• Hardware
  • Posted
  • Hits: 1392

Intel incontra Arduino con la board Galileo: il connubio perfetto tra potenza e facilità di utilizzo per il DIY

Circa un anno fa abbiamo accolto con entusiasmo l'arrivo di Arduino Due, un progetto che prometteva di incrementare le prestazioni della ormai nota piattaforma Arduino. Il successo è stato forse inferiore alle aspettative, per via delle interfacce a 3,3V che ne limitavano la compatibiltà con molti sensori (tipicamente a 5V) e per via della potenza di calcolo decisamente inferiore a Raspberry PI. 

 

Intel Galileo_Board

Alla Maker Faire di Roma Intel ha oggi presentato la sua board di sviluppo Intel Galileo, che molto assomiglia al celebre Arduino. Non a caso, Intel ha sviluppato tale board in collaborazione con Arduino, proprio per fornire un ambiente di sviluppo intuitivo. Ciò permetterà agli appasionati di sfruttare non solo la conoscenza acquisita in tutti questi anni, ma anche il popolare e intuitivo ambiente di sviluppo IDE di Arduini, i numerosissimi tutorial presenti sul web e persino tutte le shield sviluppate per Arduino!

 

galileo-back

 

Intel in questa board mette tutta la potenza e l'efficienza delle sue CPU: nella board Galileo troviamo il SoC Quark X1000, una CPU Pentium single-core, single-thread a 32 bit compatibile con ISA (Instruction Set Architecture) che opera con velocità fino a 400 MHz. In più Intel offre 256MB di RAM DDR3, 8MB di Flash NOR, slot micro-SD con supporto fino a 32GB, slot mini-PCI Express, Ethernet 10/100, RS-232, micro-USB Host port, micro-USB Client e JTAG. Insomma un'offerta completa anche per lo sviluppatore più eigente, in grado di far invidia a un PC desktop dello scorso decennio!

 

La disponibilità per la board Intel Galileo è prevista per il 29 novembre 2013 presso i maggiori distributori del settore Maker. 

 

Facevamo prima accenno al fatto che Arduino Due non supportasse sensori operanti a 5V (senza utilizzare un level/shifter). Ebbene sulla Intel Galileo è presente un Jumper per scegliere la tensione operativa della board, in modo da poter supportare, a scelta, entrambi gli standard a 3,3V o a 5V.

 

Questo lo schema a blocchi della scheda:

galielo-blocks

 

Di seguito riportiamo le specifiche complete:

400MHz 32-bit Intel® Pentium instruction set architecture (ISA)-compatible processor

  • o 16 KByte L1 cache
  • o 512 KBytes of on-die embedded SRAM
  • o Simple to program: Single thread, single core, constant speed
  • o ACPI compatible CPU sleep states supported
  • o An integrated Real Time Clock (RTC), with an optional 3V “coin cell” battery for operation between

turn on cycles.
10/100 Ethernet connector
Full PCI Express* mini-card slot, with PCIe 2.0 compliant features

  • o Works with half mini-PCIe cards with optional converter plate
  • o Provides USB 2.0 Host Port at mini-PCIe connector

USB 2.0 Host connector

  • o Support up to 128 USB end point devices

USB Client connector, used for programming

  • Beyond just a programming port - a fully compliant USB 2.0 Device controller

10-pin Standard JTAG header for debugging
Reboot button to reboot the processor
Reset button to reset the sketch and any attached shields
Storage options:

  • 8 MByte Legacy SPI Flash whose main purpose is to store the firmware (or bootloader) and the latest sketch. Between 256 KByte and 512 KByte is dedicated for sketch storage. The upload happens automatically from the development PC, so no action is required unless there is an upgrade that is being added to the firmware.

 

Di seguito riportiamo anche il comunicato stampa ufficiale in Italiano:

Il CEO di Intel annuncia una collaborazione con Arduino per stimolare la creatività, l'apprendimento e l'inventiva di maker e studenti

 

Introdotta la prima scheda di sviluppo compatibile con Arduino basata su Intel; annunciate donazioni a 1.000 università in tutto il mondo

MAKER FAIRE ROMA, 3 ottobre 2013  – Il CEO di Intel Corporation Brian Krzanich ha annunciato un accordo di collaborazione con Arduino LLC, la principale piattaforma hardware open source nella community di maker e della didattica. Krzanich ha inoltre presentato la scheda Intel® Galileo, il primo prodotto di una nuova famiglia di schede di sviluppo compatibili con Arduino e basate su architettura Intel.

I kit di sviluppo e l'interfaccia di programmazione software Arduino facilitano la creazione di oggetti o ambienti interattivi per artisti, designer e appassionati del fai da te, che spesso non hanno un background tecnico.

Sulla base della scheda di sviluppo Galileo, Intel e la community Arduino collaboreranno attivamente a progetti futuri per offrire le prestazioni, la scalabilità e le possibilità della tecnologia Intel a questa crescente community di maker.

            Sempre nell'ambito di questa iniziativa, Krzanich ha annunciato una donazione di 50.000 schede Intel® Galileo da fornire a 1.000 università di tutto il mondo nei prossimi 18 mesi.

