Recensione Zalman 1000-HP

introCuriosa la sigla scelta da Zalman per questo alimentatore: 1000-HP non sta infatti per 1000 cavalli (Horse Power), ma per 1000W HeatPipe, visto il particolare sistema di dissipazione di questo prodotto. Nonostante sia solo un simpatico equivoco, ci dà un'idea della incredibile potenza che lo Zalman 1000-HP è capace di erogare.
Introduzione

Molti si chiederanno l'utilità di un alimentatore da 1000W. Nella maggior parte dei casi in effetti è del tutto inutile, una questione di pura immagine si può dire, sia per chi lo compra, sia per chi lo produce (per i quali un prodotto top di gamma serve a promuovere quelli di fascia bassa e a pubblicizzare l'azienda).
E' altresì vero che gli sforzi dei produttori di cpu e gpu volti a contenere i consumi (con nuove tecnologie e processi produttivi) vengono contrastati da architetture che sfruttano sempre più il parallelismo per aumentare la capacità di calcolo, portando all'aumento del numero di transistor e impedendo alla fin fine ai consumi di calare. Ciò accade in special modo nel settore del gaming, dove gli attuali videogiochi, simulando un mondo virtuale che si sta ormai avvicinando  alla realtà, richiedono ad alte risoluzioni una capacità di calcolo che alcuni anni fa era relegata a laboratori di ricerca ben sovvenzionati!
D'altra parte la tecnologia avanza anche nel mondo dei monitor e una risoluzione di 1920x1080 è ormai alla portata di molte tasche, e solo con un buon sistema saremmo in grado di sfruttarlo al massimo.
Ammettiamo dunque di avere una configurazione con doppia scheda video e magari un processore un po' overclockato: facendo qualche conto approssimativo si può dire che andremmo a sfiorare i due terzi, forse anche meno, delle capacità di questo alimentatore. Perché dunque 1000W e non 600W? Qualche motivo sicuramente c'è: prima di tutto un alimentatore che non lavora al massimo delle sue capacità, sarà sicuramente più longevo di un alimentatore che lavora sempre a pieno carico. In secondo luogo perché le caratteristiche di efficienza degli alimentatori switching, sono tali da massimizzare il rendimento circa al 50% del carico. Rispetto ad un alimentatore che lavora a pieno carico ci può essere una differenza di circa 5%. Probabilmente ciò non è sufficiente a giustificarne l'acquisto in puri termini economici (considerando la notevole differenza di prezzo), ma ipotizzando una maggiore longevità del prodotto può probabilmente essere la scelta migliore, considerando anche la possibilità di futuri upgrade che potrebbero evolvere la configurazione in modo tale da necessitare maggiore potenza.
Ovviamente per il 90% delle configurazioni con singola scheda video rimane un acquisto superfluo.
Ancora una volta però, vogliamo comunque invitare chi assembla un computer a scegliere con cura l'alimentatore poiché è un elemento di assoluta importanza per il buon funzionamento e la longevità di un pc.
Prev
Next »