Jump to content

Gaetano77

Members
  • Posts

    312
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    16

Gaetano77 last won the day on December 28 2020

Gaetano77 had the most liked content!

About Gaetano77

  • Birthday 12/30/1976

Computer Desktop

  • Scheda Madre
    Asus P4P800 Deluxe
  • Processore
    Intel Pentium 4 3.40E socket 478
  • Ram
    2 Gb G.Skill DDR400
  • Scheda Video
    AMD Sapphire HD4650 AGP 1 Gb

Notebook

  • Notebook
    HP 15-AC617NL (Core I5 6200U 2.3 Ghz, 8 Gb DDR3, VGA AMD R5 M330)

Biography

  • Città
    Napoli

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

Gaetano77's Achievements

Newbie

Newbie (1/14)

38

Reputation

  1. Molto interessanti questi bench sul Pentium 4 2.8 ghz socket 478! Il punteggio della CPU è abbastanza in linea con quelli che ho trovato un paio d'anni fa sui miei P4 socket 478 e che avevo pubblicato a pag. 32 di questo thread (Punteggio-P4 — ImgBB (ibb.co)) utilizzando come schede madri la Asus P4P800 e la Asrock P4i65G Diciamo che montando un P4 3.4 Ghz, avresti un boost prestazionale di circa il 25% e arriveresti ad un punteggio in Windows 7 intorno a 4.4 Sarebbe interessante vedere cosa succede al 3DMark 2001 utilizzando una scheda AGP più moderna, come ad esempio la mia Sapphire HD4650 in firma Per quanto riguarda la quantità di memoria, questa non dovrebbe influire più di tanto sui bench perchè all'epoca dei P4 1 Gb era ancora lo standard sulla maggior parte dei PC
  2. Si in effetti in quegli anni Asrock e Biostar producevano diverse motherboard "ibride", cioè con chipset più moderni (in questo caso l'Intel i945GC) ma riadattando il vecchio socket 478. Leggendo i post su alcuni forum dell'epoca, sembra che questo genere di motherboard consentisse di ottenere performance molto interessanti nel 3dMark e in genere nei giochi siccome c'era la possibilità di montare schede video più moderne e performanti, mentre negli altri ambiti le prestazioni erano più o meno le stesse delle classiche schede socket 478, come la mia Asus P4P800 Mah sinceramente mi sembra strano che un Quad Core socket 775 abbia già dei problemi di lentezza in ambito di navigazione web anche se indubbiamente è vero che lo sviluppo del software e dei sistemi operativi si è molto accelerato negli ultimi tempi. Personalmente utilizzo per navigare su internet (oltre al P4 socket 478 in firma) un vecchio notebook Acer Aspire 5735Z con CPU Intel Pentium T3400 (che successivamente ho sostituito con un Core 2 Duo T7700 da 2.4 Ghz), 3 Gb di memoria DDR2 e Windows 8.1 come sistema operativo; mentre il P4 effettivamente sta diventando via via sempre più lento nel caricare le pagine web invece questo notebook lo trovo decisamente scattante e non molto diverso dai PC moderni. Come browser consiglio Microsoft Edge, che nelle ultime versioni è passato ad utilizzare Chromium come motore di rendering ed è diventato molto leggero e scattante
  3. Auguri di Buon Natale a tutto il thread sui retro-PC anche da parte mia! Complimenti per la modifica al chip RTC della Pcchips M549...veramente un ottimo lavoro! Diciamo che se non ti compare più all'avvio un messaggio del tipo CMOS Checksum error (o altri messaggi similari), ci sono ottime possibilità che il problema si sia risolto, cioè che la memoria CMOS riesca a conservare le impostazioni dell'orologio e le modifiche apportate alla configurazione del BIOS. Anche sulla mia DFI G586IPC socket 7 (chipset Intel i430HX) di cui ho parlato diffusamente nei post scorsi, c'era lo stesso problema