MSI 990FXA-GD65, una ottima scheda madre AM3+ in attesa di Bulldozer

MSI_990FXA-GD65_ATX_AM3_990FX_DDR3La MSI 990FXA-GD65 si propone come scheda madre di fascia alta per CPU AMD AM3+, compatibile quindi con le imminenti CPU AMD Bulldozer. Equipaggiata con il nuovo chipset AMD 990FX, dispone di caratteristiche molto interessanti, che analizzeremo nel corso di questa recensione.

Introduzione

L’attesa per l’uscita del nuovo processore di fascia alta, AMD Bulldozer, si sta riducendo. Il comunicato stampa parla di Settembre 2011 ed il susseguirsi d’informazioni tecniche sulla nuova architettura che circolano in rete rendono l’aria pungente: ormai ci siamo.

000

Ricordiamo che con il termine Bulldozer ci si riferisce all’architettura con la quale AMD tenterà di scalare la vetta in termini di potenza computazionale e recuperare il tempo perso avvicinandosi al nemico di sempre, la Intel Corporation, che con la nuova architettura Sandy Bridge e le imminenti piattaforme LGA 2011 attese per Novembre di quest’anno (che sostituiranno le piattaforme LGA 1366), ha creato delle CPU molto veloci ed efficienti.

001

E’ indubbio che il gap tecnologico guadagnato da Intel su AMD a livello temporale è di 1 anno o qualcosa in più, ed AMD sta lavorando sodo per recuperare il tempo perso e riguadagnare fette di mercato che le consentiranno di portare una boccata di aria fresca in termini di fiducia verso i suoi sostenitori ed azionisti oltre a rinfoltire le casse dell’azienda.

002

Certamente a nostro parere l’uscita della nuova versione di chipset 990FX che supporterà l’architettura Bulldozer FX è avvenuta con largo anticipo. Le differenze con il suo predecessore 890FX almeno sulla carta sono poche, il 990FX in pratica ha ereditato quasi tutte le caratteristiche del suo predecessore. Le migliorie sul lato CPU e RAM sono il supporto alle CPU Zambesi, appunto Bulldozer, alla tecnologia a 32nm e dal lato memorie al supporto alla DDR3 a 1866MHz (2133 in OC), per altro derivato dal memory controller integrato nelle future CPU. Stesso dicasi per il discorso southbridge SB950, praticamente identico al suo predecessore SB850. Comparando invece il chipset 990FX al suo concorrente P67/Z68 sul piano delle prestazioni, esso sembra avvicinarsi maggiormente alle esigenze dei giocatori più incalliti portando dei reali vantaggi, almeno sulla carta. Il 990FX consta di ben 42 linee PCI-Express (16+16+6+4) contro le sole 16 linee PCI-Express (x8+x8) delle piattaforme Intel LGA 1155, il cui controller PCI-Express è integrato nella CPU. Il 990FX Supporta sia il Crossfire (tecnologia che AMD ha ereditato acquisendo ATI) che lo SLI di Nvidia. Quest’ultima è forse la più grande innovazione, per altro derivata da un accordo con Nvidia, piuttosto che da accorgimenti tecnici relativi al chipset. In merito al Southbridge, è interessante notare come le nuove piattaforme di AMD ed Intel non abbiano ancora implementato nativamente lo standard USB3.0 ed entrambi ricorrono a chip esterni per integrare le porte sui loro prodotti. I futuri chipset AMD probabilmente integreranno questo standard, integrazione per altro già avvenuta nei chipset delle schede madri per AMD Llano. Il southbridge AMD SB950 ha un’incredibile numero di periferiche per la comunicazione a corredo. Ben 14 porte USB 2.0, oltre alle 6 porte native tutte SATA3 6Gb/s mentre Intel ne ha solo 2 delle 6 totali.

Prev
Next »