• Varie
  • Posted
  • Hits: 1450

Intel mette in mostra il futuro della tecnologia

Tags: IntelfuturogalileoFuturerealsense 3dshowcaseedisonmakers

A cosa serve fare nuovi processori più potenti se non si supporta costantemente lo sviluppo tecnologico e le applicazioni in grado di sfruttarli ? Intel da alcuni anni ha intrapreso proprio questa politica, a mio avviso vincente, e spinge l'acceleratore sul progresso tecnologico nella sua accezione più generalizzata, promuovendo lo sviluppo di nuovi sensori e nuove piattaforme per facilitare lo sviluppo di interfacce più naturali ed ubiquitarie. All'Intel Future Showcase, l'azienda ha messo in mostra non solo i suoi ultimi ritrovati tecnologici disponibili già da oggi, ma anche i suoi progetti per il futuro, i prototipi e i concept che cambieranno la vita di domani. Il tutto con un occhio di riguardo alla community dei Makers, gli inventori del XXI secolo. 

ScottDwyerIntel

 

Chi sono i Makers? Sono quelle persone che si ingegnano ogni giorno, che mettono a frutto la loro creatività per risolvere problemi quotidiani con soluzioni low cost, spesso sfruttando ciò che si ha in casa. Arduino è una delle piattaforme di sviluppo che ha avuto più successo in questa community. Non a caso Intel ha pensato bene di sostenerla con la potenza di calcolo dei suoi processori, realizzando Intel Galileo.

 

GalileoLEDLightsdemonstratedatIntelFutureShowcase

Tecnologie sempre più miniaturizzate ed efficienti aprono la strada al mondo del wearable computing, ed ecco che Intel Galileo fa strada alla minuscola Intel Edison, una piattaforma con microprocessore Intel poco più grande di un francobollo! L'aquisizione di una compagnia che produce l'Health Tracker Basis ci fa capire l'interesse di Intel verso le tecnologie Wireless.

 

Edison1

 

 

Sulla scia dell'SDK Intel Perceptual Computing, dedicato ai paradigmi di interazione naturale (gestuale e vocale), Intel ha mostrato anche la sua camera 3D RealSense, un dispositivo miniaturizzato in grado di essere integrato nei portatili che ci pemetterà il controllo tramite i gesti di diverse applicazioni, nonché la possibilità di scannerizzare dei piccoli oggetti in 3D. 

ScottDwyerIntel

SaveTheHoplites1

 

Tra i piani per il futuro, non manca un occhio di riguardo alla robotica fai da te, sempre per facilitare il lavoro dei Makers e per l'Automotive, un settore in rapida crescita che necessita di grandi investimenti in termini di progresso tecnologico.

Jimmy3

 

Riportiamo di seguito il comunicato ufficiale che presenta nel dettaglio tutte le piste che Intel sta esplorando per spingere il progresso tecnologico.

 

OGGI


Dispositivi versatili


I processori Intel sono alla base di dispositivi versatili che funzionano esattamente nel modo desiderato. Dai dispositivi 2 in 1 ai tablet e agli smartphone, oggi è disponibile un dispositivo che si adatta al modo di lavorare di ognuno di noi.
• Schermi che possono essere staccati dalla tastiera per diventare dei leggeri tablet.
• Schermi che possono essere capovolti, trasformando rapidamente il dispositivo da notebook a tablet.
• Tablet standalone disponibili in un'ampia gamma di dimensioni, tra cui i formati compatti da 7 e 8 pollici da portare in borsa e quelli che offrono un'opzione dual-boot per Windows* 8.1 e Android*.
I processori Intel vengono installati anche negli smartphone, compresi quelli in formato tablet con Android e con funzionalità cellulari che offrono fino a 32 ore di conversazione e i potenti dispositivi ultrasottili con display Full HD.
La tecnologia Intel è presente anche nei Chromebook*, dispositivi a basso costo con sistema operativo Google Chrome OS* che si connettono tramite il cloud ai servizi Google.
In definitiva, oggi sono disponibili dispositivi basati su tecnologia Intel in grado di rispondere a qualsiasi esigenza, sia per lavorare in ufficio con un notebook completo di tutte le funzionalità o con un Chromebook, sia quando siamo in movimento, con un tablet Windows o Android oppure con uno smartphone Android.


