esseri viventi magari diversi. quello che però implica il ragionamento del libro è che io sarò sempre io. nel senso che per ricreare la stessa intelligenza superiore o il spc le condizioni iniziali devono per forza essere le stesse altrimenti la teoria del caos porterebbe a risultati sicuramente diversi!

sono stato prolisso ma ho cercato di raccogliere e sintetizzare le mille idee che questo libro mi ha fatto nascere.

 

aspetto la risposta di quelli che hanno letto il libro per un confronto ;)

Link to comment
Share on other sites

Veramente un romanzo ben fatto!

Lo consiglio caldamente a tutti.:)

 

aspetto le tue considerazioni per quello che ho esposto. sono curioso di sapere come hai interpretato tu la lettura ;)

 

se è per questo è anche la formula dell'università

E=mc^2

Esami=(Mesi di studio)X(Culo)^2

dove il culo è una grandezza che varia in modo aleatorio tra 0 e 3x10^8

:fiufiu:

 

 

se lo hai letto mi aspetto un commento. se nn lo hai letto leggilo! :n2mu:

Link to comment
Share on other sites

  • 5 months later...

Ciao:)

Mi piace vedere che il libro che mi ha colpito ha fatto altre vittime :asd:

 

Ho letto quel che dici,e condivido quando dici:

ma non questo:

 

a me sembra di aver capito che questo universo ha trovato il sistema carbonio per creare l'hardware alla piccola scintilla di intelligenza che poi avrebbe portato fino a noi esseri umani, capaci di costruire un altro tipo di hardware per l'intelligenza.

e il fine ultimo quindi sarebbe la sopravvivenza dell'intelligenza

 

condivido

 

il libro dice che il big bang ha liberato energia necessaria, sufficiente e precisa al milionesimo decimale per creare tutto quello che conosciamo, noi stessi inclusi. il libro stesso mostra come variazioni insignificanti di alcuni valori secondari avrebbero portato a tuttaltro risultato (teoria del caos). questo secondo me è incredibile! il spc potrebbe ricreare per sempre lo stesso universo, noi compresi!>

gia' , pero' non dimenticare quel ragionamento sull'imprevedibilita' delle cose perche' troppi sono i parametri delle cause.

anche io per un po' sono rimasta basita... :muro:

si, pero' per me sarebbe non un cerchio, ma una spirale, e quindi ...non proprio lo stesso.

io invece penso alle qualita' dei sotto prodotti , o come diavolo si chiamano , dei quanta... 26, di cui noi ne coosciamo solo 4 ( le dimensioni dello spazio piu' il tempo)

nelle altre 22 ci stanno forse anche alcune cosette,che magari potrebbero spiegarmi cose tipo l'animuccia santa , lo spiritismo, la chiaroveggenza ecc ecc e vedi te, forse anche la trasformazione della detta animuccia in altri esseri, ma in questo universo, senza aspettare il prossimo big bang.

:AAAAH:

ma figurati... aspettavo solo questo, per tirare fuori le mie

 

 

ok, ho detto la mia.

ciao:fiufiu:

Link to comment
Share on other sites

  • 6 years later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Create New...