e avevo pensato inizialmente a fare una modifica simile al chip RTC, ma poi ho preferito acquistarne uno nuovo visto il costo molto esiguo. Comunque facendo una ricerca sul web, ho trovato che anche il VIA VT82885N della tua scheda madre si può acquistare nuovo su alcuni siti di vendita cinesi, come per esempio Aliexpress: via vt82885n - Acquista via vt82885n con spedizione gratuita su AliExpress version Il prezzo è veramente bassissimo, circa 11.50$ soltanto per un lotto di 10 unità (compresa spedizione). Per quanto riguarda le altre 2 mobo con Pentium 4, molto probabilmente il messaggio che ti compare all'avvio (CMOS Checksum error - Defaults loaded) è dovuto anche in quel caso alle batterie tampone scariche, che però sono delle comunissime CR2032 Ultimamente ho avuto poco tempo per fare test sui retro-PC, comunque prossimamente proverò a montare il K6-166 sulla DFI G586IPC e vedere se viene riconosciuto (ufficialmente sono supportate solo le CPU AMD fino al K5)
  4. Ecco altri benchmark sulla DFI G586IPC con Pentium 233 MMX: - SiSoft Sandra 2007 - Aritmetica CPU 281 MIps, 227 MFlops Il punteggio è molto simile a quello che avevo trovato con il Pentium MMX [email protected] Mhz sulla SY-5BT in firma (281 MIps, 218 MFlops) Come si vede dal database del programma, il punteggio in virgola mobile è simile a quello del Pentium Pro 200 Mhz, mentre nei calcoli interi siamo a circa la metà, nonostante la frequenza di 33 Mhz più alta. Questo ci fa capire ancora una volta le elevatissime prestazioni che aveva l'architettura del Pentium Pro! - SiSoft Sandra 2007 - Cache&Memory Qui sono rimasto davvero sorpreso dai risultati, infatti vediamo che le performance di questo chipset sono migliori di quelle dei chipset Intel 430TX, 430VX e addirittura anche del VIA MVP3 con K6-2 500 nel caso particolare di blocchi di piccolissime dimensioni (2Kb e 4Kb)!! - SiSoft Sandra 2007 - Memory bandwith Integer 89 MB/sec., Floating 92 MB/sec. Qui vediamo invece che la velocità delle memorie nel trasferimento di dati decimali (Floating) è decisamente più bassa (circa il 35%) rispetto alla configurazione di riferimento del database (chipset Intel 430HX con Pentium MMX e memorie EDO 60 ns) probabilmente perchè nel mio caso ci sono anche i moduli FPM che rallentano tutto - SuperPI 1.5/XS 1M 10 min. 59 sec. Il tempo nel SuperPI 1 Mb è anch'esso abbastanza deludente infatti risulta di circa 1 minuto e mezzo superiore a quello che avevo trovato con il Pentium MMX [email protected] Mhz sulla SY-5BT e con il Pentium MMX 233 (cioè la stessa CPU di adesso) sulla Tyan S1573. Anche qui penso che la colpa sia dei moduli FPM montati insieme a quelli EDO Nei prossimi giorni pubblicherò altri test reali sui tempi di avvio ed esecuzione di programmi
  5. Ecco i primi test e benchmark sulla DFI G586IPC con il Pentium 233 MMX: Per chi non avesse letto i post precedenti, riporto in dettaglio la configurazione hardware: - CPU Intel Pentium MMX 233 Mhz (SL27S) - MoBo DFI G586IPC (alias Crusader C586HX) socket 7, chipset Intel i430HX - RAM 96 Mb SIMM 72-pin (2x16 Mb EDO + 2x32 Mb FPM) - VGA S3 Virge/DX 4Mb PCI - HDD Samsung SV0644A 6.4 Gb ATA-33 - LAN D-Link DGE-528T PCI 10/100/1000 Mbps - AUDIO Creative Sound Blaster SB16 ISA - OS Windows XP RTM Analogamente a quanto fatto per gli altri benchmark che ho pubblicato nel thread, anche qui ho disabilitato il servizio di indicizzazione, il ripristino configurazione di sistema e gli aggiornamenti automatici Con queste impostazioni il sistema operativo impegna