MyDigipass.com


La sicurezza e la privacy dei dati rappresentano un crescente motivo di preoccupazione, a seguito del continuo aumento dei dispositivi utilizzati per accedere alle informazioni e alle diverse piattaforme cloud. Gli esperti di sicurezza concordano nell'affermare che il metodo migliore in questo caso consiste nell'utilizzare password univoche e difficili da decifrare per ogni servizio e l'autenticazione a due fattori per ogni login. Nonostante ciò, la maggior parte delle persone non segue questi consigli.
MyDigipass.com aggiunge un ulteriore livello di sicurezza che blocca gli hacker tramite token di sicurezza super sicuri generati dall'hardware grazie alla tecnologia Intel® Identity Protection, che fornisce un punto di accesso per tutti i siti Web preferiti, tra cui Facebook* e PayPal*.


McAfee su dispositivi portatili


Per garantire la sicurezza, è necessario proteggere i dispositivi portatili basati su Android dai malware che rappresentano una minaccia molto concreta per questo sistema operativo. Nell'edizione più recente del report sulla sicurezza mobile di McAfee è stato riscontrato che i malware sono quasi triplicati dal 2012 al 2013.
Nell'ambito di un'iniziativa Intel per rendere la sicurezza parte integrante dell'esperienza utente, in tutti i dispositivi portatili basati sulla sua tecnologia viene fornita gratuitamente una soluzione McAfee completa di tutte le funzionalità. La suite McAfee per la sicurezza mobile protegge i dispositivi tramite diverse misure, tra cui l'invio di avvisi in caso di tentativi di connessione da parte di reti Wi-Fi a rischio e la funzione CaptureCam, che acquisisce un'immagine di chiunque effettui più tentativi infruttuosi di sbloccare il dispositivo.
La suite è integrata nella tecnologia Intel® Device Protection, per fornire estensioni di sicurezza a livello di kernel. Si tratta di un tecnologia avanzata progettata per proteggere i cellulari dalle odierne minacce, assicurando la massima tranquillità.


Dal presente al futuro: Make it Wearable e il movimento dei maker


Una delle tecnologie più interessanti di oggi e del futuro è quella degli indossabili, ovvero dispositivi che rendono la tecnologia davvero personale.
Si sente molto parlare di tecnologie indossabili, dai dispositivi che misurano la velocità della corsa, il battito cardiaco, il numero di passi, la pressione arteriosa e anche la qualità del sonno fino agli orologi complementari o addirittura sostitutivi degli smartphone. La strategia di Intel mira a sviluppare reference design di dispositivi e piattaforme che i diversi produttori possono utilizzare nello sviluppo di dispositivi indossabili.
"Stiamo avvicinando la comunità tecnologica all'ambiente della moda", ha affermato Mike Bell, Vice President e General Manager del New Devices Group di Intel. "L'obiettivo è trasformare la tecnologia degli indossabili in qualcosa di utile ma anche accattivante".
All'Intel Future Showcase, sarà possibile vedere un esempio dell'impegno di Intel nel campo dei dispositivi indossabili, attraverso la presentazione dell'Health tTracker Basis.
Oggi la comunità dei maker è costituita da singoli individui, con background e interessi diversi, tra cui arte, design, performance, musica, ingegneria e tecnologia. Dal fai da te e artigianato alla programmazione e allo sviluppo di prototipi, i componenti di questa comunità sono estremamente variegati, da Super Awesome Silvia a Chris Anderson fino all'ex dipendente Intel e inventore di MakeyMakey* Jay Silver. Anche il CEO di Intel Brian Krzanich si considera un maker.
Etsy* now conta oltre un milione di artigiani che creano e vendono piccoli prodotti realizzati a mano. Altre aziende come Quirky* e Kickstarter* offrono ai maker l'accesso a risorse utili per trasformare un'idea in un prodotto commerciale. E centinaia di migliaia di persone partecipano alle Maker Faire*, gli eventi per i maker organizzati ogni anno in varie città del mondo.
Secondo la società di ricerche di mercato Ypulse*, il 69% dei giovani nati nel nuovo millennio desidera creare un nuovo prodotto e l'81% sarebbe interessato a collaborare con un'azienda o un marchio alla progettazione di un nuovo prodotto.
Il CEO di Intel Brian Krzanich ha annunciato per la prima volta la scheda di sviluppo Intel® Galileo alla manifestazione Maker Faire di Roma di ottobre 2013, occasione in cui ha anche rivelato un accordo di collaborazione tra Intel e Arduino*. La scheda Intel Galileo è il primo prodotto di una famiglia di schede di sviluppo compatibili con Arduino basate su architettura Intel e progettate per le comunità dei maker e dell'istruzione. All'Intel Future Showcase è presente un'installazione luminosa controllata tramite Intel Galileo.


