Jump to content
Nikolaj

Project VENUS - 7x GPU mining platform

Recommended Posts

Signori cari, non avete idea di cosa sto per combinare.

 

Indizio, ed obiettivo, del progetto: consumo massimo di 900W ripartito su 7 schede grafiche, ma di fascia enthusiast :perfido:. Oltre a ciò tale progetto, a differenza del vecchio e sperimentale MERCURY, sarà solamente il prototipo per la realizzazione in SERIE di questi macchinari. Ne esisteranno di diverse tipologie, ottimizzati in base alle necessità dei diversi algoritmi e software utilizzati, e non ultimo per importanza il bilanciamento termo-elettrico delle componenti e dei carichi di lavoro.

 

FEATURES PECULIARI:

- Soluzione interamente custom

- Doppio alimentatore nella versione finale, il principale dei quali sarà derivato da modelli Server HP con certificazione Platinum

- elevato potenziale di mining e profittabilità

- progetto molto costoso (4500EUR/unità, se non poco oltre), ma ottimamente bilanciato dati i consumi energetici decisamente eccellenti

 

Diversamente dal Project Mercury non ci saranno fotografie del worklog, per via di ragioni di NON riproducibilità del progetto da parte di terzi, ma solamente le fotografie della componentistica utilizzata, e del prodotto finito. Quando arrivano le bimbe, foto e qualche dettaglio operativo.

 

A presto

 

 

 

Altro progetto correlato

http://www.xtremehardware.com/forum/showthread.php?t=48710

Edited by Nikolaj

Share this post


Link to post
Share on other sites


trial completato ieri sera, per una versione sperimentale base con schede grafiche diverse da quelle prospettate.

 

Fatto sta che:

 

- non ci sono problemi elettrici, la ripartizione della +12V sulle singole rail regge e presenta un ottimo bilanciamento

- non ci sono problemi termici, dato il modding di soluzioni di dissipazione proprietarie Hewlett Packard

- non ci sono problemi di riconoscimento software, anche se fra poco ci sarà una migrazione verso un paio di sistemi operativi server

 

Si renderà necessario però adottare alcune modifiche al telaio, quindi devo rimetterci mano ed ottimizzare parte del design, sebbene comunque siano aspetti di poco conto. Verso fine settimana metto qualche foto di parte delle componenti utilizzate, in arrivo mediante corriere

 

Buone festività

Share this post


Link to post
Share on other sites

Work in progress.

 

Il venus, nella sua revisione finale, sarà un incrocio tra il primo ed il secondo

 

20160404145975215896025.JPG

 

 

20160404145975215193395.JPG

 

20160404145975215130059.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

all'atto pratico, non è nemmeno la punta dell'iceberg :D

 

Fra un paio di mesi se va avanti così mi devo prendere una segretaria..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stesso dicasi anche qui, progetto dirottato su pascal e polaris.

 

Il resto.. too little, too late.

Share this post


Link to post
Share on other sites

curiosità tu saresti interessato all'hosting, se hai energia a vagonate grazie ai pannelli, potrei essere interessato a mandarti qualche rig da far minare li da te

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao. No grazie, hosting non ha senso. Chi ha corrente la utilizza, fermo restando che è antieconomico gestire macchinari complessi per conto terzi ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho la corrente ma ai prezzi italiani, anche se per adesso è conveniente non so se lo sara in futuro, mi servirebbe qualcuno con l'energia a basso costo, in realtà gestirei tutto io, con teamviewer da remoto, dovrei solamente posizionare la macchina li da te