circa 65 Mb all'avvio, valore molto simile a quello del PC-old in firma: Come accade per le altre configurazioni socket 7, vediamo che anche qui la CPU è caricata costantemente al 5% circa, anche senza altri programmi in esecuzione, in quanto la visualizzazione dei grafici animati del Task Manager richiede una potenza di elaborazione non trascurabile - Tempo di avvio Windows XP: 47 sec. (parziale), 1 min. 00 sec. (totale) Il tempo di avvio è stato misurato dal momento in cui l'hard disk inizia a caricare i file del sistema operativo, quindi escludendo la fase preliminare di POST; il tempo di avvio parziale è quello fino a quando compare il desktop con le icone, mentre quello totale indica il caricamento completo, cioè fino a che compare l'icona di rete dsconnessa nell'area di notifica. Si tratta di tempi molto bassi grazie all'hard disk Samsung decisamente veloce; installando una quantità di memoria maggiore (almeno 128 Mb) probabilmente il sistema potrebbe reggere discretamente anche i Service Pack di XP. - Benchmark CPU-Z (modalità provvisoria): ST 7, MT 7 Sono rimasto un po deluso da questi risultati, infatti la stessa CPU raggiungeva 8 punti in ST con Windows 98SE; forse qui si risente l'effetto negativo della scarsa quantità di RAM siccome ho notato che il benchmark ci impiega davvero molto tempo per completarsi e l'hard disk frulla in continuazione. Per avere risultati ottimali con Windows XP, ci vrrebbero almeno 128 Mb di memoria, ma purtroppo non dispongo di moduli SIMM più grandi ? - BMX 4.1 CPU Benchmark: Qui invece i punteggi sono gli stessi che avevo trovato con Windows 98 - BMX 4.1 Video Benchmark: Il risultato della S3 Virge (7 punti) nel test della galleria mi ha sorpreso considerando che si tratta di una scheda video PCI del 1996, quindi veramente molto vecchia. La S3 Trio64V2/DX in firma ottiene soltanto 1 punto, siccome non supporta la grafica 3D - BMX 4.1 Hdd Benchmark: Come avevo accennato prima, questo hard disk è davvero velocissimo con 11 Mb/sec. in lettura; si tratta di un valore notevole per gli standard dell'epoca, infatti nel database di BMX vediamo che anche il Raid0 di 2 Quantum Fireball ATA-100 da 30 Gb (modello di fascia alta di fine anni '90) non va oltre i 24 Mb/sec. in lettura ed è addirittura un po più lento in scrittura. Con il benchmark di HdTune avevo ottenuto gli stessi risultati: Purtroppo il disco non è più molto affidabile in quanto da alcuni mesi sono comparsi alcuni settori difettosi ? altrimenti l'avrei montato già sul PC-old in firma con la Soyo SY-5BT! - Everest v2.20 - Lettura in memoria: 188 Mb/sec. Anche in Windows XP valore sorprendente per la velocità di lettura in memoria considerando che sono montati moduli SIMM notoriamente molto lenti; praticamente siamo allo stesso livello della famosa ASUS TX97-E con memorie SDRAM PC66. - Everest v2.20 - Latenza memoria: Anche in questo caso ottimi punteggi tenendo presente il tipo di memorie. Nei prossimi giorni altri test e benchmark con Sandra 2007 e SuperPI
