• Mobile
  • Posted
  • Hits: 1290

S1: il cellulare indistruttibile !

esterne171642431706171238_big


Debutta il primo cellulare al mondo con l'omologazione "IP-67", uno standard che indica che il telefono resiste perfettamente all'acqua, polvere, sporco, urti e cadute. E che regala prestazioni mai viste prima: può essere immerso fino a una profondità di un metro per 30 minuti e resiste alla pressione di 400 kg (con una resistenza di 75kg/cm2) e a temperature variabili da -20 a 55 gradi centigradi.

Non solo: il telefono può essere lanciato infinite volte da un'altezza di due metri, ha super altoparlanti per l'uso in ambienti estremamente rumorosi e una batteria che può lasciarlo acceso per due mesi e che regala 18 ore continue di conversazione.
Tutto qui è stato studiato per durare all'infinito. Perfino la tastiera è stata progettata per essere usata con guanti (altrimenti a meno venti gradi una telefonata potrebbe costare l'uso delle dita...) ed è stata testata con oltre 500.000 invii per tasto.
L'idea di costruire questo telefonino-monstre è della Land Rover che, in collaborazione con la Sonim Technologies, ha messo a punto l'S1, un cellulare fatto apposta per funzionare - come le famose 4x4 inglesi - nelle situazioni più difficili. La Land Rover è talmente sicura del suo prodotto che, oltre a proporre una garanzia incondizionata di tre anni, ha legato quattro cellulari sui cerchi in lega di un suo fuoristrada. Poi ha lanciato il 4x4 in un durissimo percorso fatto di salti, buche e guadi, per poi staccare i cellulari dalle ruote e usarli per normali telefonate (fatte da un tester immerso nel fango, tanto per rimanere in tema).
Un debutto insomma scenografico, che è ancora più incredibile se poi consideriamo che l'S1 è tutt'altro che rozzo: ha una fotocamera da 2 mega-pixel con flash incorporato, luce della torcia, radio FM, slot di memoria 2GB, Java, navigazione WAP tramite Opera Mini browser WAP e Bluetooth.

Il tutto per un prezzo di 355 euro, anche se - almeno per ora - l'S1 è in vendita solo in Inghilterra, la patria della Land Rover.
Fonte: Repubblica.it

- Pirro Jacopo -