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche se dovessi metterle pagando poco perderesti il vantaggio economico, arrivando ai livelli precedenti. A che pro non impegnare corrente se la si ha a disposizione? Vedi? Antieconomico sotto molteplici punti di vista. Esistono anche molti problemi di sicurezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

di che parli? sto dicendo che utilizzerei la tua corrente generata dai pannelli, in questo caso, poi io ti pagherei l'hosting sui 50 euro al mese o in base al numero delle macchine(ovviamente deve convenirmi rispetto a quello che pago ora a parita di schede impegnate), ora con solo 3 schede mi tocca pagare 100 euro al mese di corrente, vorrei risparmiare su quello ecco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusami ma come ripeto non ha senso. Perché dovrei occupare parte dell'eventuale produzione, a maggior ragione considerando contratti di scsmbio sul posto gse, per avere un tornaconto di una cifra irrisoria rispetto alla potenzialità di guadagno/kwh?. Questo solo considerando il costo della corrente. Hosting significa certificare il funzionamento, gestione termica, sicurezza, rischio incendi, ripartizione contatori ed impianti elettrici, linea internet, controllo remoto con tutto ciò che ne consegue, manodopera, etc etc. Chiedi ad aruba quanto costa l'hosting di mezzo rack ... ;) (1kw se non ricordo male vogliono 8000 euro l'anno)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Scusami ma come ripeto non ha senso. Perché dovrei occupare parte dell'eventuale produzione, a maggior ragione considerando contratti di scsmbio sul posto gse, per avere un tornaconto di una cifra irrisoria rispetto alla potenzialità di guadagno/kwh?. Questo solo considerando il costo della corrente. Hosting significa certificare il funzionamento, gestione termica, sicurezza, rischio incendi, ripartizione contatori ed impianti elettrici, linea internet, controllo remoto con tutto ciò che ne consegue, manodopera, etc etc. Chiedi ad aruba quanto costa l'hosting di mezzo rack ... ;) (1kw se non ricordo male vogliono 8000 euro l'anno)

 

beh all'estero costa poco, 86 dollari e ti hostano quello che vuoi, in italia costa tutto troppo a quanto pare

 

il mio discorso aveva senso se tu non avessi la possibilità di utilizzare tutta l'energia che produci, è come se tu mi vendessi la tua energia ad un prezzo migliore, ma ho già capito che la risposta e no, devo riuscire a trovare qualcuno che vende l'energia anche solo a 10 cent, potrei minare in eterno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non troverai nessuno a quella cifra che possa permetterti un hosting, per il semplice fatto che se paghi 0.1 poi lo devi pagare, e con tre schede ti diventano quanto, o più, paghi normalmente. Ripeto, il processo di convalida delle trasazioni di criptovalute (detto brutalmente mining) ha senso con un investimento minimo di 25k, ripartito tra piattaforme, infrastruttura, manodopera, potenza di calcolo pura, servizi accessori e generazione di corrente (che da sola è più della metà dell'investimento). Già così fai poco, se scendi sotto quella cifra non ha senso che tu ci perda tempo, anche perché cose del genere o le fai per lavoro o guadagni più da altre fonti. Poi certo, se è per divertimento a costo contenuto ok, ma in quel caso tanto vale che acquisti direttamente bitcoin o fai trading. Questi progetti che ho realizzato (molti prototipi non li ho mostrati perché sono progetti oggetto di futuri brevetti) sono semplicemente dei test di ottimizzazione/divertimento personale. A tempo debito sarà possibile acquistarne diversi in un sito di e-commerce dedicato.

 

Non è per cattiveria ma ti sconsiglio caldamente di mandare a terzi mai visti e conosciuti, a maggior ragione fuori dall'italia, materiale informatico.

 

Con 0.25 eur/kwh spendi 220$/mese di sola corrente.

In un ced ita l'hosting costa 0.3, fuori in eu potresti trovare costi di corrente tasse incluse di 0.14, che di sola corrente sarebbero 114$/mese.

0.1 implica produzione solare+eolico tasse incluse, non è fisicamente possibile a meno che non hai consumi elevwtissimi ed impegno per un semestre. In quel caso pagheresti 82$. Ma lo vuoi pagare il servizio o devono lavorare gratuitamente prendendosi tutte le responsabilità?

 

Tu ora comprendi quanto, mi spiace dirtelo, la tua stima sia letteralmente pura utopia.