  6. Si confermo lo standard video MPEG-2 è proprio quello utilizzato nei DVD-VIDEO: https://it.wikipedia.org/wiki/MPEG-2 Per quanto riguarda la ATI Rage XL, avevo pensato in effetti anch'io di acquistarla nuova per fare test su vecchi sistemi, siccome si trovano ancora molti fondi di magazzino in vendita a prezzi intorno 15€. Ovviamente le prestazioni in ambito 3D e multimediale sono molto scadenti, quindi non è particolarmente adatta per il retrogaming nè per la visione di film DVD. Comunque i Pentium III con frequenza > 700 Mhz dovrebbero già riuscire di per se a decodificare i file video MPEG-2 (ovviamente utilizzando i software di riproduzione dell'epoca) quindi forse non c'è neanche bisogno di una scheda video dedicata Molto interessanti questi benchmark! Il Pentium III 1.4 Ghz Tualatin si conferma sempre un'eccellente CPU e in questi test di CPU-Z raggiunge un punteggio che è addirittura solo il 20% inferiore al Pentium 4 HT 2.6 Ghz che ho testato a pag. 30; diciamo che più o meno equivale ad un ipotetico Pentium 4 HT 2.2 Ghz, ma ha una frequenza di 800 Mhz in meno e non supporta la tecnologia Hyper-Threading Veramente un risultato sorprendente! Come già detto, si potrebbe ancora utilizzare per attività basilari internet/office se supportasse le istruzioni SSE2 Però non mi spiego perchè sulla Asus TUSL-2 i risultati nel Multi-Threading sono molto più scarsi rispetto a quelli ottenuti con la Abit SA6 specialmente considerando che il chipset è lo stesso, cioè l'Intel i815...mah! Entro la giornata di domani dovrei riuscire a pubblicare i primi test e benchmark sulla DFI G586IPC con Windows XP RTM
  7. Si confermo ...su questo sito è riportata la piedinatura del connettore USB 2.0 (dovrebbe essere lo stessa anche per quello USB 1.1) con i colori standard dei fili: https://www.thesoundmaster.it/pinouts/usb.php Quindi i fili effettivi sono sempre 4 e l'eventuale 2° filo è una massa aggiuntiva. Comunque ho provato sulla DFI socket 7 il pannello delle porte USB che prima era montato sulla SY-5BT in firma e ho notato che si manifesta sempre lo stesso difetto cioè soltanto una delle 2 porte USB è funzionante, quindi sicuramente c'è qualche problema sul connettore maschio a 9-pin della scheda madre. Riguardo la tua VGA ATI Rage 128, non ho ben capito perchè dici che supporta la decodifica MPEG-2 e non quella dei DVD Cioè non è la stessa cosa? Molto interessante...non conoscevo proprio questa marca di schede madri! Ma per caso si tratta del clone di qualche marchio famoso...per esempio Asus, Abit, ecc? Comunque tieni presente che Windows 98SE già supporta il boot da CD-ROM, a differenza della prima versione del sistema operativo, dove serve necessariamente il floppy di avvio Per quanto riguarda quest'altra scheda video (ATI Rage 3D IIC), sul sito AMD in effetti si trovano solo i deriver per Windows ME/98: https://www.amd.com/en/support/graphics/legacy-graphics/ati-rage-series/ati-rage-iic Però magari potrebbero funzionare anche in XP tramite l'opzione di compatibilità.
  8. ***** Comunicazione per gli utenti del Forum ***** Salve a tutti! Poichè sono trascorsi ormai 4 anni dall'apertura di questa discussione sui retro-PC e considerando anche la notevole rapidità con cui vengono lanciati nuovi componenti in ambito hardware, ho deciso di aggiornare la descrizione del thread in prima pagina Più precisamente da oggi si potrà discutere di tutti i computer che risalgono agli anni fino al 2008-2009, quindi anche delle CPU multi-core basate su socket Intel 775 (Core 2 Duo, Core 2 Quad, ecc.), socket AMD 939/940 (Athlon X2 e Opteron) e AM2/AM2+ (Athlon dual-core K10 e Phenom X3/X4). Ovviamente continuano sempre a NON essere ammessi messaggi di compravendita hardware, per cui esiste l'apposita sezione Mercatino del Forum
