• Varie
  • Posted
  • Hits: 552

Ricerca di McAfee sulla recessione

DAVOS, Svizzera 02 febbraio 2009 – In occasione del WORLD ECONOMIC FORUM 2009 a Davos, Svizzera, McAfee Inc. (NYSE: MFE) ha diffuso i risultati del primo studio incentrato sulla sicurezza delle informazioni economiche globali. All'interno del report, intitolato Sistemi economici non garantiti, proteggere le informazioni essenziali, esperti di sicurezza e responsabili delle decisioni IT mettono in guardia sul fatto che la recessione globale sta esponendo a un rischio assai maggiore che in passato le informazioni vitali come la proprietà intellettuale. I risultati sono stati analizzati dal Cybersecurity Experts Council di McAfee e annunciati separatamente a Davos.

Ricercatori del Center for Education della Purdue University e dell'ente Research in Information Assurance and Security hanno analizzato le risposte di più di 800 CIO negli Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Giappone, Cina, India, Brasile e Dubai. Tale ricerca ha esaminato dove hanno origine le informazioni vitali come la proprietà intellettuale, dove vengono conservate a livello globale e come siano trasferite e successivamente perdute. Le aziende intervistate hanno stimato una perdita complessiva per un valore pari a 4,6 miliardi di dollari di proprietà intellettuale nel solo 2008, e hanno speso circa 600 milioni di dollari per riparare ai danni dovuti a violazione dei dati. Sulla base di queste cifre, McAfee valuta che le aziende a livello globale abbiano perso più di un trilione di dollari lo scorso anno.
"Le aziende stanno sottovalutando gravemente tali perdite, e il valore della loro proprietà intellettuale", ha dichiarato Eugene Spafford, professore di informatica alla Purdue University e direttore esecutivo del CERIAS (Center for Education and Research in Information Assurance and Security).Proprio come l'oro, diamanti o petrolio greggio, la proprietà intellettuale è una forma di moneta che è oggetto di scambi internazionali e può avere gravi ripercussioni economiche in caso di furto. 
Sulla base dei risultati dell'indagine la stima prudenziale di McAfee è che i danni a livello mondiale dovuti alla perdita di dati tocchino il trilione di dollariha affermato Dave DeWalt, presidente e CEO di McAfee. Questo report dovrebbe suonare come un campanello d'allarme perché la situazione attuale di crisi economica è sul punto di provocare un'esplosione delle informazioni essenziali a livello globale. L'aumento della pressione sulle imprese per contenere le spese e tagliare il personale hanno portato a rendere le difese più porose e a maggiori opportunità per la criminalità. Le aziende devono smettere di pensare alla sicurezza come a un centro di costo e iniziare a considerarlo un fattore di successo (crescita).

Il report di McAfee sui Sistemi economici non garantiti suggerisce che la capacità di archiviare in modo sicuro la proprietà intellettuale sia uno dei principali fattori che guidano gli investimenti di sicurezza in Brasile, Giappone e Cina. Il 60% degli intervistati Cinesi ha imputato a uno "storage più sicuro" il motivo per la memorizzazione di proprietà intellettuale e altre informazioni sensibili al di fuori del proprio Paese.


Risultati principali:

La recessione espone al rischio la proprietà intellettuale

Le organizzazioni sono chiaramente preoccupate per la crisi finanziaria globale e per il suo impatto sulla sicurezza delle informazioni critiche come la proprietà intellettuale. Il 39% degli intervistati ritiene che nell'attuale clima economico le informazioni vitali siano più vulnerabili rispetto a prima. 



L'impegno nel proteggere le informazioni vitali varia enormemente

I Paesi in via di sviluppo sono più motivati e investono di più per proteggere la proprietà intellettuale rispetto ai loro colleghi occidentali. Brasile, Cina e India spendono di più in sicurezza rispetto a Germania, Regno Unito, Stati Uniti e Giappone. Il 74% di Cinesi e il 68% di Indiani intervistati hanno investito per la protezione della proprietà intellettuale con l'obiettivo di un vantaggio competitivo.

La proprietà intellettuale è oggi una moneta di scambio internazionale

La proprietà intellettuale è un obiettivo in crescita per la criminalità informatica, e gli esperti affermano che ci sia stato un aumento nel numero di intrusioni dirette ai dati aziendali da parte di bande organizzate appartenenti alla mafia cibernetica. I criminali informatici stanno indirizzando attacchi mirati ai dirigenti aziendali utilizzando tecniche di phishing sofisticate. La preoccupazione maggiore indicata dal 39% degli intervistati è stata la protezione delle proprie proprietà intellettuali da furti di dati provenienti dall'esterno.

- Jacopo P. -


I dipendenti si appropriano di proprietà intellettuale a scopo di lucro e per aumentare le proprie possibilità di trovare impiego

Un numero crescente di dipendenti finanziariamente alle strette sta utilizzando le proprie credenziali di accesso ai dati aziendali per rubare informazioni riservate. Mentre la recessione internazionale si sta protraendo, le possibilità di impieghi legali stanno calando, disperati in cerca di lavoro o “cyber muli” stanno rubando preziosi dati aziendali, che possono essere visti con interesse da potenziali datori di lavoro, per rendersi più appetibili nel mercato del lavoro. Il 42% degli intervistati ha dichiarato che i dipendenti licenziati costituiscono la maggiore minaccia per le informazioni essenziali.



Le minacce geografiche alla proprietà intellettuale 

Le percezioni geopolitiche stanno influenzando la realtà delle policy dei dati. Cina, Pakistan e Russia sono state identificate come zone problematiche per varie motivazioni legali, culturali e economiche. Il 26% degli intervistati ha volontariamente evitato di archiviare la propria proprietà intellettuale in Cina. Di contro, il 46% di intervistati Cinesi è convinto che gli Stati Uniti rappresentino la minaccia più grande per la loro proprietà intellettuale.



A conclusione del report gli esperti di sicurezza offrono una serie di consigli e best practice per proteggere i beni digitali critici, non solo per sopravvivere — ma per prosperare — in questi tempi difficili.



Una copia completa del report Sistemi economici non garantiti, proteggere le informazioni essenziali è disponibile su richiesta.