Edited by Nikolaj

Share this post


Link to post
Share on other sites

veramente ti sbagli ho gia trovato qualcuno all'estero di cui mi fido che puo offrirmi energia a bassisimo costo(ha un impianto di ben 100kw), solo che adesso ha altre persone, mi ha detto di risentirci tra un mese o due, quando usciranno le nuove schede

 

al di la di questo, io sono in realtà un esperto del settore ho gia incassato parecchio con il mining(instamining fatto in passato) che ho fatto in due anni dal 2013, se pensavi di parlare con un novellino, ti sei sbagliato

 

negli ultimi due mesi con le mie 4 schede ho già ottenuto un profitto di 600 euro al netto delle spese, pensa cosa avrei fatto con una farm

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Niuron: buon per te, qui in ita la situazione purtroppo è ben diversa. Perdonami però, il tuo amico te le farebbe mettere senza avere ritorno, ovvero non facendoti pagare:

 

 

  • housing
  • manutenzione (se si spegne qualcosa, sicuro che da remoto sia possibile sistemare? Non credo lavori gratis. Se gli dai una %, è come se pagassi più la corrente altrove. Sono sempre spese di impresa)
  • sicurezza
  • backup energetico
  • ovviamente fornitura di corrente al prezzo migliore d'europa
  • dissipazione termica
  • infrastruttura secondaria ed interconnessioni
  • linee internet dedicata e di backup
  • contatori progettati per l'impianto e certificati (a meno che non sia privato, ed auguri nel caso di incendi)

 

Sulla tua esperienza non mi sono espresso, va da sé che chi sia del settore certamente abbia un grado di conoscenza maggiore del normale. Per farti un semplice esempio, pagando qui la corrente 0.052eur/kwh (che incide solo del 29% sul costo finale), con un consumo di 4 KWh ed un impianto solare di 10KWp, si avrebbe un costo di corrente finale, stimato e lineare al 15% di efficienza (policristallino sui 20K+ euro di preventivo), di 0.143 eur/KWh. Presso un provider di corrente mediante fonti alternative, in housing), si arriva a cifre leggermente inferiori.

 

Il costo della materia energia purtroppo è fuorviante, e dipende purtroppo dalle accise e da oneri non ben specificati all'interno del sistema di distribuzione energetica di terna. Il trucco è solamente bilanciare la produzione con il carico. Ammesso che il tuo amico abbia 100KWp di solare con pannelli di tipologia policristallino, ci sarebbe una produzione annuale, lineare, di 131400KW, tali da mantenere un impianto da 15KWh di produzione (senza considerare perdita di resa dell'impianto o imprevisti atmosferici).

 

Attenzione però, la corrente di notte si paga, poiché per lo stoccaggio servirebbero ben 30 batterie tesla, per circa 90/120K euro di investimento. Da qui il monopolio italico di terna.

 

 

 

 

Torniamo a noi, ed al progetto Venus 2016.

 

Prossimo step boys: pascal.

 

Qualche sistemino per ora a sole 5 VGA, il fine sarebbe ovviamente salire a 6 ma in configurazione a doppio alimentatore. In questa configurazione sarebbe tecnicamente possibile salire a 7 per sistema, anche se la limitazione sarebbe prettamente dimensionale.

 

Appena si assembla il nuovo gioiellino in cantiere, qualche fotina.

 

Modelli in arrivo: vedi post successivo

 

Il fine è testare i singoli modelli per replicare sistemi scalabili, in serie.

Edited by Nikolaj

Share this post


Link to post
Share on other sites

lui non usa il sistema off grid ma on grid, con immissione in rete e riduzione della spesa energetica per le ore dove non avviene l'autoconsumo, per colpa del mancato immagazzinamento

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scartate al momento le founder (presenza di custom più interessanti, a maggior ragione considerando sia la presenza di custom dual slot, sia MSRP inferiori) e le gamerock (per via della mancata disponibilità dei rivenditori), i prossimi test saranno su:

 

products_id_242_2.jpg

 

e la signorina

 

products_id_239_2.jpg

 

 

Sto selezionando la migliore in ottica di scaling, meglio se dual slot.

 

Sarà analizzato il range termico ed il rapporto frequenza/volt.

 

Il fine dei due modelli è quantificare il delta % tra la migliore 1070 sul mercato e la più economica custom dual slot 1080 (che comunque stando ai risultati della rete si comporta alla pari di molti altri modelli più blasonati).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


×