  9. In effetti questo chipset non supporta neanche i Pentium D, che già potrebbero migliorare un po la potenza di calcolo... Comunque i Pentium 4 HT, specie i modelli ad alta frequenza (>3 Ghz), possono essere ancora utilizzati per attività basilari di tipo internet/office, anche se ormai iniziano ad arrancare anche in quest'ambito (a differenza di ciò che accadeva fino a 3-4 anni fa) e nella navigazione web si avverte la lentezza rispetto ad una CPU multi-core Per quanto riguarda lo streaming video, è possibile vedere in maniera fluida solo filmati a bassa risoluzione (fino a 240p/360p) con le schede video dell'epoca, mentre utilizzando una VGA più recente (come la Sapphire HD4650 AGP in firma) si possono vedere anche quelli a 480p e alcuni a [email protected] fps A parte le prestazioni, un grosso limite di queste vecchie macchine è il notevole calore prodotto, infatti il mio PC in firma assomiglia più ad una stufetta e in inverno aiuta a riscaldare la stanza
  10. Ottimo lavoro....complimenti per la resurrezione! La Tusl2-C è una delle migliori mobo per socket 370, infatti se vedi su Hwbot, la maggior parte degli overclock estremi sono stati realizzati proprio con questa scheda: https://hwbot.org/benchmark/cpu_frequency/rankings?hardwareTypeId=processor_1024&cores=1#start=0#interval=20 Al primo posto della classifica c'è un utente che è riuscito a portare un Tualatin 1.4 Ghz come il tuo addirittura fino a 2493 Mhz utilizzando l'azoto liquido (LN2) come metodo di raffreddamento. Con i dissipatori ad aria dovrebbe essere possibile comunque toccare frequenze nell'ordine dei 1800 Mhz
  11. Benvenuto nel Forum sui retro-PC anche da parte mia!? Complimenti per gli overclock in firma! I Pentium III sono davvero ottime CPU...peccato che non supportino le isruzioni SSE2, altrimenti si potrebbero utilizzare ancora attualmente con i software moderni per attività basilari in ambito internet/office Sul mio Pentium 4 in firma ho toccato i 4.2 Ghz in overclock con il dissipatore standard Intel, ma qui a casa ho anche un Big Typhoon dellaThermaltake, che dovrei montare entro l'estate, quando avrò finito i benchmark sulla DFI G586IPC socket 7, di cui ho parlato nei post precedenti. Con questo dissi modificato spero di arrivare fin verso i 4.5 Ghz Bene bene...quasi non mi ricordavo più di aver scritto quei messaggi sul Forum di Hwupgrade nel 2016! ? La situazione però lì era diversa, infatti il pannello USB dell'utente arcofreccia aveva il connettore un'unica fila di 4 pin femmina, quindi si poteva inserire in più modi sul connettore maschio della mobo, invece il mio connettore è questo: Cioè ha già 2 file di pin femmina (una da 4 pin e l'altra da 5 pin) per cui combacia perfettamente con il connettore sulla mobo e non c'è possibilità di sbagliarsi ad inserirlo Perciò non mi spiego questo problema forse potrebbe dipendere dal pannello USB proprio difettoso oppure da qualche pin non collegato sulla scheda madre Nei prossimi giorni ho intenzione di fare la prova con il pannello USB della SY-5BT, che di per se funziona perfettamente....
  12. Grazie come sempre per i complimenti! Avevo pensato anch'io ad utilizzare programmi di partizionamento come Partition Magic, ma non so se siano in grado di rendere avviabile una partizione NTFS logica che normalmente non lo è qiundi forse è meglio lasciare tutto così ed evitare di fare danni, anche perchè già c'è voluto moltissimo tempo per riuscire ad installare XP su questa mobo! Sarebbe interessante destinare la partizione da 350 Mb ad uso DOS ma in ogni caso dovrebbero rimanerci tutti quei file di avvio che si vedono nello screenshot, in quanto sono assolutamente necessari per far partire XP Comunque ieri sulla DFI ho anche collegato un pannello con 2 porte USB, anche se stranamente ne funziona soltanto una di queste: yes png Ho provato quindi la mia pennetta USB Sandisk da 128 Gb USB 3.0 che viene riconosciuta perfettamente, anche se il trasferimento dati è sempre molto rallentato dal fatto che la mobo supporta soltanto lo standard USB 1.1 (circa 1 Mbyte/sec. effettivi) Per quanto riguarda il benchmark sulle RAM, in effetti ti ricordi bene in Windows 98/SE avevo ottenuto valori molto interessanti per dei moduli SIMM, intorno ai 200 Mbyte/sec. A breve pubblicherò i primi test e benchmark anche in Windows XP