"Con un impegno costante nel settore dell'istruzione, sappiamo che l'apprendimento interattivo stimola l'interesse verso le scienze, la tecnologia, l'ingegneria e la matematica", ha commentato Krzanich. "Sono un 'maker' da diversi anni e sono entusiasta delle infinite possibilità offerte dalla tecnologia e di ciò che consente di creare. Ci auguriamo di continuare una collaborazione produttiva con Arduino e di fornire a questa community alcuni prodotti Intel straordinari destinati a spingere i confini della nostra immaginazione".

Oggi Intel collabora con 17 università in tutto il mondo per sviluppare piani di studio basati sulla nuova scheda Intel Galileo. L'obiettivo di questo impegno è mettere la potenza della tecnologia Intel a disposizione di quanti più educatori e studenti possibile. Intel prevede di aggiungere altre università nei prossimi mesi.

            "Siamo entusiasti di collaborare con Intel e di poter contare sulle prestazioni della tecnologia Intel per la prima volta nelle nostre schede di sviluppo", ha affermato Massimo Banzi, fondatore della community Arduino. "Mi auguro che questa collaborazione possa continuare ad essere proficua per produrre fantastici strumenti di sviluppo che favoriscano innovazioni davvero esaltanti".

            “L'accordo siglato tra Intel e l’Università La Sapienza di Roma offrirà a Intel l’opportunità di accedere all’eccellenza della ricerca della più grande università europea, e a noi un bagaglio conoscitivo e una struttura creati grazie alle collaborazioni con l’intera industria IT", ha dichiarato Stephen Trueman, Direttore, Sapienza Innovation Center.

Scheda di sviluppo Intel® Galileo: che cosa consente di fare?

Intel Galileo è il primo di una linea di schede di sviluppo compatibili con Arduino basati su architettura Intel e progettata per le community dei maker e per il settore dell’education. La piattaforma è semplice da utilizzare per i nuovi progettisti e per quelli che desiderano migliorare i progetti esistenti.

Intel Galileo combina le prestazioni della tecnologia Intel e la facilità dell’ambiente di sviluppo software Arduino. La scheda di sviluppo funziona sul sistema operativo open source Linux e con le librerie software Arduino, consentendo così scalabilità e riutilizzo dei software esistenti, chiamati "sketches". Intel Galileo può essere programmato attraverso OS *, Windows * e il software operativo host Mac Linux. La scheda è inoltre progettata per essere compatibile con l’hardware e il software dell'ecosistema Arduino shield.

Intel Galileo è basata sul SoC Intel® Quark X1000, il primo componente della famiglia di prodotti small-core e a basso consumo con tecnologia Intel® Quark. La tecnologia Intel® Quark estenderà l'architettura Intel ad aree in rapida crescita, dall'Internet delle cose ai computer indossabili del futuro. Progettato in Irlanda, il core di processore alla base del SoC Quark X1000 è una CPU Pentium® single-core, single-thread a 32 bit compatibile con ISA (Instruction Set Architecture) che opera con velocità fino a 400 MHz.

Per estendere l'utilizzo e le funzionalità native oltre l'ecosistema di shield Arduino, la scheda di sviluppo Intel viene fornita inoltre con diverse interfacce di I/O standard di settore, come ACPI, PCI Express*, Ethernet a 10/100 Mb, SD, USB 2.0 e porte host USB EHCI/OHCI, UART ad alta velocità, porte seriali RS-232, flash NOR a 8 MB programmabile e porta JTAG per semplificare il debug. Intel Galileo combina inoltre i vantaggi dell'IDE Arduino con le funzionalità avanzate e di sviluppo software di uno stack software Linux* completo e non modificato, integrato in un'unica piattaforma e supportato da una serie di tool comuni open source. 

            Nel complesso, la scheda di sviluppo Intel Galileo rappresenta uno strumento efficace per la creazione rapida di prototipi di semplici progetti interattivi, come display LED che rispondono ai social media, o per progetti software più complessi, dagli elettrodomestici automatizzati a robot a grandezza naturale controllabili da uno smartphone. 

            Intel® Galileo sarà disponibile entro la fine di novembre. Per  informazioni su dove acquistare e per saperne di più su Intel® Galileo, consultate i siti Web http://maker.intel.com ewww.intel.com/support/go/galileo.

Intel: il settore education e la comunità dei maker 

Intel supporta il movimento dei maker per incoraggiare l'innovazione, a prescindere dal fatto che avvenga in aula, in laboratorio o in workshop in un garage o in una casa. 

L'azienda è sponsor finanziatore del programma Maker Education Initiative insieme a Maker Media*, Pixar* e Cognizant. Intel gestisce inoltre la propria iniziativa Start Making!, il cui obiettivo è sviluppare la fiducia, l'interesse e la creatività dei bambini per la didattica nel campo di scienze, tecnologia, ingegneria e matematica. Tramite questo programma, Intel introduce attività didattiche interattive che possono essere replicate a casa o in aula con kit di elettronica, strumenti software e materiali di uso quotidiano facilmente reperibili.

Negli ultimi dieci anni Intel ha investito oltre 1 miliardo di dollari nell'istruzione inferiore e superiore in oltre 60 Paesi, per mettere a disposizione gli strumenti e le risorse necessari per introdurre l'apprendimento del XXI secolo in ogni aula.