24 Novembre 2014
Feed RSS Facebook Twitter Google Plus Linkedin Youtube

Cooler Master Eisberg 240L, l’AIO per eccellenza

Cooler-Master-s-Eisberg-240LCooler Master ha stupito molti con il suo teaser trailer relativo alla nuova famiglia di soluzioni a liquido integrato, la serie Eisberg, e non per casualità o false aspettative. Questa nuova gamma di dissipatori si differenzia dalle altre per moltissime caratteristiche innovative, ed il produttore è uno dei leader nel settore delle componenti enthusiast e di fascia alta, quindi è ovvio che ci si aspetti molto da queste soluzioni. Di fatto la serie Eisberg rappresenta l’anello di congiunzione tra le soluzioni a liquido tradizionali, da assemblare, e gli All-in-One finora introdotti sul mercato, coniugando i vantaggi di entrambe le categorie. La versione che esamineremo oggi è la top di gamma, ovvero il modello Eisberg 240L Prestige, dotato di un radiatore da 240mm e quindi predisposto per due o quattro ventole da 120mm. A catalogo esiste anche la versione da 120mm, ma sarà analizzata a tempo debito. Vi auguriamo una buona lettura.

 

 

 

 

 

Coolermaster logo

 

 

Cooler Master non ha certo bisogno di presentazioni, essendo uno dei marchi più famosi nel settore High-Tech per PC. Componenti top di gamma, grande qualità ed attenzione per i dettagli, ma soprattutto longevità delle componenti e soluzioni all’avanguardia. Abbiamo recensito poco tempo fa un dissipatore eccezionale, il TCP-800 e quindi la nuova evoluzione AIO made by Cooler Master non potevamo fare altro che accoglierla a braccia aperte. Fanno parte della medesima serie il Seidon 120XL ed il 240M, che sarebbe molto interessante recensire, e comparare con questi radiatori.

Abbiamo testato l’Eisberg 240L sulla nostra nuovissima piattaforma di test con socket Intel LGA 2011. Al fine di garantire una suite di test simile a quella dell’utente finale, è stato utilizzato su un processore della famiglia Sandy Bridge-E ovvero il modello 3930K. Dato che il nostro interesse è  replicare le diverse condizioni di utilizzo ed offrirvi un servizio migliore, è stato eseguito un gran numero di test approfonditi, ben 16 complessivamente! Il processore è stato messo sotto carico con il programma Prime95 alle seguenti impostazioni: default, a 4.2GHz e a 4.5GHz.  Sarà analizzata la configurazione stock, comprendente due ventole proprietarie da 120mm in Push anteriore, le quali sono state testate con più impostazioni di velocità. Oltre a questo sono state utilizzate fino a quattro ventole Noctua NF-F12 in una configurazione Push/Pull e come se non bastasse abbiamo deciso anche di testare diverse impostazioni della pompa integrata, a 2000 e 3000RPM. Nel corso delle prossime settimane vedrete anche la recensione di un interessantissimo modello Cooler Master, il Seidon 120XL:

 

00007 coolermaster eisberg 240L prestige

 

Rimandiamo al capitolo “Configurazione di test” per le impostazioni utilizzate ed i dettagli. Data la tipologia di dissipatore, sarà consigliabile utilizzarlo in cabinet di grandi dimensioni, con predisposizione per radiatori da 240mm ma con tolleranze laterali discrete; data questa particolarità e date le differenze con gli altri modelli, vi invitiamo a confrontare le tolleranze in base al capitolo dell’analisi strutturale, dove sono riportate precise misurazioni laterali.

 

Qui di seguito riportiamo il link al produttore e alla pagina di presentazione del modello.

 

Il prezzo proposto ammonta a circa 155 euro.

