• Hardware
  • Posted
  • Hits: 749

ZOTAC GeForce GTX 660 Thunderbolt in foto

Tags: nvidiascheda videogeforcefotogpucoolerZotacthunderboltgtx 660

Zotac stupisce la Cina presentando, per ora in anteprima solo per il mercato Asiatico, la nuova GTX 660 Thunderbolt che, contrariamente a quanto si possa pensare, non ha niente a che vedere con il metodo di connessione utilizzato dai prodotti Apple.

ZOTAC GeForce GTX 660 Thunderbolt 01

La particolarità di questa scheda video non reference risiede nel particolare sistema di raffreddamento utilizzato, denominato appunto Thunderbolt, che potremmo definire come una rivisitazione in chiave moderna dei vecchi dissipatori. Come accadeva in passato infatti il corpo dissipante è composto da lamelle molto più spesse e l'intero monoblocco è molto più compatto e uniforme; l'ausilio di generose heatpipes però, oltre a rappresentare un punto di incontro tra vecchio e nuovo, dovrebbe garantire prestazioni eccellenti.

ZOTAC GeForce GTX 660 Thunderbolt 02 ZOTAC GeForce GTX 660 Thunderbolt 03 ZOTAC GeForce GTX 660 Thunderbolt 04

Il corpo dissipante è raffreddato da due ventole che possono essere rimosse molto facilmente insieme alla cover superiore, quest'altra innovazione, denominata EClean, permetterà una facile e rapida pulizia del corpo lamellare con la semplice pressione di un gancio.

ZOTAC GeForce GTX 660 Thunderbolt 05 ZOTAC GeForce GTX 660 Thunderbolt 06 ZOTAC GeForce GTX 660 Thunderbolt 07

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche invece Zotac lascia pieno spazio agli utenti, la GTX 660 Thunderbolt, seppur con parvenze da overclock, verrà commercializzata con frequenze di funzionamento reference di 980MHz per la GPU (1033 in modalità Boost) e 2GB di memoria GDDR5 operante a 6000MHz. Invariate inoltre le uscite video, ovvero due DVI, una HDMI e una DisplayPort, l'alimentazione invece sarà adibita ad un solo connettore da 6 pin.

Così come altre proposte top di gamma Zotac (vedi AMP! Extreme) probabilmente anche questa non vedrà la luce in occidente, non ci resta quindi che sperare.

 

Fonte: TechPowerUP