DOMANI
Ricarica wireless
Quante volte sarà capitato di cercare un caricabatteria e un cavo per un dispositivo? Da quasi ogni presa di una tipica casa spuntano ricariche con un cellulare collegato al muro tipo cordone ombelicale.
E che succede se un dispositivo non utilizza un caricabatteria standard? Se la batteria si scarica fuori sede, a casa o nell'ufficio di qualcuno che non ha un connettore da prestare sono problemi.
Il caricabatteria wireless di Intel è un concetto per dimostrare come in futuro possa essere possibile liberarsi una volta per tutte dei cavi Si tratta di una soluzione intelligente in grado di ricaricare diversi dispositivi contemporaneamente.
Utilizzando una serpentina di ricarica, questa tecnologia è un concetto intuitivo che dimostra come possa essere facile alimentare diversi dispositivi, anche se basati su connettori diversi.
E, come ciliegina sulla torta, questa soluzione è accattivante e perfettamente integrabile sia in ambienti aziendali che a casa.

 

Bowl1


Tecnologia Intel® RealSense™
Lo scorso anno Intel è entrata nel campo del computing percettivo, che promette di farci abbandonare per sempre il vecchio modo di interagire con la tecnologia: addio al mouse e benvenuti ai dispositivo controllati tramite gesti.
Da allora, questa tecnologia è cresciuta diventando più piccola e precisa. Oggi l'Intel RealSense non è più un'ingombrante Webcam da collegare al monitor, ma è diventata più piccola ed è passata ai sistemi all-in-one e ai coperchi dei notebook.
Alla base del sistema c'è un modello integrato di videocamera 3D e 2D, il che significa che i dispositivi possono "vedere" la profondità allo stesso modo degli esseri umani.
Oltre a controllare i dispositivi con i gesti, Intel RealSense consentirà di creare oggetti 3D sul computer, con cui l'utente potrà interagire tramite gesti naturali e che potrà condividere con altri, oppure stampare con stampanti 3D.
Sarà quindi disponibile un livello completamente nuovo di realismo e interattività per il lavoro e il tempo libero, dai videogame alle telefonate interurbane, dalle videoconferenze alla progettazione di prodotti, senza la necessità di indossare scomodi occhiali 3D. Si tratta del modo più naturale di interagire con la tecnologie e con le persone lontane.