 

 

Cooler Master Eisberg 240L Prodotto recensito da Matteo Trinca in data . Voto: 4,5. Prezzo medio in Italia 155€

Comments  

 
#13 Nikolaj 2013-06-27 11:21
alt. Se un modello è fallato, non puoi generalizzare. Quel dissipatore forse poteva essere da rma, ma non c'è nessuna prova statistica che hanno problemi di resa e casualmente quello che ho ricevuto era perfetto, sebbene fosse sigillato (quindi non è nemmeno stato pretestato, era un campione casuale, come avviene la quasi totalità delle volte).



Di dissipatori problematici me ne sono capitati, tu pensa che ne ho due "classici" qui che non posso recensire, e non c'è nessun vapor chamber in mezzo. (ad oggi, circa 1/13-15 di quelli ricevuti hanno avuto problemi, tali da compromettere la recensione) Purtroppo capita, gli ha detto male perché è rientrato nel 2-3% del DOA. Se ci fossero stati modelli pessimi stai certo che ci sarebbe stata una valanga di persone, non un singolo utente. Detto ciò, il campo della dissipazione è complesso e non escludo che lo abbia montato male. Potrebbe aver messo troppa pasta termica, serrato male il sistema di bloccaggio, un sistema di montaggio reference leggermente storto, una Tamb particolarmente elevata, una CPU scadente, voltaggi elevati magari su auto, delle ventole non conformi (la ventola stock che danno in dotazione nell'812, che non ho testato, è ben diversa da due F12 noctua in push pull), etc, etc.



Con tutte queste variabili, come si può arrivare a dire, in base ad una singola esperienza estera in poche righe, che tutta la linea TPC 800 Coolermaster (che non è di certo nata ieri, indi per cui il controllo qualità è molto elevato) sia decisamente problematica ? Domanda retorica, non è possibile.



Fermo restando il fatto che essendo nuova, come ogni tecnologia in commercio, deve essere rodata e perfezionata. Il problema del posizionamento non è di coolermaster ma del progetto in sé. Parliamo degli AIO ? In base a come li posizioni, puoi avere un decremento di performance anche peggiore del TPC800. Insomma, non generalizziamo ;)
 
 
#14 maxmax80 2013-06-27 14:07
beh, l' utente in questione ha scritto che ha cambiato il dissipatore, e pure il secondo che gli ha mandato CM ha avuto la medesima disparità di resa fra posizione orizzontale & posizione perpendicolare al terreno..



questo non vuol dire che il dissipatore sia fallato, questo POTREBBE voler dire che il dissipatore si comporti in maniera differente se la mobo sia orizzontale o verticale.



ripeto, CM non a caso scrive "VERTICAL" vapor chamber...
 
 
#15 Nikolaj 2013-06-27 16:39
max, forse non ci capiamo. Nessuno sta mettendo in discussione la resa verticale contro quella orizzontale, io stesso ti ho linkato un articolo che ho pubblicato a febbraio di quest'anno, attestante quanto quell'utente ha riportato.



Il problema è casomai l'ammontare delle temperature sotto carico, che non devono essere dissimili da quanto riscontrato nelle recensioni, considerando ovviamente le variabili del caso e della piattaforma.



Cm gli ha mandato un secondo dissipatore, sostitutivo del primo, quindi la stessa cm ha accettato l'rma, e quindi come volevasi dimostrare quel sample era problematico. E' possibile che quel dissipatore sostitutivo l'abbiano testato, e se non è soddisfatto del risultato probabilmente la causa non sarà imputabile al dissipatore ma a tutto quello che lo circonda (vedi sopra). Come ti ripeto gli AIO possono presentare problemi analoghi, se non peggiori per via delle configurazioni push e pull in un cabinet, magari non adeguatamente areato.
 

Devi Registrarti / Loggarti per poter commentare.

Pubblicità

Pubblicità

RECENSIONE Creative SB Tactic 3D ALPHA

RECENSIONE Creative SB Tactic 3D ALPHA

Creative ha da poco lanciato sul mercato 2 cuffie appartenenti alla famiglia Sound Blaster, molto famosa soprattutto ai giocatori per i suoi prodotti relativi all'audio...

Leggi tutta la recensione sul Forum

Siti Affiliati

XtremeShack