• SSD
  • Posted
  • Hits: 2660

Toshiba OCZ RD400 PCIe NVMe 512GB

Toshiba OCZ RD400 8

Dopo la lenta acquisizione di OCZ da parte di Toshiba abbiamo assistito anche alla lenta metamorfosi dei prodotti del brand californiano con il sapiente Know How di Toshiba. Infatti in questi ultimi due anni abbiamo assistito alla commercializzazione di una vasta gamma di SSD per ogni tipologia di utilizzo e fascia, ognuna caratterizzata da determinate caratteristiche tecniche. L’ultima serie di SSD che ha subito la ‘’trasformazione’’ completa in corso di opera è stata quella relativa al TRION 150. Oggi però vogliamo puntare l’attenzione sull’ultimo “gioiellino” presentato da Toshiba/OCZ. Stiamo parlando del modello RD400 NVMe da 512GB con interfaccia PCI-Express. Procediamo con la recensione per vedere un po' tutte le nuove caratteristiche nonché le prestazioni ottenibili grazie alla nuova generazione di SSD dotata di tecnologia NVMe.

OCZ Technology Group nasce nell'agosto 2002 con base operativa a San José in California. L'azienda si fece subito apprezzare soprattutto dagli overclockers grazie alla qualità delle sue memorie RAM. Forte di una leadership ormai collaudata non si è tirata indietro con l'avvento delle memorie DDR3 ed è stato il primo produttore al mondo a divulgare le memorie RAM DDR3 per sistemi con tecnologia Intel XMP. Il successo riscontrato con i moduli di memoria RAM si è ripetuto anche per gli alimentatori, infatti gli alimentatori della serie Z sono stati i primi a ricevere la certificazione 80 Plus Gold ovvero, dopo la categoria Platinum di recente introduzione, la migliore sul mercato.

ocz logo new

L'11 gennaio 2011, tramite un comunicato ufficiale, l'azienda dichiara l'abbandono definitivo del mercato delle memorie RAM per dedicarsi al mercato SSD. Il motivo di tale abbandono è dovuto all'immediata imposizione da parte di OCZ nel settore delle periferiche di archiviazione di massa ad alta velocità grazie ad un vasto range di SSD che include drive SATA II, SATA III, SAS, PCIe e recentemente anche HSDL, un'interfaccia ibrida PCIe/SAS velocissima. L’acquisizione di Indilinx, rappresenta un’altra pietra miliare che segna i grandi progressi di OCZ in questo settore.

Toshiba OCZ Slide 1

A seguire, nel 2014 OCZ viene completamente assorbita da Toshiba e da lì grazie al Know-how di quest’ultima si apre un nuovo cammino che porterà OCZ a introdurre sul mercato alcuni dei migliori SSD.

Prev
Next »