Recensione MSI P45 Neo3

Recensione MSI P45 Neo3

Dai laboratori Intel, dopo il chipset P35, hanno visto la luce l’x38 e l’x48, fino ad arrivare all'attuale evoluzione dell P35 che è stato chiamato P45. Il primo sample di motherboard montante P45 che abbiamo potuto testare ci è stato gentilmente fornito dalla MSI, ormai entrata di diritto nelle grandi dell’IT.

Questo è il grafico fornito da Intel per riassumere le caratteristiche del loro ultimo prodotto.
p45_blockdiagram.gif




In occasione del Cebit 2008, MSI ha presentato le schede che utilizzeranno il chipset “Eaglelake”, annunciando l’uscita di sei modelli che andranno a ricoprire diverse fascie di prezzo e funzionalità oltre che a dividersi il supporto per ddr2 e ddr3.
Le schede prodotte saranno le seguenti:


• P45 Diamond
• P45 Neo
• P45 Neo2
P45 Neo3
• P45 Platinum
• P45D3 Platinum


MSI, che non smette mai di stupirci per quanto riguarda le innovazioni, sta inoltre lavorando ad un prototipo da ben 8 slot di memoria, 4 slots ddr2 e 4 ddr3, anche se al momento non possiamo darvi maggiori informazioni in merito è da apprezzare la continua ricerca di soluzioni evolutive.
Il P45 dovrebbe andare a sostituire il chipset x38 con in più il supporto ufficiale del bus a 1600Mhz e il Pci-e 2.0.
Un’altra innovazione che MSI ha anticipato è l’utilizzo sulle proprie schede di un nuovo sistema chiamato EFI, questo sistema, che è già stato utilizzato sui server Itanium e sugli ultimi Mac basati su sistemi Intel, è un Bios molto particolare, con interfaccia grafica a colori e con la capacità di poter far girare alcune utility senza necessità di aver installato sistemi operativi. Strumento che potrebbe essere molto utile per tool di partizionamento, sicurezza ecc…

Scatola MSI

Il sample in nostro possesso è una MSI P45 Neo3 facente parte delle schede dedicate al supporto ddr2.
Andremo ora a vederla in dettaglio, effettuando alcuni test e fornendo più informazioni possibile sulle potenzialità di questo connubio MSI/Intel, tenendo però sempre presente che, come tutte le novità, ci potremo trovare di fronte a problemi iniziali risolvibili successivamente, quindi i test vanno presi con la dovuta cautela.

Prev
Next »