Jump to content

IL moltiplicatore delle ram


samonosuke
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, girovagando un pò per i vari forum ho trovato dei post che mi hanno creato confusione e spero che voi possiate aiutarmi a dissolvere ogni dubbio. Ho una scheda madre con chipset p965 che dalla voce Dram Speed del bios mi permette d'impostare i divisori delle mie ram ddr2 800 a 667 (1:1) a 2:3 e a 4:5. Grazie proprio a questo forum mi è stato spiegato un pò il discorso dei divisori. Tuttavia girovagando per la rete ho letto di persone che impostano il moltiplicatore delle ram (chi a 2,1 chi a 2,2, eccc). Dunque clock ram = clock cpu * moltiplicatore.

Quindi se la cpu ha clock a 370MHz ed il molti è a 2,4 la ram va a 370*2,4=880MHz. Adesso però mi è sorto un dubbio. Questa voce del moltiplicatore ram è presente solo in deteminate schede madri (nella mia tale voce non c'era ma vi era quella della dram speed)oppure ho capito male?

inoltra moltiplicatore e divisore hanno la stessa funzione ma vengono chiamati diversamente in base alle opzioni del bios della scheda madre?

Spero in un chiarimento. Grazie

Link to comment
Share on other sites



in realtà spesso si scambiano i termini divisore e moltiplicatore ma in realtà la frequenza di bus è sempre inferiore o uguale a quella delle ram

la frequenza delle ram (quella che vedi in cpu-z) va poi moltiplicato per due per ottenere il valore a cui di solito ci si riferisce che è la frequenza ddr2

nel bios solitamente ci sono le frequenze ddr2 da impostare a cui corrisponde un certo moltiplicatore da considerare con fsb della cpu a default.

Sulle attuali schede madri il valore viene aggiornato con la frequenza finale a cui arrivi in oc ma non credo che questa funzione c'era già con il 965p

 

Per di più il comportamento del 965p è alquanto strano (o se vogliamo anomalo)

infatti dopo i 300 (o 400 ora non ricordo) di fsb cambia il moltiplicatore associato a una determinata voce che trovi nel bios

 

ecco un po' di letture su cui acculturarti :)

 

http://www.xtremehardware.com/forum/f15/chipset_intel_965_e_975_confronto_su_e6400-1659/

 

http://www.xtremehardware.com/forum/f15/ddr_ddr2_ddr3_sigle_frequenze_e_differenze-11034/

http://www.xtremehardware.com/forum/f15/guida_guida_ai_divisori_delle_ram_ddr1_e_ddr2_v1_05_a-4524/

 

http://www.xtremehardware.com/forum/f15/tutorial_guida_su_ram_ddr_ddr2_e_relativi_timings-749/

Link to comment
Share on other sites

Le085 ti ha detto praticamente tutto O0

 

Vorrei solo aggiungere, per fugare i tuoi ulteriori dibbi, che effettivamente alcuni costruttori come Asus utilizzano il sistema più efficace per rappresentare i divisori che concorreranno poi a quantificare la frequenza di funzionamento dei moduli, ritenendo come discriminante il Bus Speed (o anche, come lo intendi tu, Clock Speed).

 

In pratica quei divisori 1:1 o 2:3 etc. non andranno calcolati direttamente in riferimento alla velocità Double Data Rate dei moduli utilizzati

(il clock reale di questo tipo di moduli di memoria è in realtà dimezzato, come da seguente tabella)

 

[TABLE]bandwidth ------- velocità DDR ------- clock reale

PC2-4200 ---------- 533Mhz ---------- 266Mhz

PC2-5300 ---------- 667Mhz ---------- 333Mhz

PC2-6400 ---------- 800Mhz ---------- 400Mhz

PC2-8000 ---------- 1000Mhz --------- 500Mhz

PC2-8500 ---------- 1066Mhz --------- 533Mhz

PC2-9200 ---------- 1150Mhz --------- 575Mhz

PC2-9600 ---------- 1200Mhz --------- 600Mhz

PC2-10000 --------- 1300Mhz --------- 650Mhz[/TABLE]ma sempre in diretta relazione alla specifica velocità del Bus Speed, parametro da cui derivano tutti i calcoli.

 

 

Nell'esempio che portavi prima un 2:3 in riferimento ad un Bus Speed di 333Mhz, produrrà un clock di memoria di 500Mhz (333:2*3); tale valore andrà poi moltiplicato * 2, in virtù del meccanismo di funzionamento tipico DDR, e diventerà 1000Mhz cioè corrispondente ad un modulo DDR2 con bandwidth PC-8000.

 

 

Altri costruttori, come DFI o Abit ad esempio, utilizzano invece il sistema del moltiplicatore, ritenendo come discriminante il valore DDR della memoria.

Metodo questo, in effetti, più diretto al risultato, ma che fa sfuggire lasciando in secondo piano, imho, i riferimenti dai quali viene precedentemente ottenuto.

 

Cosa fa DFI? Semplicemente ingloba direttamente nel meccanismo di trasformazione il fattore di moltiplicazione 2 tipico del DDR, portando di fatto tale meccanismo a diventare realmente un moltiplicatore.

 

Nell'esempio precedente, in cui si è giunti tramite un FSB a 333Mhz a raggiungere un valore di frequenza di memoria DDR di 1000Mhz (sappiamo in realtà che il clock reale è 500Mhz), DFI ed altri indicano nei loro bios l'opzione 3.1 o anche direttamente 333/1000

 

:)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Create New...