• Air
  • Posted
  • Hits: 13625

Recensione OCZ Tempest

Tags: dissipatoridissipatorecpuocztempestRecensione OCZ Tempest

Recensione OCZ Tempest

In quest'ultimo anno OCZ Technology Group, famosa per la produzione di memorie di alto livello, ha deciso di dedicarsi anche alla produzione di una nuova linea di dissipatori.Quello che vi andiamo a mostrare oggi è L' OCZ Tempest,un nuovo dissipatore munito di heat pipe per Socket AMD 939/940/AM2 e Intel 775/478.

La scatola si presenta molto semplice e mette in mostra subito il nuovo acquisto.

Image

La confezione comprende tutto il necessario per il montaggio:

  • il bellissimo OCZ Tempest;

  • Base per il fissaggio della ventola;

  • Ventola con Led Blue da 92mm;

  • 1 base per socket 775;

  • 1 base per socket 478;

  • 1 base per socket 939/940;

  • 1 base per socket AM2;

  • 1 bustina di pasta termica;

  • 2 molle per il fissaggio;

  • Varie viti e rondelle;

  • istruzioni;

Image

L'OCZ Tempest è costruito con la base e le heat pipe in pure rame, mentre le alette di dissipazione sono fatte d'alluminio. Il suo peso è di circa 580 grammi e "monta" una ventola da 92 mm, che viene fissata tramite una base al corpo del Tempest.

Image

Vediamo andesso in particolare il dissipatore e le specifiche della ventola.


L' OCZ Tempest utilizza 4 heat pipe in puro rame per trasportare più velocemente il calore prodotto dalla CPU verso la parte alta del dissipatore, dove c'è la ventola da 92mm.

Image

Image

Image

Le specifiche della ventola sono:

  • Dimensions: 95.25 x 87.62 x 51.24 mm;

  • Fan specs: low-noise, 2500RPM +/-10%, 44.0 CFM;

  • 2-ball bearing, 3-pin connector;

  • Blue LEDs;

Image


La procedura di montaggio è molto semplice e veloce ma richiede che si smonti la scheda madre dal case per poter inserire la base di sostegno.Quella che seguono adesso sono le varie fasi di montaggio del dissipatore su una Asus P5W DH con socket  775.

Per prima cosa bisogna montare la base di sostegno. All'interno della confezione troviamo varie basi specifiche per ogni tipo di socket, che permettono di utilizzare OCZ Tempest con qualsiasi scheda madre in commercio.

Image

Il passo successivo consiste nel montare due staffe che costituiscono il punto di ancoraggio del dissipatore alla scheda madre.

Image

Adesso non ci resta che montare il dissipatore utilizzando le due viti fissaggio.In combinazione delle viti vengono utilizzate due molle che servoro a distribuire meglio la forza applicata sullsocket dal dissipatore.

Image

Image


Una volta fissato il dissipatore alla scheda madre non ci resta che  montare la ventola. Per prima cosa bisogna fissare quest'ultima alla base di supporto e poi agganciarla al corpo del dissipatore.

Image

Image

Image

Finalmente il nostro OCZ Tempest è montato e pronto per rinfrescare la nostra CPU.

Ecco alcune foto in particolare.

Image

Image

Image


Configurazione e test:

  • Intel Core 2 Duo E6400;

  • Asus P5W DH;

  • 2x1GBSamung DDR2 533;

  • Nvidia 7900gt;

  • TEMPERATURA AMBIENTE 27°.

Rilevazione temperature con E6400@default:

Image

Image

Rilevazione temperature con E6400@3100:

Image

Image

La frequenza massima raggiunta con l'OCZ Tempest è stata di 3200Mhz con vcore a 1.216v mentre con il dissipatore stock di intel la frequenza massima è stata 3100Mhz.I test in Full sono stati eseguiti lasciando in esecuzione il programma Orthos per 3 ore .


Conclusioni:

Prestazioni: Image

Rapporto qualità prezzo: Image

Giudizio complessivo: Image

Image

L'OCZ Tempest si è dimostrato un buon dissipatore in grado di soddisfare sia il segmento gamer sia il segmento enthusiast, offrendo ottime prestazioni senza trascurare il silenzio che grazia alle dimensioni della ventola 92mm non è mai fastidioso. Anche gli amanti del modding certamente apprezzeranno questo dissipatore che grazie ai 4 led presenti nel corpo della ventola,  attirerà sicuramente, l'attenzione all'interno del case finestrato.

Si ringrazia OCZ per averci fonito il sample in esame.

Marco Cimino.

Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.