AMD Trinity A10-5800K: l’APU per giocare

Tags: overclockamdreviewrecensionetestapuTrinityA10-5800K

A10-5800k copertinaDopo aver pubblicato l’anteprima del lancio delle nuove APU prodotte da AMD, averne sviscerato le caratteristiche tecniche ed avervi mostrato i primi risultati (potete trovare l’articolo a questo indirizzo) è giunto il momento di approfondire andando ad analizzare più nel dettaglio le performance attraverso i benchmark sintetici, attraverso videogiochi e quelle che sono le possibilità di overclock di tale sistema, i consumi e soprattutto il prezzo.

 

 

 

amd-logo

 

Iniziamo questo approfondimento partendo proprio dall’aspetto che più rende interessanti queste nuove soluzioni integrate di AMD, il prezzo: 120 Euro circa.

Come facilmente immaginabile e come ormai da tradizione AMD cerca, con queste soluzioni, di puntare alla fascia di mercato entry-level e lo fa con prepotenza, proponendo le nuove APU più potenti a soli 20 Euro in più rispetto alla precedente generazioni di APU, targate Llano, disponibili online a circa 100 Euro.

Come abbiamo potuto notare dai risultati mostrati nei test contenuti nell’articolo di anteprima, le performance a livello grafico, a dettagli medi ma a risoluzioni elevate, sono di tutto rispetto facendo registrare un netto miglioramento delle performance in DX9 e DX10 rispetto alla precedente famiglia Llano.

Andremo ora invece ad analizzare quali sono i miglioramenti, se ce ne saranno, del comparto CPU e lo faremo con la consueta suite di test che puntualmente eseguiamo ogni volta che un nuovo processore entra nella nostra redazione; inoltre avendo notato in fase di preview le ottime performance della IGP HD7660D, abbiamo deciso di sottoporla, insieme alle vecchie soluzioni Llano e alla controparte Intel HD4000 integrata, ai test che solitamente vengono utilizzati per valutare le performance delle schede video dedicate, includendo giochi in DirectX9, DirectX10 e DirectX11 oltre che a benchmark sintetici noti.

Prev
Next »