Intel® Galileo e Intel® Edison
I computer diventano sempre più piccoli. E quando si pensava che non potessero ridursi ancora, Intel ha introdotto Intel® Galileo e Intel® Edison. Entrambi i dispositivi hanno le funzionalità di base di un computer, solo che sono molto più piccoli e differenti dai tradizionali computer come li conosciamo oggi.
Galileo è una scheda microcontroller basata su un System-on-a-Chip Intel e compatibile con la famosa piattaforma Arduino, mentre il System-on-a-Chip Edison non è molto più grande di un francobollo. Entrambi sono perfettamente indicati per i maker e rappresentano la base del concorso Intel Make It Wearable, che incoraggia la creatività invitando singoli individui, team e organizzazione a sviluppare idee per i prodotti indossabili.
La scheda di sviluppo Intel® Edison è un ambiente informatico multifunzionale, con supporto wireless, già pronta per l'installazione nei prodotti. Si tratta di una soluzione destinata a inventori, imprenditori, progettisti di prodotti consumer e fornitori di soluzioni IoT industriali che creano dispositivi indossabili o in formato ridotto da distribuire tramite canali commerciali ai consumatori. Il rilascio di Intel Edison è previsto per la prossima estate.


IL FUTURO
Robot da realizzare da soli
Jimmy il robot, presentato alla manifestazione Maker Faire di New York alla fine dello scorso anno, è stato creato dal futurologo di Intel Brian David Johnson per dimostrare che chiunque sarà in grado di utilizzare file open source per creare il proprio robot e stamparlo con una stampante 3D.
Jimmy sarà presto disponibile per il download e la stampa a un prezzo accessibile, grazie al fatto che Johnson ha deciso di condividerne il modello con 10 team di varie università. Dopo aver stampato e assemblato Jimmy, l'idea è che si potrà programmarlo e installarvi app per aggiungere funzionalità, così come si fa attualmente con i dispositivi portatili.
Jimmy è un'anteprima di un futuro in cui potremo creare e stampare i nostri robot, e le possibilità sono infinite. Spetta a ognuno di noi proporre innovative applicazioni per Jimmy: l'unico limite è l'immaginazione.

 


Esperienza futura in auto
Anche se si sente molto parlare di automobili che si guidano da sole, nella visione di Intel bisogna sviluppare una dove il conducente mantiene il suo controllo e dove le tecnologie siano solo di supporto. Tecnologie che permetteranno di comunicare l'indirizzo; riconoscere se a bordo sono presenti bambini e avviare automaticamente i loro film preferiti per intrattenerli durante il viaggio.

 

Vehicle1

 

Controller solare intelligente
L'energia solare è già ampiamente diffusa in tutto il mondo, ma nella visione di Intel includerà in futuro un controller intelligente, ossia un pannello solare da 500 cm che sfrutta direttamente l'uscita di corrente CC variabile invece di convertire l'energia solare in corrente alternata.
L'obiettivo è utilizzare il dispositivo nelle aree dei Paesi in via di sviluppo in cui non esiste l'elettricità per caricare i dispositivi, allo stesso modo del Classmate PC Intel® destinato ai bambini.


Sicurezza integrate per l'Internet delle cose
Una delle tendenze più interessanti del momento è l'Internet delle cose, in cui i dispositivi connessi al cloud condividono analisi e informazioni, ad esempio dati di sensori locali, come i sensori di temperatura, per aggiungere funzionalità.
È possibile connettere qualsiasi cosa, dalle auto ai dispositivi indossabili agli elettrodomestici, e tutti questi dispositivi devono essere sicuri, poiché rappresentano potenziali varchi per la sicurezza. Le ricerche più recenti di Intel nel campo della tecnologia di sicurezza puntano a garantire che questi dispositivi siano il più possibile sicuri rispetto al pericolo degli attacchi da parte di hacker.
All'Intel Future Showcase, una dimostrazione nel campo automobilistico evidenzia che i moderni veicoli sono ormai computerizzati e contengono molti computer profondamente integrati, responsabili di monitorare e controllare sistemi interni, come la telematica, l'infotainment, la connettività e i sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS, Advanced Driving Assistance System). Pur ottimizzando la fruibilità e la praticità, queste caratteristiche rappresentano anche una maggiore vulnerabilità per le minacce, aumentando le potenzialità di attacchi.
Nella dimostrazione è incluso uno schema di esecuzione leggero e attendibile ottimizzato per il veicolo, che illustrerà come intercettare e ridurre le manipolazioni di software nocivo.