  13. Mah...diciamo che il punteggio nel benchmark grafico di Windows 7, i valori del Bandwith e del Pixel/Texture Fillrate sono molto importanti soprattutto in ottica di utilizzo retrogaming mentre se si vuole utilizzare la scheda video per lo streaming su internet, è essenziale che questa supporti la decodifica hardware per i codec video attuali, cioè H.264 e WebM VP9, altrimenti tutto il lavoro vene svolto dalla CPU. La decodifica WebM è supportata soltanto dalle schede video molto recenti (dal 2016-2017 in poi) mentre il codec H.264 (cioè una variante dell'MP4) viene gestito già a partire dalle VGA del 2008-2009, in particolare la GeForce GT8400 (motore Nvidia PureVideo) e dalle Radeon serie HD2xxx (motore AMD UVD), anche se mi sembra che soltanto a partire dalla serie HD4xxx quest'accelerazione hardware riguarda anche per i filmati in streaming e non solo per quelli riprodotti in locale. Quindi per esempio una scheda video AGP di fascia allta del 2004-2005 come la ATI Radeon 9800 XT in definitiva non riesce ad accelerare nessun tipo di video in streaming al giorno d'oggi, anche se magari raggiunge valori interessanti di Pixel Fillrate (3.30 Gpixel/sec.), Texture Fillrate (3.30 Gtexel/sec.) e Bandwith (23.36 Gb/sec.), come possiamo vedere qui: https://www.techpowerup.com/gpu-specs/radeon-9800-xt.c4 Per quanto riguarda le schede video PCI-Express 2.0, queste dovrebbero andare bene anche sulle mobo con slot PCI-Express 1.0 anche se non ho mai sperimentato direttamente la cosa Ovviamente le prestazioni saranno ridotte perchè la scheda madre fa da collo di bottiglia... Quando avrò finito i benchmark sulla DFI G586IPC, mi dedicherò di nuovo al PC Pentium 4 e farò qualche 3DMark sulla HD4650 AGP
  14. Molto interessante questo link! Effettivamente potrebbe trattarsi di un'incompatibilità della versione originaria di XP con le partizioni DOS FAT16 e FAT32, siccome con i Service Pack sono stati corretti diversi tipi di bug. Confermo che è molto consigliabile abilitare SmartDrive durante l'installazione, come specificato in quel forum, altrimenti la copia della cartella I386 sull'hard disk diventa lentissima arrivando ad impiegare addirittura alcune ore!! Comunque alla fine ho risolto sono riuscito ad installare Windows XP RTM sulla DFI G586IPC con Pentium 233 MMX e 96 Mb di memoria! Dopo aver installato Windows 98SE, ho fatto partire dall'interno di questo sistema operativo il CD d'installazione di XP, che ha copiato automaticamente sull'hard disk una parte dei file di installazione, quindi il PC si è riavviato sempre dall'hard disk ed è iniziata la procedura d'installazione vera e propria. Questa volta il contratto di licenza Microsoft è comparso regolarmente e non c'è stato nessun errore! Purtroppo in questo modo è rimasto il dual boot Windows 98SE/Windows XP e anche la partizione originaria FAT16 da 350 Mb (che avevo creato con fdisk), come vediamo da Gestione Disco: Per quanto riguarda il dual boot, questo si potrebbe facilmente eliminare modificando il file boot.ini, mentre purtroppo la partizione FAT16 non si può assolutamente eliminare nè formattare siccome è proprio quella primaria di sistema (infatti le è stata assegnata la lettera C:\ ) e contiene tutti i file di avvio: Invece la partizione NTFS dov'è installato Windows XP, è di tipo logico e di per sè non consentirebbe il boot. In pratica XP si avvia tramite questa partizione FAT16 in cui è installato Windows 98SE Per fortuna l'hard disk Samsung SV0644A è relativamente grande (6.4 Gb) quindi rimane ancora parecchio spazio a disposizione, anche senza quei 350 Mb... Le prime impressioni di utilizzo sono molto positive infatti il PC è decisamente più scattante di quello old in firma con K6-166 nell'avvio e nell'apertura di file e cartelle, ma questo è merito soprattutto del disco Samsung molto veloce per l'epoca (nei test con HdTune raggiunge gli 11 Mb/sec. in lettura sequenziale), anche se mi sarei aspettato che l 96 Mb di memoria SIMM avessero un effetto più negativo sulle prestazioni. Probabilmente questa scheda madre beneficia anche del fatto che tutta la mamoria è cacheable, a differenza della SY-5BT con chipset Intel i430TX Se però si avviano software più pesanti o si prova ad andare su internet con Firefox 12, allora la poca memoria si satura subito e la macchina si impalla completamente, con l'hd che inizia a frullare in continuazione Nei prossimi giorni farò test più precisi e poi i soliti benchmark con CPU-Z, Sandra e SuperPI
  15. Grazie per i complimenti! Questo nuovo alimentatore è davvero ottimo, anche considerando il fatto che mi è costato molto poco (solo 45€ compresa spedizione dalla Cina) Negli ultimi giorni l'ho utilizzato per rimettere in funzione la DFI G586IPC, su cui sto cercando sempre di installare Windows XP RTM Siccome la scheda madre non consente il boot dal CD d'installazione (probabilmente per incompatibilità del BIOS ), ho provato un metodo alternativo tramite MS-DOS com'è spiegato in questa guida: http://www.pc-underground.it/index.php?option=com_content&view=article&id=19:installare-windows-xp-da-dos&catid=10&Itemid=102 In pratica bisogna avviare MS-DOS con supporto CD (allo scopo va bene anche il floppy di ripristino di Windows 98), poi abilitare Smartdrive per velocizzare le operazioni di copia, quindi copiare tutti i i file della cartella I386 dal CD di Windows XP sull'hard disk e infine avviare l'eseguibile winnt, per far partire l'installazione vera e propria Nel mio caso inizialmente la procedura sembra funzionare bene e il PC si riavvia per continuare lìinstallazione dall'hard disk, ma poi improvvisamente compare questa schermata di errore: Il programma d'installazione cioè non riesce a trovare il contratto di licenza Microsoft La cosa mi sembra molto strana siccome il CD è quello originale (il file EULA.txt è regolarmente presente nella cartella I386) e in tanti anni non mi aveva dato mai problemi nell'installazione "canonica"...mah! A questo punto penso che l'unica soluzione sia quella di installare prima Windows 98SE e poi da qui far partire il CD di Windows XP Riguardo il tuo Pentium Pro 200, si conferma sempre l'ottima architettura di questa CPU soprattutto per la cache L2 che funziona a piena velocità, soluzione tecnologica all'epoca proprio futuristica! Sarebbe interessante vedere le prestazioni in overclock infatti su Hwbot ho notato che a 250 Mhz il Pentium Pro impiega solo 6 minuti e mezzo circa al SuperPI 1M , valore proprio notevole più o meno paragonabile ad un Pentium II 333 Mhz
×
×
  • Create New...